U.S. Catanzaro, Vivarini: ” Ho tanta voglia di fare bene, con il Foggia dobbiamo fare risultato”

E’ stato presentato questa sera nella sede sociale dell’U.S. Catanzaro il nuovo tecnico del Catanzaro Vincenzo Vivarini, presenti alla conferenza stampa il dg Foresti e il ds Pelliccioni.

A prendere la parola è il dg Foresti: ” Farci male da soli non serve, litigare solo per orgoglio non va bene, cerchiamo tutti verso la stessa direzione. Sentiamo la responsabilità nei confronti della Proprietà che ci ha dato fiducia e messo a disposizione risorse: è chiaro che in questo momento c’è delusione. Se a novembre ci siamo trovati a fare un cambio di allenatore, vuol dire che qualcosa non ha funzionato. Sono amareggiato perché con Calabro siamo partiti insieme, lo scorso anno abbiamo fatto un gran lavoro, difficile arrivare ad un traguardo come il secondo posto, arrivando davanti a Bari e Avellino quando loro eravamo molto distanti da noi. Questa stagione è ripartita dallo zoccolo duro dello scorso anno, la difesa su tutti che ci ha dato e ci dà tante soddisfazioni. Poi abbiamo innestato giocatori importanti che sono anche costati tanto alla Proprietà: sono certo che è stata costruita una squadra forte per il girone. ma sono consapevole che poi è il campo che dà certezza se hai lavorato bene o male sul mercato. Chi più spende non è detto che più vince: vedi il Bari che sono tre anni che investe molto più di noi. La situazione non è in ogni caso ancora compromessa, per quanto non ci aspettavamo di essere così lontani dalla vetta, ma la Proprietà ha dato dimostrazione di voler aggiustare le cose mettendo a disposizione uno staff d’eccezione”

Il ds Pelliccioni spiega la scelta di puntare sull’ex tecnico del Bari: “Siamo andati su tre allenatori, cercavamo con un profilo cercavamo un profilo di categoria superiore. Mister Vivarini ha avuto un primo incontro positivo con la proprietà Noto, successivamente con il dg Foresti e e abbiamo fatto in modo di chiudere con Vivarini, Vincenzo Vivarini è un uomo che fa poche parole e tanti fatti”

Il tecnico abruzzese ha espresso la propria felicità nell’approdare sulla panchina giallorossa: “Lo scorso anno ho sbagliato ad accettare un incarico in una società con progetto a termine. Ho sempre cercato di trasmettere alla mie squadre il mio pensiero di calcio ma, certo, non ho la bacchetta magica. Mi sono sempre divertito perché il calcio è un gioco, consapevole però che ti diverti se ottieni i risultati. Con il lavoro si arriva. Ho accettato una Società di alto spessore, c’è stata subito simbiosi che mi fa ben sperare. Un progetto che cercavo e qui ci sono i presupposti. Sono innamorato del Sud Italia perché il calcio vero è quello della passione dei tifosi  e l’attaccamento ai colori dei tifosi del Catanzaro è incredibile, qui si vive di calcio e questo dà stimoli. Da parte mia le motivazioni sono altissime perchè nell’ultimo anno non siamo riusciti ad esprimere il nostro pensiero e per questo siamo io e il mio staff concentrati e arrabbiati. La squadra non l’ho ovviamente trovata tranquilla perchè un cambio genera questo, ma ho chiesto loro autostima e maggiore autoconsapevolezza nei mezzi perché non è tutto negativo, ci sono valori nella squadra e a livello individuale può dare molto di più rispetto a quello che ha dato. Lavorare sul perchè la squadra non si è espressa finora in tutte le sue potenzialità: testa, fisico, ambientale o tattico, c’è tanto da capire per poter intervenire. Già col Foggia dobbiamo fare risultato: capire qual è la situazione reale e i motivi dove intervenire. Il progetto è a lungo termine il campionato è difficile ci sono piazze altrettante attrezzate. Bisogna essere bravi  a sfruttare quello che di buono c’è, guadagnare anche tempo per trovare soluzioni interne e creare gioco e mentalità armonia equilibrio: parola d’ordine lavorare. Gli attaccanti sono la linfa vitale di una squadra, ci lavorerò tanto, dev’essere un lavoro sincronizzato, devono fare reparto, una forza per tutta la squadra. Bisogna farli rendere bene, ma facciamo un passo alla volta anche perché non è un discorso di vincere il campionato ma di crescere come squadra e progetto tattico: i risultati sono la conseguenza”


Commenti

4 risposte a “U.S. Catanzaro, Vivarini: ” Ho tanta voglia di fare bene, con il Foggia dobbiamo fare risultato””

  1. Più passano le ore più penso che questo stravolgimento non sarà affatto facile da gestire, i ragazzi devono dare tutto… Speriamo bene e forza aquile

  2. Avatar Rubino Antonio GIuseppe
    Rubino Antonio GIuseppe

    Penso che al Catanzaro manchi il gioco si dargli alla squadra un gioco vivarini son sicuro lavorerà bene.

  3. Gioco, ma anche cattiveria e una certa dose di sicurezza, ora anche Rolando e Martinelli out… Forza aquile

  4. Avatar Angelo Stornato
    Angelo Stornato

    Vivarini avrebbe meritato la riconferma a Bari.
    Ottimo allenatore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *