Avellino, Rastelli: “Risultato pesante. C’era un rigore su Ricciardi”

Il tecnico dell’Avellino Massimo Rastelli in sala stampa ha commentato la sconfitta per 4-1 a Catanzaro.

Sul match: “Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, abbiamo cercato di imbrigliarli. Siamo passato in vantaggio, abbiamo avuto un paio di occasioni per raddoppiare, a mio avviso c’era un rigore su Ricciardi, con lo stesso metro è stato dato il rigore a loro. Hanno pareggiato, poi nella ripresa l’hanno vinta, a mio avviso, sfruttando quel mezzo metro che non riuscivamo più a coprire nel primo tempo. Abbiamo perso le distanze, abbiamo permesso loro di entrare facilmente in area di rigore. Poi l’espulsione ha chiuso la gara, e nel finale, sbilanciandoci, abbiamo preso alcuni gol che hanno reso il risultato troppo pesante per la prestazione che abbiamo fatto. Nella ripresa, appena qualche giocatore è calato, è venuta fuori la loro qualità. Il centrocampo al momento è il reparto con maggiore difficoltà, perché abbiamo avuto delle defezioni in settimana, Casarini non si è allenato per tutta la settimana, l’ho messo proprio alla fine. Dobbiamo cercare di recuperare energia in mediana”
La forza del Catanzaro: “Lo sapevamo, e per questo abbiamo cercato di fare una gara diversa dalle altre, cercando di recuperare palla e ripartire. Fin quando ce l’abbiamo fatta, abbiamo reso difficile la vita al Catanzaro”.


Commenti

3 risposte a “Avellino, Rastelli: “Risultato pesante. C’era un rigore su Ricciardi””

  1. Avatar Presidente
    Presidente

    Grazie mister Rastelli per aver vinto contro gli innominabili, per il resto se non avevi Pane in porta ne prendevi altri quattro…

  2. Avatar beppe
    beppe

    minimo altri 4 sto caxxo di Pane contro di noi sempre si apre ma…non solo lui purtroppo tutti i portieri che incontrano il Catanzaro fanno la partita della vita…

  3. Avatar Angelo
    Angelo

    Rastelli mi dispiace ma hai visto un’altra partita, il Catanzaro è stato troppo forte, cerca di essere umile perché hai un’ottima squadra ma il timone lascia a desiderare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *