23 Giugno 2022

catanzarosport24.it

l'informazione giallorossa

Padova – Catanzaro 1-1 – le pagelle

scritto il: giovedì, 16 Dicembre 2021 - 09:14

Tempo di lettura: 3 minuti

Nocchi 7 – Due grandi interventi nel primo tempo, altrettanti, meno complicati, nella ripresa, durante la quale è anche bravo a leggere con grande anticipo una situazione che poteva diventare molto pericolosa. Incolpevole sulla rete subita, sbriga molto bene l’ordinaria amministrazione.Affidabile.

Scognamillo7– Concede praticamente nulla a Biasci od altri avversari che si affaccino nella sua zona. Energico.

Martinelli 6,5 –Una disattenzione sull’ex Nicastro, intorno al 12’, è l’unica macchia di una partita, per il resto, piuttosto positiva. Bravo a tenere alto il pacchetto arretrato, in varie circostanze, ed almeno due giocate di alta scuola. Carismatico.

Gatti7 – Tranquillo in sede difensiva, pur al cospetto di quotati attaccanti. Nella ripresa, prova spesso ad accompagnare l’azione d’attacco, proponendo anche un buon traversone in favore di Bombagi. Sicuro.

Bearzotti5,25–Benino durante il non possesso, al di là di qualche intervento a piede molle. Pressoché inesistente in sede offensiva. Timido.

Verna7– Interdice ed imposta con efficacia per l’intero corso della gara, proponendosi ogni tanto come incursore. In quest’ultima veste, realizza il punto del pareggio che pone rimedio al suo precedente errore di distrazione in occasione del vantaggio dei locali. Aggressivo.

Cinelli5,5 – Si limita al compitino senza mai illuminare la scena e raramente proponendosi come soluzione per la costruzione dal basso. Calciatore che ha assoluto bisogno di assumere il ritmo partita dopo tanti mesi trascorsi quasi interamente a scaldare la panchina. Impreparato.

Welbeck 6,25 – Approccia il match in maniera un po’ timida, ma cresce con il trascorrere dei minuti, riuscendo a chiudere, con intelligenza, corsa e senso della posizione, diverse linee di passaggio dei biancoscudati. Purtroppo, appare lento e spesso impreciso nella distribuzione della sfera. Interditore. 

Vandeputte6,5–Buona presenza sulla corsia sinistra, ove attacca e difende con costanza, provando anche, in un’occasione, a sorprendere Donnarumma, portiere dei locali e fratello del ben più famoso Gigio. Sbaglia un paio di cross, ma la sua ora, e più, di gara, è certamente positiva. Consistente.

Carlini 5,5 – Seconda punta, ma istintivamente portato ad esplorare diverse zone del terreno di gioco, magari alla ricerca di un’invenzione. Non riesce a trovarla, al di là di un bel colpo di tacco, nell’ultimo terzo di gara, ed anzi sbaglia almeno due assist in favore dei compagni. Macchinoso in altre giocate. Involuto.

Cianci 6,5 – Un ottimo  primo tempo, giocato interamente al servizio della squadra. Suo l’invito per Verna (dopo eccellente movimento) in occasione del goal del pareggio, sua un’ottima apertura a favorire corsa sulla sinistra, suo un bel tentativo di scambio con il Conte Max. Più nervoso ad inizio ripresa, quando rimedia subito un cartellino giallo, del tutto evitabile. Al minuto 64, è sostituito da Curiale. Altruista.

Porcino 5,5 – Rileva Vandeputte al minuto 64, sistemandosi nella medesima posizione. Prova a proporsi più volte sulla fascia, ma non risulta incisivo. Nebuloso.

Curiale 5 – Sostituisce Cianci, anche lui al 64’, ma non impatta bene il match. Si segnala per un paio di inutili falli sui difensori avversari e per un controllo molto approssimativo della sfera, ai limiti dell’area opposta. Inutile.

Bombagi 6 – Subentra a Cinelli a poco più di un quarto d’ora dal termine. Non si rende protagonista di grandi giocate, ma è bravo a creare densità, e quasi allo scadere, a sistemarsi bene nel cuore dell’area avversaria per raccogliere un invito di Gatti. Sfortunatamente, il relativo colpo di testa termina a lato. Presente.

Vincenzo Vivarini 6,5– Per la semifinale d’andata della Coppa Italia, propone il 3-5-2, per altro rinunziando ad ampio turnover. L’avversario, del resto, non è certo fra i più semplici. I calciatori dimostrano di aver già assimilato alcuni dei suoi dettami, quale la manovra sulle palle in uscita. A tratti, buono l’attacco degli spazi e della profondità. Apprezzabilissimo l’equilibrio, mantenuto per quasi tutta la sfida. Ingiudicabile, invece, la ricerca fra i due attaccanti, atteso che Carlini raramente gioca a poca distanza dal compagno di reparto. Sicuramente da perfezionare la velocità delle trame offensive e l’intensità per tutto l’arco del match. Serviranno ancora lavoro ed abnegazione. Quanto alle sostituzioni effettuate, probabile che il Mister abbia voluto risparmiare alcuni minuti a due probabili titolari dell’imminente sfida contro la Vibonese. Indizio che il Catanzaro, ed il suo allenatore, credono fermamente di poter scalare la classifica in campionato. La speranza, naturalmente, è condivisa dai tifosi.

Commenti da Facebook

Categorie

error: © Tutti i diritti riservati (All Rights Reserved) Catanzarosport24.it
P