“13 anni sono passati”: le risposte al coro (impreciso) dei cugini crotonesi (video)

C’è un coro, tra i tanti originali e simpatici che si sentono nella curva del Crotone (tipo: chi non salta giallorosso è; che gli avranno fatto mai questi del Lecce?), c’è un coro, anzi il coro che esalta la tifoseria rossoblu e deprime Marcella Bella, sulla cui musica della celebre “Montagne verdi” si dipana questo vociare sonoro pieno di domande e imprecisioni alle quali ora è giunto il momento di dare una risposta.

LA DATAZIONE

Si inizia con “13 anni sono passati, vi avevamo dimenticati”: ok, ma 13 anni da quando? Se, come si vede sul web, una delle prime apparizioni del suddetto coro è del 2007 allora, tredici anni prima ci riferiamo al 1994 come ultima volta dei giallorossi con il Crotone. All’epoca, infatti, pare che ancora i pitagorici fossero gli sparring partner delle partitelle del giovedì. Nel mezzo però gli anni degli scontri in c1 e in B. Mistero della fede, ma soprattutto coro mai aggiornato perchè i supporters rossoblu dal 2007 almeno, ad oggi, cantano sempre che 13 anni sono passati.
Può essere che ci avevano dimenticati, talmente tanto da dedicarci un coro apposito, a volte però banale. Perchè continua con: “poi la mafia del palazzo vi ha rimesso in mezzo al cazzo”. A parte la banalità della rima con palazzo (quasi peggio di cuore-amore) ma poi quale palazzo? Quello che ci ha retrocesso per una telefonata mai comprovata o la stessa mafia – calcistica – che in questi anni ha visto il Crotone coinvolto in scandali di calcio scommesse e Calciopoli? Stavolta la domanda la facciamo noi.

BASTA INFORMARSI

E rispondiamo alle vostre. Il coro prosegue infatti con dei quesiti linguistici: “ajaddina cosa vuol dire? Foragabbu me lo devi spiegare”. Presto detto: ajaddina indica meraviglia, stupore. Ad esempio: quando Iemmello ha segnato nel derby di andata molti catanzaresi hanno detto: ajaddina gol. Foragabbu è più semplice: via la sfiga, il malocchio, la iella, vietato indossare il colore viola che si ottiene dall’unione del rosso e del blu, così per informazione.
Ma loro imperterriti: “tu vuoi fare l’ultras inglese, ma poi parli catanzarese, voi vivete sulle montagne, e qualcuno nelle campagne”. E anche qui due puntualizzazioni: a parte il passaggio repentino dal tu al voi (vi concediamo la licenza poetica), poi per l’ultras inglese che parla catanzarese potete rivolgervi ai colleghi di lavoro, amici, anche parenti che questa vita la fanno ogni domenica dal 1929. Ma l’errore più grande è di geografia: “Voi vivete sulle montagne”: quali? Forse quelle della Sila ma lì allora parliamo della provincia. Campagne sì ne abbiamo e ne siamo orgogliosi, ma così come anche mare e collina. Ma montagne davvero poche e nulla, ma avete dimostrato che per le rime non avete grande fantasia.

DA CHE PULPITO

Lo dimostra il prosieguo del coro: “la tua squadra sempre perde, e voi siete delle merde”. Capiamo la necessità di inserire in un coro la parola merde e associarla alla vostra ossessione, anche perchè un coro con volgarità fa più ultras macho, pronta ad ammazzarci (cit). Ma, ancora una volta, che banalità: perde-merde. Dicendo una falsità guardando ai risultati di questa stagione, quando tutto ha fatto il Catanzaro tranne che perdere. E allora non era meglio: sul prato verde siete delle merde? Almeno riprendevate anche parte del titolo della canzone usata per il coro.
E arriviamo al top: “quando i Greci sono arrivati a Crotone sono sbarcati, puoi gridarlo finchè vuoi, ma la storia siamo noi!”. E qui alziamo le mani. In storia sicuro andate meglio che in geografia e nulla si può dire su Pitagora, Milone, Alcmeone. Personaggi che hanno scritto la storia senza dubbio. Ma non è un tantino esagerato vantarsi di una storia lontana secoli e che poco ha a che fare col calcio? Specie se poi accusate noi di vantarci per la serie A, temporalmente e logisticamente più vicina a un campo di calcio ma per voi troppo lontano per esibirla come vanto. Tanto che ci dite che “la serie A l’ha vista solo tuo papà” (anche qui davvero originali) ma poi vi attaccate a personaggi, sì storici e importantissimi, ma che forse i vostri avi avranno avuto la fortuna di incontrare.
Beati loro, che hanno potuto conferire con medici, matematici, filosofi mentre noi oggi dobbiamo vedercela con gente che scrive rime banali e poi mostra il sedere in curva. Altro che tredici anni sono passati, qui si parla di secoli di discendenza, anzi di discesa ripida e rovinosa.


Commenti

18 risposte a ““13 anni sono passati”: le risposte al coro (impreciso) dei cugini crotonesi (video)”

  1. Avatar maurizio
    maurizio

    W L’IGNORANZA.

    1. Avatar Nicola
      Nicola

      Dici bene. W l”ingnoranza x i crotonesi🤣🤣🤣🤣

  2. Avatar Giacomo
    Giacomo

    Dei cori Scrotonesi interessa poco, resta il rammarico di non poter rispondere sugli spalti. A tal proposito volevo chiedere: ma non si poteva fare ricorso al TAR come Lecce e Eintracht per le trasferte di Milano e Napoli? E poi sapere se avete notizie sulle eventuali presenze allo stadio dei tifosi fuori provincia.

  3. Avatar Felice
    Felice

    E proprio vero, ognuno mostra quello che ha………..

  4. Avatar Claudio Ruga
    Claudio Ruga

    Avete offeso il popolo giallorosso Chiamandoli Cugini, ma quale cugini per favore, nemmeno lontani parenti!!!!

    1. Avatar Maurizio De rose
      Maurizio De rose

      Appunto quali cugini in ns padri hanno visto la serie A invece i loro padri poverini la prima categoria 😂😂😂👋👋❤️💛❤️💛

  5. sti 4 lordoni ppè n’annu e serie A si sentono chissà chi ma jati faciti n’colu !!!

  6. Avatar Storico1957
    Storico1957

    MASSONI E MAFIOSI , PROTETTI DALL’ ALTO . SIETE SOLO ZINGARI SPORCHI E VOLGARI , FATE VENIRE IL VOMITO !

  7. … e il Sommo Poeta scrisse: “non ragioniam di lor ma guarda e passa”.
    E ho detto tutto !!

  8. Non chiamiamoli cugini perché non lo sono. E poi è meglio che risparmiano le gole per i ply off e l’anno prossimo per i ply aut. 😂😂😂

  9. Avatar Alessandro
    Alessandro

    Storico 1957 , eviti di dire cazzate . . . Siamo tutti tifosi , nessuno è più tifoso dell ‘altro , massoni e mafiosi . . . ? Zingari ? Da quello che si è visto i massoni sono a Catanzaro , (Nicola Gratteri li ha spazzati via ) Mafiosi ? Ad oggi nessuna sentenza nei confronti della famiglia Vrenna . Gli zingari sono a Catanzaro è sono tantissimi . Forse sarebbe meglio di parlare di calcio, Crotone viene da 25 anni di calcio ad un certo livello , 13 anni consecutivi in b , 3 anni in a , altri campionati tra b e c . . . I playoff li hanno sempre vinti ! Mi auguro che la famiglia Noto rimanga anche lei per 25 anni . . . per riscrivere la storia. Piace o non piace è un derby con il Crotone .

    1. Avatar Manlio
      Manlio

      Il volersi aggrappare a tutto, per voi crotonesi, per ribadire un falso calcistico (“è un derby con il Crotone”), fa davvero tanta tenerezza.
      Il Catanzaro ha giocato (e spero possa nuovamente giocare in futuro) solo un derby: contro il Cosenza.
      Così come la Reggina ha il suo derby contro il Messina (squadre di due regioni differenti).
      Il Crotone, probabilmente, il proprio derby lo avrà giocato e, chissà, forse in futuro lo rigiocherà, contro il Pontegrande.
      Piaccia o meno 🤷🏻‍♂️

    2. Ma tutta questa cattiveria e antipatia sportiva verso la squadra e la città di Catanzaro da dove l’avete sviscerata? Il vostro odio è sintomo di anti sportività’ e campanilismo e può alimentare soltanto violenza che non fa bene allo sport e all’immagine della Calabria che cerca di emergere dalle tante cose negative. La storia sportiva del calcio Catanzaro dice che è stata la prima formazione della Calabria ad andare in serie A, sette stagioni di cui cinque consecutive, e nove volte ha partecipato ai play off senza vincerli, anche perché è un terno all’otto, auguro a voi di vincerli subito e di rivederci in serie B. Quindi siete obiettivi, calmatevi e tifate da sportivi senza alimentare odio e rancore, viva lo sport fuori dagli stadi i violenti.

    3. Avatar Palanca63
      Palanca63

      Alessandro chiediti quanto sei coglione…..impiccati

  10. Avatar Michele
    Michele

    Pensiamo a festeggiare la B…. lasciamo stare le chiacchiere, storia, serie a, palazzo, etc etc…noi siamo il Catanzaro!

  11. Avatar alessandro
    alessandro

    Egregio Sig Luigi , se si riferisce al sottoscritto . . . Sono tifoso del Catanzaro , sono di Catanzaro . Ho solo detto la verità , se poi a lei dia fastidio la verità , e pensa che questa sia cattiveria problemi suoi evidentemente lei non recepisce L ‘ italiano , oltre alla realtà di Catanzaro di oggi . Cordialmente

  12. Avatar Palanca63
    Palanca63

    Alessandro chiediti quanto sei coglione…..impiccati

  13. Avatar Silvia
    Silvia

    Gentile Alessandro, la storia è importante e bisognerebbe conoscerla tutta non solo quella della propria squadra del cuore. Ma anche la grammatica è abbastanza importante: magari se inizi a capire la differenza tra e congiunzione ed è voce del verbo essere potrebbe essere un buon inizio. Non vorrei mai che tu scrivessi uno striscione allo stadio e facessi uno strafalcione. Non è proprio bello, dai!!! E non mi dire che queste cose te le devono dire gli zingari catanzaresi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *