La domenica bestiale di Katseris. Esordio, gol ma niente foto ricordo

É domenica 18 dicembre 2022. Una domenica molto particolare per chi gioca a calcio e per chi questo gioco lo ama. Immaginarsi per chi questo gioco lo ama e lo pratica. Panos Katseris é uno di questi e anche per lui, quindi questa è una domenica molto particolare. Oggi Panos fa il suo esordio dal primo minuto tra i professionisti. Lo fa con addosso la maglia, gloriosa e altresí pesante, del Catanzaro in uno stadio storico, il “Ceravolo” e in una domenica particolare.
La domenica della festa e del ricordo di Massimo Capraro, di cui Panos – da pochi mesi in città – ha probabilmente poco sentito parlare. Ma anche lui ne sente la presenza nei colori della curva che si prepara alla coreografia durante il riscaldamento. Un riscaldamento anche questo particolare, figlio di questa domenica speciale. Già perché questo 18 dicembre registra altri due eventi curiosi. Il primo: a Catanzaro si gioca ad un orario insolito, le 12:30. Il motivo? Ufficialmente risparmio energetico, in verità molti vogliono, a fine partita, godersi la finale dei Mondiali che, per la prima volta, si gioca nella stessa giornata di altre partite. Altrimenti questa domenica 18 dicembre 2022 non sarebbe così particolare.
Ma Panos ha un solo pensiero in testa: l’esordio, la gara dal primo minuto, le indicazioni del mister, i consigli dei compagni. Al Mondiale ci sarà tempo per pensarci, sia da appassionato che da calciatore, oggi la mente é tutta sull’esordio. Anche la festa per Massimo Capraro, per lui, é messa in secondo piano (ci sta), anche l’orario insolito poco importa. Panos ha in testa solo il suo esordio: questo rende il suo 18 dicembre 2022 particolare. Nemmeno lui sa che da particolare diventerà indimenticabile. Anche perché per questo passaggio sembra volerci tanto, tantissimo. Panos insomma già é contento di giocare dal primo minuto, non pensa anche che possa essere protagonista. Perché, come detto, una cosa é giocare l’altra é addirittura segnare, specie per chi come lui non é un attaccante. Sembra insomma che per far diventare la domenica da particolare a indimenticabile ci voglia tanto, forse troppo.
E invece…invece ci vogliono 45 secondi per entrare nella storia. Quella dei gol tra i più veloci e la sua personale, quella di un ragazzo in gol all’esordio dal primo minuto. Incredibile? No, d’altronde questo é lo strano 18 dicembre 2022. Una data che molti non dimenticheranno, Panos sicuramente. Gli resterà impressa nella mente per sempre, soprattutto il fischio d’inizio, quei 45 secondi e poi il gol. L’unico rammarico é che una giornata così ai nipoti la potrà raccontare senza foto del gol, del tocco di piatto – facile si, ma ti ci devi trovare –dell’esultanza.
Il motivo? Ha segnato troppo presto. E già perché appena inizia la gara, parte anche la favolosa coreografia degli ultras nella Capraro, cioè dalla parte opposta in cui attacca il Catanzaro. E i fotografi, anche giustamente, si piazzano lì sotto la Ovest a scattare quello splendido sventolio di bandiere giallorosse. Tanto, pensano, tra un paio di minuti ci trasferiamo di la. Mai errore, involontario, fu più grave. Panos (e tutto il Catanzaro) é veloce, troppo veloce e a tutti, in fondo va bene così. Anche ai fotografi che in una domenica così, in un 6 – 1 spettacolare di materiale ne avranno a bizzeffe. Il vero rammarico é per Panos “colpevole” di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. O forse a errare sono stati i fotografi. O forse, anzi sicuramente, nessuno ha torto. La vera colpa é di questo 18 dicembre 2022: strano, particolare, incredibile. Ma ci sarà per tutti modo di “rifarsi”…


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *