Che anomalia al “Ceravolo”. La tribuna coperta non è coperta

Che lo stadio “Ceravolo” presenti anomalie e stranezze, alcune anche pittoresche e simpatiche, è cosa risaputa da tempo. E sono tante le cose che non vanno che quasi, la stranezza che raccontiamo ora, passa in secondo piano, nascosta da una palazzina brutta e scomoda e una tribuna coperta in cui però ci piove dentro. Ma proprio alla fine di questa tribuna, scorrendo lo sguardo verso Ovest, proprio al confine con la curva “Capraro” si nota un pezzo di tribuna senza copertura. Facile ironizzare pensando che tanto anche con il tetto la pioggia arriva lo stesso, ma nella realtà dei fatti quel tratto di tribuna – una sessantina di seggiolini – non ha alcun tipo di copertura. Eppure il biglietto in quel settore costa tanto quanto quello di tribuna canonico pur essendoci riparo. E pensiamo al riparo dalla pioggia si, ma anche dal sole quando i tempi, meteorologicamente parlando, saranno migliori. Tempi in cui, visto che sportivamente tutto è sereno,  si prevede un grosso afflusso di persone. Si pensa – si spera – a uno stadio sold out, pieno in tutti i settori, anche quello sopra l’ingresso più esterno della tribuna ovest, a fianco della Capraro. Lì dove non c’è la copertura ma si paga lo stesso che in tribuna coperta. Un’anomalia che poco importerà a chi, pur di seguire lo spettacolo dei giallorossi, sarebbe disposto a sedersi suo gradini – se fosse possibile – figurarsi a stare in una tribuna coperta non coperta. L’anomalia resta, la passione pure quindi sicuro nessuno protesterà, come non ha detto nulla finora, ma nell’ottica di perfezionamento dei dettagli voluto da tutti, è giusto che nulla resti scoperto. Nemmeno un piccolo tratto di tribuna.


Commenti

5 risposte a “Che anomalia al “Ceravolo”. La tribuna coperta non è coperta”

  1. Avatar SALVATORE
    SALVATORE

    Buongiorno,con la partita contro il Crotone ho comprato 5 biglietti avendo speso più di 100 euro,arrivato allo stadio scopriamo che la tribuna non era coperta,fra le altre cose da seduto la partita non la potevo vedere per lo striscione legato alla ringhiera,l’ho fatto presente ad uno addetto,mi ha risposto che era così non ci si poteva fare nulla che lo striscione doveva rimanere lì,alla fine ci siamo spostati in alto guardando la partita in piedi.

  2. Avatar Mino Sacco
    Mino Sacco

    Lo stadio va spostato in zona Germaneto. Chi contesta questo trasferimento, non vuole bene né alla squadra e né a Catanzaro che finalmente avrebbe uno stadio moderno con tanti parcheggi e tante altre infrastrutture!!!

  3. Avatar Giuseppe Fava
    Giuseppe Fava

    Il Ceravolo è il nostro stadio…
    Non si tocca…

  4. Avatar Alessandro
    Alessandro

    Al ceravolo un bel parcheggio per ospedale, per chi viene da fuori città bisogna dare servizi . Zona stadio da bonificare. . . in primis sgombro ambulanti, costruire uno spazio fisso per gli ambulanti . Stadio a Germaneto ( una bomboniera dovrà essere )

  5. Avatar Santo Costanzo
    Santo Costanzo

    Per fare uno stadio nuovo (ma poi chi?) Ci vogliono tra terreno , progetto, bando europeo, ricorsi, lavori almeno 6/7 anni.
    Questi sono i tempi per tutti gli stadi costruiti ex novo (4) in tutta italia.
    Siamo disposti ad aspettare tanto?
    No, io dico che:
    Rifatta la tribuna coperta in legno lamellare senza gli orrendi pali e con i pannelli fotovoltaici per essere energeticamente autonomi, chiudere il sottopassaggio della Capraro unendola e ricavare l’accesso ambulanze mezzi di soccorso ad esempio nell’angolo trihunacest/ curva est, abbassare e cambiare le vetrate della tribuna e distinti, per la palazzina ai 2 lati ad uno il logo societario, a l’altro tabellone luminoso, ed infine cercare di creare dei parcheggi magari un silos utile per lo stadio e ospedale. 14500 posti dono più che sufficienti per la B visto che levato il derby siamo sempre non più di 7000!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *