Stadio Ceravolo, Filippo Mancuso: “Abbiamo i fondi per i lavori di ammodernamento”

Ci sono i fondi per mettere mano ad ampio raggio ai lavori di ristrutturazione dello Stadio “Nicola Ceravolo”. La cifra è di 9 milioni di euro e riguarderà i lavori per l’adeguamento dei criteri infrastrutturali idonei ad ottenere la licenza nazionale ai campionati maggiori (Serie A e Serie B), e, udite udite la costruzione delle Curve.

A darci la notizia è direttamente il Presidente Regionale Filippo Mancuso, raggiunto da catanzarosport24.it: “Sarà la Regione Calabria a finanziaere le opere necessarie ai lavori di ristrutturazione del Nicola Ceravolo, un impegno concreto, del quale mi preme ringraziare il Presidente Occhiuto per la preziosa disponibilità”.

LA cifra, 9 milioni, non riguarderà soltanto i lavori di adeguamento dei criteri strutturali necessari per garantire all’U.S. Catanzaro la Licenza Nazionale in caso di promozione in Serie B, ma riguarderà anche il rifacimento ex novo della Curva Massimo Capraro, quella dove risiede la tifoseria casalinga ed anche la Curva Est. Entrambi saranno abbattute e ricostruite a ridosso del rettangolo di gioco.

Si è così – sottolinea Mancuso – anche se non posso addentrarmi in competenze che non conosco in quanto ora toccherà al Comune di Catanzaro preparare le schede tecniche e dar fondo alla procedura burocratica per attingere ai 9 milioni di euro

Una parte andrà anche a finanziare la costruzione della Tribuna Centrale di cui il Comune del Capoluogo disponeva già di 1 milione di ero ma non sufficiente alla completa realizzazione.

Il tutto ora passa nelle mani dei tecnici di via Jannoni ai quali andrà il compito di redigere il piano lavori, con l’intento anche, di avere già disponibile per la prossima stagione almeno la Curva Massimo Capraro e la Tribuna Centrale.


Commenti

Una risposta a “Stadio Ceravolo, Filippo Mancuso: “Abbiamo i fondi per i lavori di ammodernamento””

  1. Avatar Massimiliano Sacco
    Massimiliano Sacco

    con gli stessi soldi si costruisce uno stadio nuovo per 10.000 spettatori. È inutile continuare ad adeguare una struttura inevitabilmente inadeguata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *