Catanzaro calcio, alla ricerca della continuità

Dopo la gara con il Messina che ha rappresentato il ritorno alla vittoria dopo le due immeritate sconfitte con Monopoli e Bari, serve adesso dare seguito al risultato pieno anche se di fronte Martinelli e compagni si troveranno la squadra con il miglior attacco del torneo. La Turris è un avversario ostico che fa delle ripartenze veloci e del pressing alto le sue armi migliori. Se poi consideriamo che buona parte delle sue 26 reti (media di due per gara) le ha conseguite su calci piazzati, allora è facile comprendere il perché i corallini occupino l’attuale posizione in classifica ad un solo punto di distanza dai giallorossi. Sarà un match di alta classifica che però il Catanzaro dovrà disputare con la mentalità di squadra che vuole raggiungere l’obiettivo finale della promozione. Necessitano maggior cattiveria e più incisività nelle manovre ma soprattutto in fase di conclusione a rete. Il cinismo che spesso è mancato nel corso della stagione e che ha privato i giallorossi di almeno di 3-4 punti, dovrà adesso cominciare ad essere espresso. Contro le grandi finora il Catanzaro non ha demeritato ma ha giocato comunque alla pari con Palermo, Avellino e Bari anche se contro i pugliesi non sono stati raccolti punti. Lo scoglio Turris dovrà essere superato se si vorrà guardare al futuro con maggior fiducia. I corallini nonostante siano il miglior attacco del girone concedono anche molto in difesa al netto delle tante reti subite. Vandeputte e compagni dovranno sfruttare quindi gli spazi e le difficoltà finora espresse dal pacchetto arretrato dei campani ma appunto, serve maggiore concretezza e freddezza sotto porta. Sul fronte difensivo giallorosso mister Calabro sta lavorando per sopperire all’assenza di Scognamillo squalificato mantenendo inalterati gli equilibri di una difesa che resta comunque la meno battuta del girone. Si prospetta un match equilibrato quindi ma che le Aquile dovranno aggiudicarsi per mantenere alto il loro livello di autostima e, ovviamente, per non perdere terreno dal Bari impegnato sul proprio terreno con una Vibonese che sta attraverso  un evidente periodo di difficoltà.

Foto: US Catanzaro 1929


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *