Quel piccolo grande tifoso che ora merita un premio

Di lui sappiamo poco o niente. Di lui, del bambino nella foto, non conosciamo il nome, quanti anni ha, che classe frequenta. Ma sappiamo che squadra tifa, ed è davvero molto importante. Specie se si pensa che alla sua giovane età segue – nel vero senso della parola – una squadra di provincia che milita in terza serie.

E che, molto probabilmente, lui non ha mai vissuto in prima persona ma “solo” – si fa per dire – dai discorsi di suo padre, uno dei tanti catanzaresi, forse, trasferitosi al Nord per cercare fortuna.

Un uomo umile ed evidentemente con grandi valori, inculcati al figlio in maniera intensa. Tra questi l’amore per il Catanzaro, un sentimento che si manifesta in maniera pratica con quella bandana giallorossa in testa in giro per le città del Settentrione quelle rare volte che il Catanzaro vi si presenta.

E così il piccolo grande tifoso è stato presente a Gorgonzola,  a Novara, a Salò e, ultima in ordine di tempo, a Verona dove le telecamere di Mediaset ne hanno colto passione e amore. In quel suo urlo – forse di rabbia per l’ennesimo gol fallito dai suoi beniamini – c’è tutto quello che rappresenta il Catanzaro, soprattutto per chi lo vive da lontano.

“Dare soddisfazione a chi tifa le Aquile e vive al Nord”: questo era stato il monito di mister Calabro prima del match di Coppa Italia; se qualcuno non ne aveva colto il significato ci ha pensato questo bambino ha spiegarlo a tutti. Il Catanzaro è un amore incondizionato, che ti nasce dentro e ce l’hai nel Dna, benchè tu forse non sia mai stato al “Ceravolo” o non hai visto nemmeno Corona segnare.

Eppure tifi Catanzaro, nonostante a scuola i tuoi compagni, quasi sicuramente di si divideranno tra Ibra e Cr7. Eppure tifi le Aquile del sud nonostante non le hai mai viste vincere un campionato. Un esempio da seguire, un modello da imitare da chi attingendo molto dai giallorossi non dà nulla, mentre tu, piccolo grande tifosi ami a busta chiusa senza avere (ahinoi) nulla in cambio. Sarà perché sei spensierato ma soprattutto perché tu non tifi una squadra di calcio, tu tifi il Catanzaro.

Un tifo speciale, unico, impareggiabile e che merita un premio. Quello che www.catanzarosport24.it ha già in mente per te. In quella mente dove tu hai disegnato solo il Catanzaro, noi abbiamo un’idea per dirti grazie. Ma per farlo abbiamo bisogno che ti metti in contatto con noi (o tuo o un tuo familiare) tramite i nostri canali social mandano un messaggio privato dalla nostra pagina fb.

Ci servirà sapere come ti chiami, quanti anni hai, che scuola fai, aspetti superflui per un piccolo grande tifoso giallorosso, capace di mostrare a tutti cosa vuol dire tifare davvero il Catanzaro.


Commenti

12 risposte a “Quel piccolo grande tifoso che ora merita un premio”

  1. Avatar Michele
    Michele

    Bell’ articolo. Bravo Calvano. Di grande significato. In poche parole: questa é la nostra passione, questi sono i nostri colori, questo è IL CATANZARO.❤❤❤????????????

  2. Avatar GIANFRANCO
    GIANFRANCO

    Veramente un bell’articolo. Commovente! Complimenti!

  3. Avatar SANGIULIANO SALVATORE
    SANGIULIANO SALVATORE

    questo bambino si chiama Fabrizio sangiuliano, vive a Milano ha 8 anni e frequenta la 2 elementare, il padre si chiama Pietro. Io invece sono lo zio SALVATORE e vivo A SOVERATO forza ragazzi e sopratutto forza catanzaro unico amore

  4. Avatar Giuseppe
    Giuseppe

    Adesso che sapete nome e indirizzo del piccolo fabrizio contattatelo fateci sapere da cosa nasce questo amore per le aquile quando ho visto alla tv mi ha fatto emozionare

  5. Avatar Gianpiero Vergata
    Gianpiero Vergata

    Bravi, splendido articolo, ennesimo miracolo che si compie, come nel mio caso, tifoso del Catanzaro nato al nord, senza aver vissuto i fasti del grande Catanzaro.
    Trovatelo e premiatelo, spero che lo faccia anche la società

  6. Avatar roberto
    roberto

    bravi

  7. Avatar roberto
    roberto

    bravi.

  8. Complimenti prima al piccolo Fabrizio Sangiuliano che sabato durante la partita quando lo hanno inquadrato, mi ha fatto venire la pelle d’oca facendomi anche commuovere, ma anche per l’articolo. Questa è la nostra fede,la fede dei nostri padri, finché morte non ci separi. ????❤????❤????❤????????????????????

  9. Il piccolo Fabrizio vi ringrazia di cuore ,
    Finché il catanzaro viene nei paraggi lui lo seguirà con suo padre.
    Grazie di nuovo

    1. Se vorrà venire a vedere una partita al Ceravolo, basta dirlo e ne parleremo al presidente, il quale sono convinto, sarà disponibile a accoglierlo.

  10. Il piccolo Fabrizio vi ringrazia tutti,un giorno ci vedremo in curva ovest,sempre forza Catanzaro

  11. Se vorrà venire a vedere una partita al Ceravolo, basta dirlo e ne parleremo al presidente, il quale sono convinto, sarà disponibile a accoglierlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *