Catanzaro spietato batte la Feralpi grazie a Ghion e Iemmello. Al Ceravolo finisce 2 – 1

Foto: Massimo Carlostella

CATANZARO (3-5-2): Fulignati; Martinelli, Brighenti, Scognamillo; Brignola, Verna, Ghion, Sounas, Situm; Curcio, Iemmello. A disp. Sala, Grimaldi, Fazio, Gatti, Megna, Tentardini, Welbeck, Rolando, Pontisso, Vandeputte, Biasci, Katseris, Cinelli, Bombagi, Cianci. All. Vivarini

FERALPISALÒ (4-3-1-2): Pizzignacco; Bergonzi, Di Gennaro, Pilati, Tonetto; Balestrero, Carraro, Hergheligiu; Siligardi; Guerra, Butic. A disp. Volpe, Venturelli, Panico, Legati, Salines, Musatti, Palazzi, Zennaro, Pietrelli, Di Molfetta, Pittarello. All. Vecchi

Arbitro: Bogdan Nicolae Sfira della sezione di Pordenone. Assistenti: Egidio Marchetti di Trento e Marco Matteo Barberis di Collegno. Quarto Ufficiale: Mattia Ubaldi di Roma 1.

Calci d’angolo CZ – FS: 8 – 6

Ammonizioni: Curcio (CZ), Tonetto (FS)

Recupero: 0′ – 3′

CRONACA

Ritorna a distanza di quasi tre anni il confronto tra il Catanzaro e la Feralpi Salò che si affronteranno per la terza volta in gare ufficiali. Un pareggio e una vittoria della Feralpi è il bilancio con il computo delle reti di 3-2 a favore dei verdazzurri.

L’ultimo match svolto dalle due società risale al 22 maggio del 2019, in occasione del ritorno dei quarti di finale dei playoff di serie C 2018-2019, quando i giallorossi non sono andati oltre il pareggio per 2-2 al Ceravolo. Le reti portano le firme di Pesce al 34’ per l’iniziale vantaggio dei Leoni del Garda. Il Catanzaro finalmente decide di giocarsi il tutto per tutto considerando il doppio vantaggio degli avversari in ottica anche dell’1-0 maturato all’andata. Quindi perviene al pareggio con Carlo De Risio al minuto 52 che da circa venticinque metri scarica il destro a fil di palo sul quale De Lucia in tuffo sulla destra non puo’ fare nulla. Rinvigoriti dal gol e spinti dai quasi 10.000 tifosi, i giallorossi spingono per la rete che potrebbe valere il passaggio del turno in virtù del miglior piazzamento in classifica rispetto ai gardesani. E così al minuto 69 Manuel Fischnaller con un tuffo alla Mammì raccoglie un assist di Mattia Maita e batte nuovamente De Lucia a cui non resta che raccogliere la palla in fondo al sacco. Mancano 20 minuti e il Catanzaro può anche gestire il risultato, ma l’ombra scura dei playoff avvolge nuovamente il Ceravolo. Infatti all’89’, da calcio d’angolo, i verdazzurri pervengono al pareggio con Legati che di testa batte Furlan.

PRIMO TEMPO

Prima del fischio d’inizio coreografia spettacolare della “Massimo Capraro” per festeggiare il ritorno in serie B.

Mister Vivarini manda in campo dal primo minuto la formazione tipo ad eccezione di Curcio e Brignola che hanno preso il posto di Biasci e Vandeputte

Primi dieci minuti avari di emozioni con le due squadre che giocano per lo più a centrocampo annullandosi a vicenda

Il Catanzaro prova ad alzare il ritmo partita collezionando tre calci d’angolo a distanza di pochi minuti

Al 23′ incursione di Iemmello che si avventa su un pallone in area di rigore e tenta di sorprendere Pizzignacco con un pallonetto ma la Feralpi si rifugia in angolo

Al 24′ incredibile svista arbitrale del signor Sfira di Pordenone che non vede una trattenuta netta su Sounas in area ospite

Al 26′ ammonito Curcio per un fallo su Siligardi

Al 28′ svarione difensivo di Brighenti che permette a Butic di ritrovarsi tutto solo davanti a Fulignati con l’estremo difensore giallorosso che è bravo a chiudere lo specchio e deviare in angolo

Il tiro dalla bandierina non sortisce alcun pericolo per la retroguardia delle aquile

Incredibile direzione arbitrale del signor Sfira di Pordenone che sta indispettendo il pubblico del Ceravolo con decisioni cervellotiche a senso unico

Al 35′ è Guerra che si incunea tra la difesa giallorossa e prova a sorprendere Fulignati che di piede respinge

Al 37′ ammonito Tonetto per fallo su Sounas

Nel finale di primo tempo non succede più nulla se non un tiro senza troppe pretese di Carraro. Le due squadre vanno negli spogliatoi sullo 0 a 0

SECONDO TEMPO

In questa seconda frazione di gioco il Catanzaro attaccherà verso la “Mammì” a favore di vento

Al 47′ azione combinata Verna – Iemmello che mandano al tiro Curcio con la palla che fa la barba al palo e si perde sul fondo

Al 55′ la Feralpi Salò passa in vantaggio con un tiro da fuori di Butic che sorprende Fulignati. CATANZARO – FERALPI SALO’ 0 – 1

Pareggio immediato con Ghion che si incunea in area ospite e con un tiro rasoterra batte Pizzignacco CATANZARO – FERALPI SALO’ 1 – 1

Doppio cambio per il Catanzaro escono Brignola e Verna ed entrano Vandeputte e Pontisso

Al 64′ la ribalta il Catanzaro con un’azione manovrata che buca centralmente la retroguardia Gardesiana, Iemmello anticipa Pizzignacco con un tocco sotto batte l’estremo difensore ospite CATANZARO – FERALPI SALO’ 2 – 1

La Feralpi Salò manda in campo Zennaro al posto di Hergheligiu

Al 72′ ancora un doppio cambio per il Catanzaro escono Curcio e Sounas ed entrano Biasci e Bombagi

Botta da fuori di Vandeputte con Pizzignacco che si supera togliendo la sfera dal sette

Al 77′ gol annullato a Biasci per un presunto fuorigioco con il guardalinee che sbandiera con una decina di secondi di ritardo dopo le proteste dei giocatori ospiti

Al 78′ sostituzione per la Feralpi Salò esce Siligardi ed entra Pittarello

All’87’ ci prova Vandeputte da fuori ma la sfera finisce alta sopra la traversa

All’88’ esce Iemmello ed entra Cianci mentre la Feralpi sostituisce Balestrero per Pietrelli

All’89’ Biasci calcia a botta sicura ma la sfera si infrange sul palo

Dopo 3 minuti di recupero e un arbitraggio vergognoso il Catanzaro batte in rimonta la Feralpi Salò grazie alle reti di Ghion e Iemmello che rendono vana la rete di Butic di inizio ripresa


Commenti

5 risposte a “Catanzaro spietato batte la Feralpi grazie a Ghion e Iemmello. Al Ceravolo finisce 2 – 1”

  1. Avatar giuseppe
    giuseppe

    non sottovalutiamo la gara. è importante per il prestigio, per il morale e per il futuro

  2. Avatar GiuseppeFratto
    GiuseppeFratto

    Grande Catanzaro la coppa non ci può scappare siamo troppo forti Speriamo che la finale la giochiamo a Reggio Emilia così da Milano x me arrivarci e una passeggiata

  3. Avatar Francesco
    Francesco

    Forza Catanzaro,a Reggio Emilia ci sarò con mio fratello,da Milano , grande Iemmello grande presidente ,grandi tifosi del Catanzaro!!!!

  4. Menomale che abbiamo lasciato la serie C , quest’anno siamo stati troppo forti nonostante arbitraggi da scandalo, almeno in serie B abbiamo il var.

  5. Avatar Giovanni
    Giovanni

    Troppo forti. Quest’anno i giallorossi hanno lottato contro tutti: squadre e arbitri . Forza aquile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *