22 Novembre 2022

catanzarosport24.it

l'informazione giallorossa

Forza, velocità e tecnica: Mario Šitum, un treno sul binario giallorosso

scritto il: martedì, 27 Settembre 2022 - 09:00

Tempo di lettura: 2 minuti

Nell’ormai sempre più rapido processo di espansione imboccato dal calcio moderno, ha acquisito sempre più importanza e centrale il ruolo del terzino o, utilizzando un riferimento sicuramente più vicino alla epoca del calcio moderno, dell‘esterno basso . Questa denominazione rende più chiara il ruolo dell’esterno, in quanto l’ apporto dei titolari delle corsie esterne risulta, pertanto, fondamentale non solo per limitare quanto più possibile le sortite offensive avversarie ma, al contempo, rappresenta uno dei fattori più importanti per spezzare la pressione avversaria e giungere quanto più frequentemente negli ultimi metri della trequarti avversaria figura dell’esterno rappresenta una delle risorse più utili ed importanti a disposizione di qualsiasi allenatore e dalla quale molto spesso dipende l’esito di una partita o di un campionato: l’organizzazione e principi di gioco sicuramente differenti nelle due diverse fattispecie appena citate, ma nelle quali non si può prescindere da un profilo funzionale a quello che è l’approccio e la filosofia che il calcio moderno richiede.

Mario Šitum  sempre più una certezza a destra per mister Vivarini. Se a sinistra Vandeputte continua ad affinare la condizione per tornare al 100% ,sull’altra corsia l’esterno croato, con la partita di sabato contro il Messina,  è arrivato alla terza partita consecutiva da titolare (totalizzando 311 minuti in cinque presenze) insaccando il suo primo gol in giallorosso contro il Latina.

L’esterno classe ’92 ha avuto una crescita pazzesca nel corso di questo inizio stagione, divenendo forse uno dei volti emblematico dell’apporto migliorativo generato dal sistema Vivarini. Un calcio divertente e fluido, che fa divertire i tifosi presenti al “Ceravolo“. Il tecnico abruzzese impiega l’esterno di Zagabria come esterno di centrocampo destro nel suo 3-5-2 ma all’occorrenza ha giocato anche da ala sinistra e da seconda punta. In questa prima parte di campionato, l’esterno croato si è fatto notare per la grande corsa, la fisicità e l’ottimo senso della posizione unito a un buon tiro che lo rendono particolarmente temibile in area di rigore. Difficile rinunciare alla sua spinta, tanto è vero che esiste un Catanzaro con lui e uno senza.

I numeri in fase di possesso

Parlare di dipendenza sarebbe esagerato (per via del ruolo importante che hanno/ avranno anche Tentardini, il giovane Katseris e l’acciaccato Rolando) però le dinamiche inducono a sfiorare approcci di questo tipo. Il dribbling di un esterno ha un valore tattico fondamentale, visto che può spianare la strada alla risalita del campo dalla difesa, oltrepassando la linea del pressing avversaria muovendo la sfera. L’ex terzino dello Spezia , oltre ad essere un buon palleggiatore, con una media del 75% di precisione dei passaggi e il 48,5% tocchi di media a match, è anche bravo nel creare i presupposti di una superiorità numerica attraverso giocate individuali è abile nella conduzione della palla, sia mantenendosi su tracce defilate che tagliando verso l’interno, sfruttando la sovrapposizione di un compagno che fornisce ampiezza. Šitum è abile nella conduzione della palla, sia mantenendosi su tracce defilate che tagliando verso l’interno, sfruttando la sovrapposizione di un compagno che fornisce ampiezza, certifica il tutto rivelando la totalità di un calciatore di vitale importanza.

Commenti da Facebook

Articolo scritto da:

Categorie

error: © Tutti i diritti riservati (All Rights Reserved) Catanzarosport24.it
P