Eh no… i rapporti fra le tifoserie del Catanzaro e del Catania non sono buoni. In una stagione ormai lontana, la squadra calabrese disputò sul neutro della città etnea una gara di campionato contro il Milan, con i siciliani che si schierarono a favore di questo. Memori dello sgarbo, i tifosi del Catanzaro sostennero la Nocerina quando, poco tempo dopo, questa giocò sui Tre Colli uno spareggio valido per la promozione in Serie B, proprio contro il Catania. Ricordi di un calcio che fu, fatto di rivalità e campanilismi. E talvolta di botte da orbi, meno piacevoli da rammentare. Quel calcio non esiste più. Distrutto da regole assurde e da personaggi decisamente poco abili nel governare la nave quando le onde sono alte. L’estromissione del Catania a tre giornate dalla fine della stagione regolare ne è esempio significativo. La Nazionale esclusa per la seconda volta consecutiva dalla fase finale di un Mondiale ne è un altro. I vari dirigenti, però, restano sempre al loro posto, abbarbicati alla poltrona come l’edera sui muri. La barca affonda, e l’unica risposta sono parole prive di significato. Un semplice «mi dispiace», ad esempio, intriso di vuota retorica. Il “caso Catania”, tornando a esso, è stato gestito con spaventosa superficialità. Era noto, già nella scorsa estate, che le condizioni economiche della Società etnea fossero disperate: in conseguenza, non si comprende con quali criteri, e quali accortezza e lungimiranza, la medesima sia stata iscritta al campionato di Serie C. Ora la si esclude a tre giornate dal termine, sulla base di una norma – l’art. 53 NOIF –che non ha una vera e propria ratio. Le gare disputate, o da disputare, non hanno valore per la classifica, che viene formata senza tenere conto dei risultati delle gare medesime. Questo c’è scritto in quella disposizione, e la Corte Federale d’Appello, più volte interrogata per esprimere parere esegetico, ha sempre risposto che non sono ammesse interpretazioni estensive. L’Italia è la culla del diritto moderno, ma chi ha scritto quell’articolo ha l’intelligenza e la cultura di un bradipo, con tutto il rispetto per il simpatico animale. Difatti, sarebbe evidente persino a un bambino che esiste una logica differenza fra gare «disputate» o «da disputare». Nelle seconde, evidentemente, non c’è rischio di ammonizioni o espulsioni per i calciatori, non ci sono denari da spendere per le Società o per i tifosi che intendono seguire la squadra del cuore. Per i geni dell’italico calcio, conta solo la «classifica», come se la stessa, per altro, non fosse determinata, anche, da eventi negativi verificatisi nelle sfide già «disputate». Semplicemente ridicolo. Quando poi il provvedimento di espulsione interviene a tre giornate dalla fine di una stagione, come nel caso del Catania, si scivola addirittura nel parossismo. Specie ove si consideri che l’ormai disperato club etneo aveva bisogno di pochi soldi per affrontare le sfide rimanenti. Addirittura, sembra che qualche sponsor si fosse già proposto per garantirli. Al di là di qualsiasi rivalità sportiva, chi governa il calcio italiano merita dunque una sola parola: VERGOGNA!


Commenti

26 risposte a “Vergogna!”

  1. Avatar Presidente
    Presidente

    Ci dovrebbe clonare il dott. Gratteri ed inserirlo in ogni organo di potere e comando in Italia. È tutto marcio e corrotto. Un sistema da resettare che applica le regole a piacimento. E che caxxo BASTAAAAAAAAA

  2. Avatar Presidente
    Presidente

    Si

  3. Avatar Serghej
    Serghej

    Ci vorrebbe in effetti una denuncia in Procura per accertare come e chi ha la responsabilità di aver iscritto al campionato una squadra come il Catania che da tre anni e in default economico. Dov’è la garanzia fedeiussoria? Dove sono gli atti della COVISOC che hanno certificato l’accettazione economica-amministrativa del Catania ad agosto? Corrotti, corrotti e bastardi hanno chiuso gli occhi perchè era il Catania grande città super mafiosa, se fosse stato il Catanzaro sarebbero intervenuti subito a radiarci, statene certi !!!

  4. Ma di cosa stiamo parlando, il Calcio in Italia rispecchia perfettamente quello che hanno fatto del Nostro Paese semplicemente un grande ed inimitabile SCHIFO. VERGOGNATEVI FANNULLONI E PROTAGONISTI DI UN UNICO MOTIVO CHE VI ACCOMUNA SENZA POSSIBILITÀ DI SMENTITA, “IL MAGNA, MAGNA” FATE SOLO PENA.

    1. Le società non hanno le palle!!!! Fermate il campionato e nessuno scenda in campo!!!! Nessuno deve più giocare!!! Ma sono sicuro che nessuno lo farà.. Perché??? Non hanno PALLE… Alla fine sono sempre insieme i presidenti con quelli della Lega… A mangiare.. Ecc. Ecc…. Come i consiglieri comunali di Catanzaro… Maggioranza e Opposizione… Durante il Consiglio si scannano… Poi… Fuori mangiano e bevono insieme… Compare qua… E compare la…. MA DOVE VOGLIAMO ANDARE… TUTTO IL SISTEMA È MALATO… DALLA TESTA AI PIEDI!!!

  5. Avatar Arcangelo
    Arcangelo

    Buongiorno :facciamo un esposto in procura contro la lega pro, come stanno facendo a Foggia e a pagani. Raccogliamo le firme tutti quanti. Noi i biglietti e l abbonamento li abbiamo pagati

    1. Io vivo a Roma ma se qualcuno prepara un esposto io sottoscrivo!

    2. Noi ci siamo, Foggia risponde presente ..raccagliamo le firme noi siamo 10.000 pronti a formare già Lunedi sera..vi aspettiamo..
      I calciatori dovrebbero sedersi in campo e non giocare per protesta!!!!

  6. Non dico altro VERGOGNAAAAA

  7. Una autentica vergogna senza alcuna logica o ragione. Il Catanzaro al 4 posto. Questo presidente di serie c parla soltanto a vuoto. In maniera altrettanto irrazionale verrebbe la voglia di mandare tutti a quel paese o,forse, a qualche corso di formazione giuridica facendo partecipare,ovviamente ,anche il sig. Ghirelli

    1. Avatar Alessandro Lacarra
      Alessandro Lacarra

      Bisogna solo scappare da questa categoria di incapaci

  8. Avatar Filippo
    Filippo

    Oggettivamente una roba raccapricciante. Tranquilli, oggi a Bari sotterriamo di gol L’Avellino e vi riprendete il secondo posto che avete meritato sul campo

    1. Avatar Filippo
      Filippo

      speriamo, complimenti a voi per la promozione meritata perché siete stati obiettivamente la squadra migliore, ghirelli rimane un indegno dopo lo scandalo di catania

    2. Ciao Filippo aiuteresti anche il Foggia… abbiamo bisogno di 6 punti grazie

      1. Avatar Filippo
        Filippo

        Per me dopo aver battuto L’Avellino, possiamo pure perderle sei a zero tutte quante

  9. È una vergogna a tre partite dalla fine del campionato sconvolgere la classifica in questo modo è se fossimo stati primi con quattro punti dalla seconda? Credendo di poter mantenere fino alla fine questo vantaggio?

  10. Avatar Francesco
    Francesco

    Scusate ma io a vedere la faccia di questo parassita ho il voltastomaco…….Ghirelli ti aspettiamo a Catanzaro…..

  11. GHIRELLI NON CONTA NULLA ! È STATO MESSO IN QUEL POSTO DALLA POLITICA . . . SE DOVEVANO CONTROLLARE I BILANCI. . . IL GIRONE C NEANCHE PARTE . . . AL DI LÀ DI GHIRELLI . . .DEGLI ARBITRI . . . IO HO SERIE PERPLESSITÀ SU QUESTA SOCIETÀ. . . MI SPIEGO: AL SESTO ANNO LA SOCIETÀ INGAGGIA IL BOMBER. . . TANTO ATTESO SUCCESSIVAMENTE CI SI RENDE CONTO CHE NON È UN BOMBER. . . A GENNAIO SI PRENDE IL BOMBER. . . PERÒ VI È IL PROBLEMA CHE IL BOMBER NON GIOCA DA 2 ANNI. . . SULLA CARTA IL CATANZARO HA 2/3 GIOCATORI DI CATEGORIA SUPERIORE . . . Vandeputte , Biasci , Iemmello. . . TUTTI IN PRESTITO . . . IL CAMPIONATO SI VINCE CON I GIOCATORI DI CATEGORIA SUPERIORE . . . QUESTA SOCIETÀ HA I REQUISITI PER PORTARLI ? QUANDO ? TRA QUALCHE MESE INIZIA IL SETTIMO ANNO. . . SE QUALCUNO PENSA CHE PAGANDO PUNTUALMENTE LO STIPENDIO VINCE IL CAMPIONATO HA SBAGLIATO TUTTO . . . .

    1. Avatar Roberto
      Roberto

      All’inizio del campionato partecipano squadre senza nessun diritto di partecipare.
      La Casertana è stata per ben 3 anni senza pagare gli emolumenti dei suoi giocatori ALL’INPS. Dopo 3 anni si accorgono dell’illecito e viene tolta dal campionato.
      Morale noi puntualmente con questa squadra perdevamo e tanti punti in classifica venivano meno compromettendo la posizione finale in classifica. Cosa c’entra la società al 6° o 7° anno.
      Il Catania sono 3 anni che è sull’orlo del fallimento ed anche qui nessuno interviene.
      Fra un po’ di tempo verrà sicuramente fuori che altre società non hanno fatto fronte ad altri impegni.
      L’ho scritto in altro post che questo calcio non può più avvalersi di queste figure che oggi lo gestiscono perché sono diventati veri e propri comitati d’affari.
      DOMANI NON SI DEVE GIOCARE BISOGNA PRESENTARE UNA DENUNCIA AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA FIRMATA DA MIGLIAIA DI TIFOSI DA CATANZARO, FOGGIA, AVELLINO, PALERMO, TARANTO, POTENZA ECC. ECC. e fare una Class Action contro questa CORROTTA LEGA PRO E TUTTI I SUOI VERTICI.

      1. Foggia c’è, fottiamoli!!!
        Campjo to da bloccare e denuciamo tutti..sti ladri di.merda

  12. Avatar Roberto
    Roberto

    All’inizio del campionato partecipano squadre senza nessun diritto di partecipare.
    La Casertana è stata per ben 3 anni senza pagare gli emolumenti dei suoi giocatori ALL’INPS. Dopo 3 anni si accorgono dell’illecito e viene tolta dal campionato.
    Morale noi puntualmente con questa squadra perdevamo e tanti punti in classifica venivano meno compromettendo la posizione finale in classifica. Cosa c’entra la società al 6° o 7° anno.
    Il Catania sono 3 anni che è sull’orlo del fallimento ed anche qui nessuno interviene.
    Fra un po’ di tempo verrà sicuramente fuori che altre società non hanno fatto fronte ad altri impegni.
    L’ho scritto in altro post che questo calcio non può più avvalersi di queste figure che oggi lo gestiscono perché sono diventati veri e propri comitati d’affari.
    DOMANI NON SI DEVE GIOCARE BISOGNA PRESENTARE UNA DENUNCIA AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA FIRMATA DA MIGLIAIA DI TIFOSI DA CATANZARO, FOGGIA, AVELLINO, PALERMO, TARANTO, POTENZA ECC. ECC. e fare una Class Action contro questa CORROTTA LEGA PRO E TUTTI I SUOI VERTICI.

  13. È solo un copione nient’altro! Una presa in giro per tutto l’anno calcistico. A che serve sospendere il campionato a tre giornate dal termine ? Mah… Il Catania poteva terminare prima il campionato e poi si dichiarava il fallimento cosa più semplice. Adesso è inevitabile il terremoto di accuse e critiche in qualsiasi angolo Nazionale. Io mi preoccuperei seriamente!
    Condivido in pieno ciò che ha detto il giornalista ” VERGOGNA”.
    Il calcio deve cambiare tutto, ci vogliono personaggi competenti validi, magari ex calciatori di cultura elevata e di provata esperienza. Rassegnate tutti le dimissioni Il calcio deve essere sano, salubre e divertente.

  14. Bisogna querelare in Procura questi dirigenti mafiosi della Lega C che stanno aiutando il Palermo ed Avellino alle spalle del Catanzaro,i tifosi devono fare casino e bloccare tutto bisogna bloccare il campionato ormai fasullo e mandare in galera i dirigenti corrotti.

  15. Egregio Roberto , non esiste alcun REATO si RASSEGNI per vincere il Campionato c’è bisogno di una seria Programmazione , ci vogliono i giocatori di categoria superiore , un Direttore Generale di livello , un addetto agli arbitri , smettiamola con questo vittimismo. . . Bari ha vinto perché ha giocatori di categoria superiore ! Albano oltre a pagare grossi ingaggi domenicalmente inseriva il premio a vittoria . . . Basta chiacchiere ci vogliono i fatti !

    1. Questo é ovvio, quindi stando anquesto ragionamneto bisogna avere i PAPORONI, bisogna buttare soldi per minimo 3 anni..forse ma forse riesci a vincere…
      Comsiglio di guardare la.Serie A a chi ragiona cosi..questo é il problema del calcio viziato e gonfiato di personaggi xge non ti portano nemmeno al mondiale da 8 anni…
      Zafò

  16. A parte il vomito per la situazione, non posso non pensare a tutti i punti persi per strada e, ironia della sorte a quel rigore regalato che ora stiamo pagando caro e amaro.
    Peccato, questo regolamento è assurdo, mi chiedo: non sarebbe stato più semplice, per le partite ancora da disputare per il Catania, sorteggiare l’esito e mantenere tutti i punti?? O comunque una soluzione che non pregiudicasse tutta la classifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *