27 Gennaio 2023

catanzarosport24.it

l'informazione giallorossa

Se Bayeye batte Messias. (Anche) questo derby è giallorosso

scritto il: giovedì, 12 Gennaio 2023 - 09:45

Tempo di lettura: 2 minuti

Brian contro Walter: dal minuto 111 di Milan-Torino di Coppa Italia il duello non è solo più tra rossoneri e granata. La sfida, molti chilometri più giù e in un mercoledì senza tensioni da campionato, la sfida è tra loro due, Brian contro Walter, Bayeye contro Junior Messias. Due belle storie di due ragazzi di talento che hanno raggiunto la massima serie e che oggi, per la prima volta, si affrontano uno contro l’altro. Nella stagione della sfida al vertice in serie C tra Catanzaro e Crotone, tutto fa derby e così una poco sentita partita di Coppa Italia a queste latitudini fa trovare comunque motivi di interesse. Eh già perchè Bayeye fino allo scorso anno giocava nel Catanzaro; un girone di ritorno fantastico coi giallorossi che non a caso attira le attenzioni del Torino che in estate se ne accaparrano le prestazioni. Dall’altra parte Messias, dalla serie D alla Champions League passando, per il definitivo lancio nel calcio che conta, da Crotone. Esperienze e ricordi diverse, quello che ha fatto Messias a Crotone è certamente più significativo di quello che ha mostrato Bayeye, ma in mezzo c’è un’età e un paio di categorie di differenza. E poi da una parte c’è il Torino, dall’altro il Milan: il confronto tra i due insomma sembra impari. Per dirla alla De Sanzo, allenatore della Gelbison, “sapete quanto costa Bayeye? 10 milioni Messias, un milione Bayeye”. Ma il calcio si sa, spesso ribalta i pronostici, sovente riserva sorprese. Così nella partita in cui ci si aspetterebbe il gol di Messias, arriva l’assist, decisivo di Bayeye. Milan 0 – Torino 1, ma anche in Calabria, Messias a secco, Bayeye assist man. O meglio, nella stagione della lotta al vertice, Catanzaro 1, Crotone 0. Perchè tutto fa brodo, anzi tutto fa derby. E così dopo la vittoria al “Ceravolo”, un altro punto in favore dei giallorossi nella sfida tra ex. Un altro motivo di vanto e scherno, col solo rimpianto che in campo non ci fosse stato un altro grande ex rossoblu ora al Milan: Alessandro Florenzi. Sarebbe davvero stato chiedere a una semplice partita di Coppa Italia che qua, per quello che può valere, è stato già un anticipo di derby. D’altronde c’è chi lo fomenta con dossier arbitrali, relativi e incompleti e chi, come al solito, facendo parlare i fatti, il campo, i gol. E gli assist…

Commenti da Facebook

Articolo scritto da:

Categorie

error: © Tutti i diritti riservati (All Rights Reserved) Catanzarosport24.it
P