21 Settembre 2021

catanzarosport24.it

l'informazione giallorossa

Catanzaro – Potenza 1-1 – le pagelle

scritto il: lunedì, 13 Settembre 2021 - 09:00

Tempo di lettura: 4 minuti

Branduani 6 – Dopo una manciata di minuti, è bravo a deviare in angolo un insidioso colpo di testa di Cargnelutti, sugli sviluppi di un calcio di punizione. Incolpevole sulla rete subita, è poco più che spettatore nel resto dell’incontro.

Scognamillo 5,5 – Concede poco nella zona di competenza, ma appare nervoso, al punto di rimediare, nel primo tempo, evitabilissimo cartellino giallo a seguito di brutto fallo subito da Cinelli.

Fazio 6 – Comanda da leader il pacchetto arretrato e controlla bene Romero, molto forte nel gioco aereo, anticipandolo spesso. Talvolta in difficoltà contro Volpe, più rapido ed agile del compagno di squadra.

Martinelli 6,5 – Dalle sue parti agisce spesso Salvemini, a volte l’esterno Coccia, ma il capitano ha sempre la meglio nei duelli. Nella ripresa, subito prima del vantaggio degli ospiti, salva sulla linea pallone destinato a varcarla. Qualche buon lancio ad ampio respiro, a fronte di altri sbagliati, ed un tentativo dalla lunga distanza nel primo tempo (scelta discutibile), che non crea alcun problema alla difesa ospite.

Rolando 7– Proprietario indiscusso della corsia, e quasi unico calciatore del Catanzaro, nella prima frazione, ad attaccare con continuità, con tentativi di sfondamento proprio sull’esterno, con i compagni, però, che raramente ne seguono le iniziative. Inspiegabilmente sostituito al minuto 63.

Verna 6  – Il Potenza bada soprattutto a difendere, chiudendo (bene) gli spazi, ed il calciatore con la maglia numero 8, quasi libero da compiti di interdizione, prova a dare una mano in regia, ed ogni tanto a sovrapporsi sull’esterno di destra od a proporsi come incursore. I risultati, purtroppo, non sono esaltanti.

Cinelli 5 – Ancora fuori forma, disputa un primo tempo opaco, al piccolo trotto, al di là di una splendida giocata su cui un avversario è costretto a spendere bruttissimo fallo. Giustamente avvicendato da Risolo dopo l’intervallo.

Porcino 5,5 –Prova a spingere sulla sinistra, trovando spesso la strada sbarrata da non uno, ma due avversari. In combinazione con Vandeputte, sui tanti calci d’angolo conquistati dalle Aquile, mette al centro diversi palloni, mai davvero insidiosi per l’attentissima difesa dei lucani.

Vandeputte 6– Nel corso della gara, occupa tre ruoli diversi: mezzala di squilibrio per un’ora o poco più; esterno a tutta fascia per circa un quarto d’ora (dal 63’ al 79’); attaccante sinistro nell’ultimo spezzone. Malauguratamente, al di là di un’eccellente iniziativa ad inizio ripresa, con successivo cross non sfruttato per un’inezia, e di uno splendido traversone, sempre nel secondo tempo, respinto con grande affanno, non riesce ad essere particolarmente incisivo.

Carlini 5,5 – Rimane in campo per circa 70 minuti, regalando impegno, ma pressoché mai illuminando la scena, nonostante vari tentativi di spostarsi in vari settori del terreno di gioco.

Vázquez 6 – Mai messo in condizione di far male all’estremo ospite, riesce tuttavia a crearsi un’occasione nella ripresa. Anticipa il portiere, durante un’azione confusa in area avversaria, ma la sfera, colpita debolmente, è respinta sulla linea da un difensore. Escludendo l’episodio, merita la sufficienza per la generosità.

Risolo 6 – Rileva Cinelli ad inizio ripresa, regalando maggior rapidità alla mediana in fase di distribuzione. Non per nulla, la squadra, in circa 15 minuti, riesce a costruire qualche interessantissima iniziativa. Ammonito (giustamente) al minuto 61, ed a seguito di due cambi, un paio di minuti dopo, che stravolgono l’assetto, si spegne gradualmente, fino a scomparire dalla scena.

Bearzotti 6 – Subentra a Rolando al minuto 63, surrogandone in pieno i compiti, ma mostrandosi meno incisivo rispetto al compagno.

Bombagi 5 – Avvicenda Porcino, anche lui al 63, posizionandosi come seconda punta accanto a Vázquez, con Carlini trequartista. Nel finale, dopo l’ingresso di Tentardini, si posizionerà come esterno d’attacco. Regala nulla, ed è molto distratto nell’occasione del vantaggio del Potenza, quando si fa anticipare da Matino. Un calcio di punizione nel finale è calibrato decisamente male.

Cianci 6,5 –Sostituisce Carlini al minuto 71 e si presenta subito al tiro, dal limite, dopo buon controllo. Conclusione debole, facile preda del portiere ospite. Al minuto 85, si conquista un calcio di rigore (obbiettivamente dubbio), che egli stesso trasforma con tiro forte ed angolato, salvando il Catanzaro da sconfitta che, in quel momento, sembrava quasi inevitabile.

Tentardini 6 – Carta della disperazione giocata da Calabro negli ultimi quindici minuti di gara (recupero incluso). Volontà ed impegno, con un discreto tentativo di sfondamento sull’out mancino.

Antonio Calabro 5,5– Ripropone l’identico undici che, otto giorni prima, ha pareggiato in trasferta contro il Picerno. I reparti sono corti, ma la manovra è lenta (a causa, anche, della scarsa forma di Cinelli) e ben poche le idee in fase offensiva, con i calciatori che raramente accompagnano le ottime iniziative di Rolando, mentre Carlini e Vandeputte, oltre il richiamato Cinelli, non appaiono nella loro miglior giornata. Lo stesso pressing alto è raramente praticato, con la metà campo del Potenza, durante il non possesso, occupata soltanto da Vázquez che da solo, poverino, cerca di inseguire tutti gli avversari, evidentemente poco preoccupati dall’isolata presenza, e spesso liberi di scaricare il pallone sul portiere, del tutto libero di giocarlo ben oltre il limite dell’area di rigore. Corretto il cambio del play ad inizio ripresa, ma discutibili alcune scelte poco dopo l’ora di gioco, peraltro nel miglior momento della squadra. L’ingresso di Bombagi per Porcino, mantenendo i tre centrali difensivi, finisce per imbottire la squadra di trequartisti, con uno, Vandeputte, relegato ad un impegno a tutta fascia. Insomma, un po’ di confusione. Apprezzabile il tentativo di disporre la formazione con due punte, dal minuto 70, e tutto sommato giusta l’idea di schierare nel finale un 4-4-2 di stampo offensivo con Tentardini al posto di Scognamillo.

Foto: US Catanzaro 1929

Commenti da Facebook
error: © Tutti i diritti riservati (All Rights Reserved) Catanzarosport24.it
P