Catanzaro – Campobasso 3-0: analisi tecnico/ tattica

Primo tempo equilibrato, poi viene fuori il Catanzaro che rifila un rotondo 3-0 a un buon Campobasso. Doppietta di Iemmello, terza rete ad opera di Bombagi.

FORMAZIONI

Catanzaro 3-5-2: Branduani; Martinelli DeSantis Scognamillo; Bayeye Verna Cinelli SounasVandeputte; Biasci Iemmello. All. Vivarini.

Campobasso 3-4-3: Zamarion; Menna Dalmazzi Sbardella; FabrianiCandellori BontàPace; Liguori EmmaussoBolsius. All. Cudini.

PRIMO TEMPO

La prima frazione di gioco ha messo evidenza gli accorgimenti tattici decisi dai due allenatori. Mister Cudini ha sorpreso i più schierando i suoi con il 3-4-3 e dunque posizionando Fabriani sulla linea di centrocampo con il chiaro intento di marcare a vista Vandeputte.

Mister Vivarini ha più volte ripreso i suoi insistendo per alzare l’intensità del gioco e velocizzare la manovra soprattutto quando gli ospiti in fase di non possesso si abbassavano tanto formando una linea di difesa a 5 con l’arretramento di Fabriani e Pace.

La sfida è rimasta pertanto equilibrata, con il Catanzaro in chiara difficoltà nella fase di costruzione di basso grazie all’insistito pressing del Campobasso con una linea di 3 più 1 e la marcatura fissa sugli esterni di centrocampo riusciva a chiudere bene le linee di passaggio dei giallorossi. Oltre a una buona fase di pressing, gli ospiti si sono dimostrati più reattivi nella riconquista.

Una per parte le occasioni da rete più ghotte. Inizia il Catanzaro con uno scambio rapido Biasci Vandeputte che vede il Belga entrare in area e tentare la conclusione sul palo lontano ma la palla termina fuori dallo specchio della porta.Il Campobasso intorno al 23esimo vede Pace rubare palla a Martinelli e ribaltare l’azione trovandosi in superiorità numerica. Per fortuna dei giallorossi Liguori scivola in area facendo sfumare la favorevole occasione.

Il Catanzaro chiude in vantaggio il primo tempo grazie a un calcio di rigore procurato e realizzato da Iemmello. Nell’occasione Menna effettua un retropassaggio corto verso Zamarion, Iemmello scatta e anticipa il portiere che lo aggancia al limite dell’area. Trasformazione del penalty di forza con portiere spiazzato e vantaggio per i padroni di casa.

SECONDO TEMPO

Il Catanzaro entra in campo con un piglio decisamente diverso e lo si nota dalla qualità della manovra offensiva che diventa più rapida, più efficace, più ficcante.

Iemmello illumina la scena liberando Bayeye che tenta un cross morbido ma non c’è nessuno dei giallorossi pronto a colpire. Poi è Vandeputte che si smarca sulla sinistra e confeziona un cross teso sul quale Biasci prova la deviazione di tacco.

Cucini decide subito per un doppio cambio sostituendo Liguori e Bolsius per Mercaj e Rossetti, ma è il Catanzaro a spingere e puntualmente arriva il raddoppio. Bellissimo scambio VandeputteSounas con cross teso nell’area piccola dove Iemmello anticipa Dalmazzi e infila Zamarion.

Il Campobasso accusa il colpo e cerca di riversarsi in avanti alzando la linea di difesa, ma il Catanzaro sornione ne approfitta con improvvisi break grazie all’inesauribile Verna che spadroneggia a centrocampo. I giallorossi abbassano i ritmi e cercano la terza rete colpendo di rimessa.

Vivarini toglie dalla mischia Bayeye e Cinelli per Rolando e Wellbeck, Cudini invece sostituisce uno stanchissimo Bontà con Nacci.

Gli ospiti girano a vuoto accusando gli stessi problemi offensivi visti nella prima frazione di gioco, i padroni di casa viaggiano sulle ali dell’entusiasmo trovando anche la terza marcatura con Bombagi che intercetta una palla contesa da Vandeputte e Menna infilando un non perfetto Zamarion.

Unica nota stonata sono i due gialli rimediati da Scognamillo e Martinelli che costringeranno il Catanzaro a disputare l’ultima di campionato senza due pilastri del pacchetto arretrato.

CONSIDERAZIONI

L’equilibrio della prima frazione di gioco è stato rotto dall’episodio del calcio di rigore, va tuttavia sottolineato che la partita è stata molto complessa soprattutto per il Catanzaro. Gli ospiti con un dinamico 3-4-3 hanno chiuso meglio i triangoli mettendo molta rapidità nelle giocate.

Diverso l’approccio mentale, differente la resa in campo. I giallorossi erano chiamati a fare bottino pieno e hanno sofferto la marcatura a uomo su Vandeputte più l’aggressività della mediana rossoblu. Senza la loro naturale valvola di sfogo, le giocate si sono arenate in uno scenario di scarsa brillantezza e idee poco lucide.

Gli ospiti con minori ambizioni di entrare nella lista playoff hanno offerto una prestazione di buon livello senza però trovare la necessaria cattiveria nei venti metri finali dove il solo Liguori è stato chiamato in causa in un paio di circostanze senza però impensierire Branduani.

Davvero su di giri Emmausso per gli ospiti. Il numero 10 rossoblu è stata capace di catalizzare un gran numero di palloni trovando facili e comodi appoggi in favore delle corsie laterali mettendo in difficoltà DeSantis che non è riuscito a mordergli le caviglie.

Per il Catanzaro la prestazione migliore è senza dubbio di Iemmello che ha sfruttato al meglio le occasioni in cui i giallorossi si sono resi pericolosi. Molto positiva anche la prestazione di Biasci, i due attaccanti hanno giocato molto a venire incontro per favorire lo scarico in avanti e dare un più ampio ventaglio di soluzioni allo sviluppo della manovra.

Il raddoppio a inizio ripresa ha tagliato le gambe agli ospiti che hanno ceduto di schianto perdendo lucidità e brillantezza. È iniziata così un’altra partita, completamente diversa dalla prima e che ha visto in campo una sola squadra.

La forza dei giallorossi sta proprio nella capacità di leggere i diversi momenti della partita e calibrare sapientemente le energie aggredendo l’avversario quando è in difficoltà.Così nel secondo tempo è uscito fuori il vero Catanzaro, quello che abbiamo imparato a conoscere con i suoi uomini migliori, tecnicamente una spanna sopra gli avversari e capaci di far divertire il pubblico oltre che divertirsi in campo provando soluzioni di assoluto spessore.

Con questa mentalità e queste capacità tecniche, il Catanzaro si appresta a concludere una regular season molto positiva avendo dimostrato di saper crescere come collettivo.


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *