3 Febbraio 2023

catanzarosport24.it

l'informazione giallorossa

Catanzaro – Vibonese 1-1 – le pagelle

scritto il: lunedì, 20 Dicembre 2021 - 09:00

Tempo di lettura: 3 minuti

Branduani 6 – Spettatore per l’intero primo tempo, è bravo, nella ripresa, a respingere una velenosa conclusione. Incolpevole sulla maldestra deviazione che regala il vantaggio agli ospiti, tranquillo nell’ordinaria amministrazione. sfortunato.

Martinelli6,5 – Gara consistente, impreziosita da alcune eccellenti giocate, segno di sicurezza e carisma,nonché da diversi palloni condotti con abilità nella trequarti avversaria. L’autorete è soltanto un episodio. Leader.

De Santis 6,25 –Al di là di un fallo su Ngom, dopo una ventina di minuti, che gli costa cartellino giallo, non si concede alcuna distrazione, rendendosi anzi protagonista di buonissimi interventi in sede difensiva. Attento.

Scognamillo 6,5 – Difensore pressoché insuperabile, concede nulla agli attaccanti che provano a transitare nella sua zona. Prova sovente ad accompagnare l’azione offensiva, enel secondo tempo, sugli sviluppi di un calcio da fermo, si vede negare la gioia del goal da intervento d’istinto del portiere ospite. Concreto.

Fazio 6–Durante il non possesso, manifesta tutte le sue qualità, mentre appare pesce fuor d’acqua quando si tratta di attaccare. In breve, quello di esterno a tutta fascia non sembra ruolo adatto alle caratteristiche di Lito.Sacrificato.

Welbeck 6 – Bravo in fase di interdizione, nella quale sfrutta la sua grinta ed il suo senso della posizione. Lento e spesso impreciso, invece, nella distribuzione della sfera. Doubleface.

Verna 6,25 – Sistemato sul centro-sinistra, corre per tutto l’arco del match, tentando frequentemente di sovrapporsi a Vandeputte, e più raramente di inserirsi in area avversaria. In un’occasione, nella ripresa, avrebbe la possibilità di provare la conclusione, .ma preferisce cercare l’imbucata, intercettata dai difensori della Vibonese. Generoso.

Vandeputte 6,75–Attacca e difende sulla corsia di competenza, tentando, in tre circostanze, la via della rete. Nelle prime due, è l’estremo avversario ad opporsi. Nell’ultima, su calcio di punizione, è il palo a dire di no. Qualche suo traversone, anche dalla bandierina del corner, non trova compagni pronti alla deviazione decisiva. Si spegne un po’ nel finale, ma gara, nel complesso, piuttosto convincente. Ispirato.

Bombagi 5,5 –Per larghi tratti della gara (o meglio dei 65 minuti giocati) sembra sovente alla ricerca di una posizione, quanto meno in fase di possesso, durante la quale, per altro, trova poca collaborazione in Fazio. Meglio nella fase opposta, ma da un calciatore del suo calibro, lecito attendersi di più. Incolore.

Cianci 5,5 –Un calcio di punizione alle stelle ed un colpo di testa alto sulla traversa, entrambi nel primo tempo. Qualche sponda in favore dei compagni e alcuni tentativi di venire incontro completano il modesto bottino. Improduttivo.

Vázquez4,5 – Ben controllato dai difensori di casa, in particolare dall’efficace Mahrous, non incide in maniera positiva sul match, restando pressoché avulso dallo stesso. Nondimeno, trova il tempo per due falli che gli costano altrettanti cartellini gialli, e dunque – dopo il secondo – l’espulsione. Svagato.

Bayeye 5,5 – Sostituisce Fazio al minuto 66, provando più volte ad aggredire la corsia destra, anche se non sempre in modo lucido, e in ogni caso trovando sovente buona opposizione. Evanescente.

Carlini 6,5 – Subentra a Bombagi, contemporaneamente a Bayeye. Con buoni movimenti negli ultimi 25-30 metri, cerca di favorire l’azione offensiva, anche se ne vanifica una molto interessante con un inutile fallo (che gli costa anche cartellino). Nel finale di gara, raddrizza personalmente una situazione che sembrava disperata, realizzando il punto del pareggio. Risolutivo.

Cinelli S.V. – Dal minuto 82 al posto di Welbeck, non ha occasione per mettere in mostra le sue qualità, specie nel convulso finale. Ingiudicabile.

Curiale 4 – Rileva Cianci, facendo ingresso sul terreno di gioco insieme a Cinelli. Negli ultimi istanti di partita, ha una colossale occasione per regalare la vittoria al Catanzaro, nel giorno dedicato all’indimenticato Massimo Capraro: una palla a tre metri dalla porta avversaria, servitagli da destra. Davis la indirizza verso Europa (una delle lune di Giove). Imperdonabile errore, specie per un attaccante… forse, orami, ex attaccante. Inadeguato.

Vincenzo Vivarini 5,5 – Propone il 3-4-1-2 (5-3-2 in fase di non possesso), ma già nel primo tempo appaiono piuttosto evidenti diverse lacune nel sistema di gioco: Fazio, eccellente nel difendere, ha enormi difficoltà in sede offensiva, con la conseguenza che Bombagi, che parte da destra, non trova alcun supporto. Il play designato è Welbeck, e le argomentazioni sono analoghe a quelle appena svolte: ottimo l’incontro, lenta ed imprecisa la distribuzione. Corrette le prime sostituzioni operate nella ripresa, ma assolutamente tardive, così come difficilmente spiegabile è stata la rinunzia a Cinelli per oltre 80 minuti di match. Inconcepibile l’inserimento di Curiale al posto di Cianci anziché di Vázquez, estraneo alla gara e già ammonito. C’è da lavorare, e tanto, anche per eliminare – possibilmente al più presto –idiosincrasie e ruggini del recente passato. E forse, anzi quasi certamente, sarà necessario intervenire – su indicazioni del tecnico – nell’imminente mercato di riparazione. In entrata, certo, ma anche eliminando inutili scorie. Confuso.

Commenti da Facebook

Articolo scritto da:

Categorie

error: © Tutti i diritti riservati (All Rights Reserved) Catanzarosport24.it
P