Pallavolo. Stagione 2019/2020 / Ancora una vittoria per la Mastria Stella Azzurra Catanzaro sul campo dello Spezzano

11.11.2019 15:36 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:    Vedi letture
Pallavolo. Stagione 2019/2020 / Ancora una vittoria per la Mastria Stella Azzurra Catanzaro sul campo dello Spezzano

Le giovanissime allenate da Peppe Fiorini riescono ad espugnare per 3 a 1 il campo della Kermes Spezzano dopo una settimana a dir poco travagliata. Il doppio infortunio alla centrale Alice Sessa ed al posto 4 Federica Longo, l’indisponibilità delle schiacciatrici Strazzeri e Citriniti, la non perfetta condizione della schiacciatrice Braichuk, costringono lo staff tecnico a pescare a piene mani dal settore giovanile per schierare in campo un sestetto competitivo, quindi prime convocazioni per Giulia Lupia, Mirella Scozia e Marta Mancuso.

Ne risulta una partita nervosa e con mancanza di collegamento tra muro e difesa, una serie ingiustificata di errori tecnici e di attenzione, ma in ogni caso bottino pieno per la compagine catanzarese che si assesta in quinta posizione a 3 soli punti dalla zona play off.

Il tecnico Fiorini della Mastria Stella Azzurra schiera: in palleggio la capitana Giorgia Fiorini (2002), opposta Maria Cristina Galea (2001), al centro  Roberta Nardone (2005) e Giulia Lupia (2003), schiacciatrici Elisa Braichuk (1999) e Martina Abramo (2004), libero Marta Procopio. A disposizione: la palleggiatrice Marta Mancuso (2004), la schiacciatrice Federica Longo  (2004), la centrale Mirella Scozia (2004).

Risponde il tecnico Pellegrino dello Spezzano con: in palleggio Donadio, opposta De Luca, al centro L’Avena e Masci,  schiacciatrici le esperte Martino e Deni. Libero: Paola. A disposizione: la palleggiatrice Donadio, le schiacciatrici Martucci e Serrao, il libero De Simone.

Primo set con partenza contratta per le ragazze catanzaresi che non riescono ad imporre il proprio gioco e subiscono attacchi e servizi della Martino fino al 15-14 per le padrone di casa. Break in battuta della Abramo che porta il risultato sul 19-16. Si mantiene il vantaggio fino al 25-21 finale.

Secondo set con grande partenza di Fiorini e compagne ed è proprio il capitano che con un’ottima serie al servizio crea un solco enorme con le avversarie portando le compagne all’11-2. Galea appare inarrestabile con ben 10 punti nel set e la piccola Roberta Nardone è infermabile per le avversarie. Ma, come troppo spesso accade nella pallavolo, la semplicità con cui si distacca l’avversario abbassa il livello di concentrazione della squadra. Le avversarie iniziano un lento ed inesorabile recupero che getta nello sconforto la compagine catanzarese che non riesce a reagire in alcuna maniera. Sono due pallonetti della Fiorini che risolvono la spinosa situazione ed il set si chiude con un altro 25-21.

Il terzo set conferma il calo di concentrazione delle giovani catanzaresi. Il tecnico Fiorini cerca ogni soluzione per dare una scossa alle proprie atlete con Scozia su Lupia, Longo su Martino, ma la situazione non cambia. Lo Spezzano domina in tutti i fondamentali e si aggiudica il set con un netto e preoccupante 25-18.

 Quarto set con il nervosismo che la fa da padrone. La Braichuk gioca a sprazzi per il dolore alla spalla e unico terminale d’attacco per la palleggiatrice Fiorini risulta essere  sempre la Nardone che sigla 9 punti nel solo quarto set. Due ace della Lupia creano il break con le avversarie e il set si chiude sul 25-22.

Viste le premesse della vigilia e la formazione schierata in campo le catanzaresi portano a casa un buonissimo risultato che, con un po’ più attenzione e concentrazione, sarebbe potuto essere più tranquillo e netto, ma la formazione dello Spezzano ha avuto la grande abilità di ridurre al massimo il numero di errori e sfruttare le incertezze delle atlete catanzaresi, soprattutto nel fondamentale della ricezione.

Da segnalare la prestazione della quattordicenne Roberta Nardone che, con i suoi 21 punti finali, risulta essere una vera spina nel fianco della difesa avversaria chiudendo con un eccezionale 79% in attacco e nessun errore.

Peppe Fiorini: “Una giornata di grande sofferenza, ma il gruppo è riuscito a tirar fuori le energie necessarie a portare a casa il massimo del risultato, soprattutto alla luce della settimana decisamente negativa. Ad un certo punto della gara siamo crollati mentalmente iniziando ad accampare scuse ed alibi inesistenti per giustificare i propri errori. Nel momento in cui abbiamo ritrovato la concentrazione ottimale e dei validi punti di riferimento in attacco, siamo tornati ad esprimere un gioco accettabile. Oggi tre esordi in campo di atlete provenienti dalle giovanile (Abramo, Scozia e Lupia) hanno dimostrato il valore delle nostre Under, oltre alla prestazione eccezionale della Nardone, che al suo esordio in un campionato, gioca con la determinazione di una veterana.”

SCORE: Maria Cristina Galea 23, Roberta Nardone 21, Elisa Braichuk 17, Giorgia Fiorini 8, Martina Abramo 5, Federica Longo 3, Giulia Lupia 2, Mirella Scozia, Marta Mancuso. Libero: Marta Procopio.