7 Agosto 2022

catanzarosport24.it

l'informazione giallorossa

U.S. Catanzaro: l’abbraccio a Calabro vale più di mille parole

scritto il: mercoledì, 06 Ottobre 2021 - 09:32

Tempo di lettura: 2 minuti

Contro l’Andria si doveva vincere e si è vinto. Missione compiuta, ma sempre con qualche patimento di troppo, il Catanzaro torna alla vittoria e manda via le nubi di una crisi.

Il grande Don Nicola Ceravolo era solito dire: “da una crisi tecnica si esce, da una crisi societaria no”. Troppo pressante ed esigente l’ambiente nei confronti di Calabro, finito spesso e volentieri sui carboni ardenti come se fosse l’unico capro espiatorio su cui scaricare le responsabilità.

Quando una squadra vince il merito è di tutti quando una squadra perde il colpevole è sempre l’allenatore perché è la via più breve per cercare di invertire la rotta.

Il Catanzaro visto contro l’Andria ha dimostrato segni di crescita, ma anche una palese condizione fisica ancora precaria. Ma ha dimostrato soprattutto la forza del gruppo, un gruppo che ha voluto mandare un segnale inequivocabile: “Siamo tutti con Calabro”, i gol e la corsa verso la panchina con quell’abbraccio a Calabro valgono più di mille parole.

Si vince e si perde tutti insieme, ma soprattutto si vince se c’è una società forte che ha una presa di posizione non incline allo stato umorale di una piazza esigente che giustamente vuole vincere ma a volte è troppo invadente.

La proprietà Noto ha assunto una direttiva ben precisa da due anni, quella di creare una società con figure dirigenziali che si assumessero il delicato compito di riportare il Catanzaro ai fasti di un tempo. Dal canto suo la Holding Noto ha messo sul piatto della bilancia fior di milioni di euro, a Foresti e Pelliccioni il compito di “far quadrare i conti” sul campo.

Calabro ha un compito ben preciso, quello di scegliere, domenica dopo domenica gli interpreti che sul campo devono far “quadrare i conti” che si determinano con le vittorie, Calabro sa che deve arrivare primo, ci deve provare convincendo, ma sa anche che non può concedersi il lusso che a dicembre i sogni di gloria possano essere già rinchiusi in un cassetto con un Bari già irraggiungibile.

Martinelli e Verna (due degli autori dei tre gol, l’altro è Scognamillo) ieri in sala stampa hanno parlato di un nuovo inizio di campionato per il Catanzaro, la vittoria contro l’Andria, se pur sofferta, dovrebbe aver quindi sancito due principi fondamentali: il primo la squadra è con Calabro, il secondo è quello dell’autostima e di un consapevolezza di ripartire di slancio perché non ci possiamo permettere il lusso di perdere terreno. A Pagani per vincere… avanti Catanzaro!!!

Commenti da Facebook

Articolo scritto da:

Categorie

error: © Tutti i diritti riservati (All Rights Reserved) Catanzarosport24.it
P