Viterbese – Catanzaro 1-0, le Aquile perdono l’imbattibilità, ma la testa della classifica è ben salda. Forza ragazzi!

E per la legge dei grandi numeri arriva la prima sconfitta stagionale. Dopo 27 giornate, il Catanzaro perde l’imbattibilità ma conserva, saldamente, la testa della classifica con un più 10 sul Crotone.
Non cambia nulla, se non per gli amanti della statistica, buttare la croce addosso ad una squadra che fino ad oggi ha deliziato, divertito ed entusiasmato sarebbe ingiusto ed ingeneroso.
Non è stato un bel Catanzaro ma non è stata nemmeno una Viterbese capace di aver messo sotto il Catanzaro. Ai padroni di casa va il merito di essere stati capaci di sfruttare l’unica occasione avuta in 90 minuti. Il resto lo ha fatto il Catanzaro, capace di divorarsi diverse occasioni e un po confuso nella manovra tanto da risultare lento ed impacciato.
Niente drammi, il Catanzaro è la capolista indiscussa e con merito del campionato di Serie C del girone C con un vantaggio importante di 10 punti quando al termine del torneo mancano 11 giornate.
Il primato logora chi non c’è l’ha!!! Forza ragazzi!!


Commenti

8 risposte a “Viterbese – Catanzaro 1-0, le Aquile perdono l’imbattibilità, ma la testa della classifica è ben salda. Forza ragazzi!”

  1. Senza se e ma. FORZA CATANZARO

  2. Forza aquile!!!!!
    Rumpimu tuttu!!!

  3. Forza ragazzi non è successo niente, purtroppo il calcio e spietato vincere con un tiro in porta succede una volta ogni tanto, sono 27 partite che dominiamo e prima o poi qualcosa doveva andare storto , ma noi siamo piu forti delle avversità poiché abbiamo uno squadrone , forza continuiamo già dalla prossima in casa e prendiamoci questa serie B.

  4. Domenica prossima la squadra farà vedere che è stata solo una serata sfortunata….dispiace solo aver perso per un gol di Riggio….io pensavo che si fosse ritirato o avesse cambiato sport

  5. Avatar Storico1957
    Storico1957

    LA SCONFITTA HA UN NOME : PASCARELLA . MANCATA ESPULSIONE DI MEGALITIS O COME CAZZO SI CHIAMA QUESTA MERDA CHE ENTRA COL PIEDE A MARTELLO E BEN 4 RIGORI NEGATI . CON POCA CATTIVERIA E IMPRECISINI VARIE A MEZZO METRO DALLA PORTA NON ANDIAMO DA NESSUNA PARTE . ERA DA VINCERE 10 A 0 . CI HANNO FATTO UNA FATTURA . AUGURO ALLA VITERBESE DI RETROCEDERE E SCOMPARIRE PER SEMPRE .

  6. Avatar Maurizio1945
    Maurizio1945

    Siamo stati sfortunati vedi traversa di Union, occasione di Brighenti e Iemmello . Sempre Forza
    GIALLOROSSI a partire dalla prossima partita .

  7. Posso dirti una cosa per me merde come sono la partita se la sono comprata , perché anche si vedeva lontano un miglio come si comportava quello che doveva essere un arbitro.Ma vedrai che la giustizia sarà fatta loro andranno nella d e Noi nella b … vorrei concludere dicendo una frase di Totò Signori si nasce,non ci si diventa , modestamente il Catanzaro ci è nato per varie ragioni,ma la Viterbese ho i miei dubbi..FORZA CATANZARO..

  8. Una sconfitta ci può stare anche con una fra le ultime in classifica ma il gioco creato e le occasioni mancate sono il prodotto di una frenetica rincorsa a recuperare il risultato compromesso da una disattenzione di tutta la difesa rimasta a guardare il cross dall’angolo e così si è persa completamente la lucidità e la freddezza che compete alla prima della classe il goal mancato da Brighenti ci può stare è un difensore non possiamo pretendere il colpo di testa che si insacca all’incrocio forse doveva esserci qualcun altro in quella posizione poi la traversa di Ghion è come il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto è stato un tiro sfortunato o no ? ma di sicuro il goal letteralmente mangiato da Biasci a tre metri dalla linea di porta è testimone di una mancanza di lucidità che ha coinvolto tutta la squadra . Ora non sono i tre punti persi che si traducono con un solo punto guadagnato dai Pitagorici a dover preoccupare ma da qui in avanti con le gare che saranno sempre più tese sul piano nervoso i giocatori e il loro capitano Vivarini avranno l’atteggiamento della squadra grande fredda e sicura o cadranno nella trappola dell’ansia che offusca e rende vano qualunque assalto al risultato utile ? non facciamo l’errore di trincerarci dietro il concetto “ ma avimu 10 punti e vantaggiu oppure ma si simu forti fù na gara sfortunata “ ci vuole poco a sentire il fiato del rivale dietro al collo e accorgersi che è tardi anche per i rimpianti .È lunga lunghissima tosta tostissima speramu ma jocamu freddi lucidi e spietati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *