Squillino le trombe rullino i tamburi: Abramo e il gioco delle tre carte sullo stadio Ceravolo

Squillino le trombe rullino i tamburi… udite udite popolo di Catanzaro: “Il Pnrr rappresenta una straordinaria opportunità per l’amministrazione comunale che è a lavoro, senza sosta, per definire un programma di idee progettuali con cui attingere ai fondi comunitari. Tra le proposte in cantiere, anche quelle che riguardano le strutture sportive e, in particolare, la rigenerazione dello Stadio Ceravolo

A parlare è il sindaco Sergio Abramo che sembra aver tirato fuori dal cilindro l’ennesima magia per reperire i fondi per nuovi interventi di ristrutturazione dello stadio Ceravolo, il tutto con la genialata dei fondi pnrr tirata in ballo come se fosse un’opportunità dell’ultima ora ma che invece il ministero aveva già programmato a dicembre del 2021.

Ma cosa sono i fondi pnrr? Il PNRR (Piano nazionale di Ripresa e Resilienza) è il documento che ciascuno Stato membro deve predisporre per accedere ai fondi del Next Generation EU (NGEU), lo strumento introdotto dall’Unione europea per la ripresa post pandemia Covid-19, rilanciando l’economia degli Stati membri e rendendola più verde e più digitale. Prevede un pacchetto di investimenti e riforme articolato in sei missioni. Il Piano promuove un’ambiziosa agenda di riforme, e in particolare, le quattro principali riguardano:

pubblica amministrazione

giustizia

semplificazione

competitività

Attenzione, nelle parole del primo cittadino catanzarse non c’è il benché minimo accenno alla costruzione della nuova Tribuna Coperta, e non potrebbe essere diversamente, sarebbe come ammettere la propria negligenza e la presa in giro ai catanzaresi dopo le dichiarazioni dei mesi scorsi. Il tutto viene affrontato prendendo la cosa in maniera larga, infatti è lo stesso Abramo a dichiarare: “L’amministrazione si è posta l’obiettivo di riqualificare e modernizzare lo Stadio, attraverso una serie di migliorie ormai improcrastinabili, venendo incontro alle esigenze del Catanzaro Calcio, che in questi anni si è fatto carico degli oneri di gestione dell’impianto, e ovviamente dell’intera tifoseria. E’ questo un ulteriore tassello della programmazione che abbiamo messo in campo con l’auspicio di intercettare tutte le risorse a disposizione con il Pnrr”.

E che sia stata una manovra del tutto propagandistica, che avevamo già fatto notare al presidente del Consiglio Comunale Marco Polimeni, lo svela inconsapevolmente lo stesso Abramo quando afferma: “Negli scorsi giorni abbiamo messo a punto, grazie all’impegno del dirigente Giovanni Laganà, gli interventi di cui il nostro Stadio necessita, inquadrando la richiesta nell’ambito degli obiettivi fissati dal Pnrr con gli avvisi su Sport e inclusione sociale. E’ un’occasione da non perdere per il Capoluogo, grazie alle risorse straordinarie messe in campo dall’Europa che costituiscono un volano di sviluppo per tutto il territorio

Abramo dimentica che le sue promesse fatte e non mantenute sulla costruzione della nuova Tribuna Coperta e della ricostruzione della “Curva Capraro” per avvicinarla al terreno di gioco, risalgono a molti anni fa. Tutto vecchio: intenzioni ed idee che hanno il sapore ti quanto lo stesso Abramo sia diventato arcaico ed obsoleto non in grado di lanciare idee innovative come la costruzione di un nuovo stadio, perché il Ceravolo, che lui e suoi lungimiranti tecnici non frequentano è una vera è propria trappola.

Insomma niente di nuovo all’orizzonte, per cui prima che venga formulata la proposta, sia redatto un progetto (vero non e non fittizio come quello decantato della tribuna con i pannelli fotovoltaici) e vengano erogati i fondi ci vorrà ancora qualche anno… da qui… si spiega la “mandragata” della nuova agibilità sulla tribuna coperta comparsa magicamente con scadenza a dicembre del 2024!


Commenti

4 risposte a “Squillino le trombe rullino i tamburi: Abramo e il gioco delle tre carte sullo stadio Ceravolo”

  1. Avatar Felice
    Felice

    Elezioni: periodo in cui il tifoso viene riscoperto in veste di votante. E di questi tempi… con tutto l’inchiostro e le parole spesi, le paternità piú o meno putative del passato, perché non scaldare il cuore giallorosso? Poi… andando vedendo….

  2. Ma se lo sport preferito di questa Giunta è perdere fondi pubblici come gli viene in mente al Sindaco di recitare ancora spot pubblicitari? Suggeritegli di sistemare i pontili del Porto, tanto i lavori di completamento chissà quando si faranno. Poi c’è il depuratore e tante altre cosette nell’armadio del Sindaco….

  3. Abramo prima di parlare di stadio ristrutturato o ex novo(se pur importante)… Guarda la città che sta morendo.

  4. Avatar antonio
    antonio

    speriamo vada via subito prima di presentare il progetto…dopo aver fatto la casetta a tre piani e la colombaia..chissà che progetto hard azzarderebbe. Via subito Abramo. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *