6 Agosto 2022

catanzarosport24.it

l'informazione giallorossa

Catanzaro – Messina 2-0: le Aquile vincono, convincono e divertono

scritto il: lunedì, 08 Novembre 2021 - 08:20

Tempo di lettura: 2 minuti

Ed arriva la reazione che ci sia aspettava dopo le due sconfitte contro Monopoli e Bari, il Catanzaro si sbarazza del Messina con una prova maiuscola. In un colpo solo le Aquile sfoderano una prova maiuscola fatta di carattere, gioco e regalando anche quel gusto del divertimento che a calcio non fa mai male.

Lo spunto di Bombagi, tacco con tunnel a servire Vandeputte in occasione della prima rete, da solo vale il costo del biglietto con una tifoseria che sta tornando a riempire le gradinate del “Ceravolo” ma soprattutto con la curva che ieri ha messo in scena tanto entusiasmo. La seconda rete di Vandeputte è un gol da altre categorie, un gol da champions league. Il belga arrivato sui Tre Colli con l’opzione del diritto di riscatto in caso di promozione in serie B è un calciatore che con la serie C non ha nulla a che vedere, uno dei più forti in assoluto che abbia mai vestito la casacca giallorossa. Il merito della sua esplosione va riconosciuto anche a Calabro che lo ha “inventato” esterno sinistro, lui che con quel destro a rientrare è in grado di regalare magie.

Un risultato che per quanto espresso in campo sta anche stretto ai padroni di casa, sarebbe potuto essere ancora più largo se Cianci in ben due occasioni non si fosse allungato un po’ di troppo il pallone che lo aveva portato ad essere a tu per tu con il portiere avversario. Ma è positiva anche la stessa prova di Cianci, che ha pienamente recuperato la condizione è potrà dare il suo importante contributo.

Fa bene lo stesso Calabro  a non cullarsi sugli allori di una bella vittoria, richiamando l’attenzione dei suoi ragazzi alla ricerca della giusta cattiveria sotto rete e ad una maggiore lucidità in fase di finalizzazione, e se il Catanzaro riuscirà a lavorare ed affinare questi due aspetti  potrà candidarsi ad essere davvero la candidata più accreditata alla vittoria finale.

Nella gara di ieri, l’unica nota stonata è l’ammonizione di Scognamillo che lo porterà a saltare il prossimo importante match sul campo di una squadra scorbutica come la Turris, con la panchina del Catanzaro che cercava di richiamare l’attenzione dell’arbitro proprio per il cambio Gatti per Scognamillo, attenzione che non è arrivata e che poi è costata l’ammonizione allo stesso Calabro per proteste.

Il Catanzaro torna a regalarsi il secondo posto in buona compagnia e riduce le distanze a sole 4 lunghezze dal Bari capolista, in un campionato che un verdetto lo ha già espresso: non c’è una squadra ammazza campionato, al traguardo in vetta solitaria ci arriverà chi saprà garantire maggiore continuità di risultati; dalla prima alla nona posizione ci sono bel 9 squadre raccolte nel giro di soli 7 punti, un ritorno un po’ al vecchio calcio fatto di vittoria interna e pareggio esterno in questo momento potrebbero essere fondamentali.

Commenti da Facebook

Articolo scritto da:

Categorie

error: © Tutti i diritti riservati (All Rights Reserved) Catanzarosport24.it
P