Catanzaro, tagliato lo storico pino dello Stadio Ceravolo

Sono iniziati questa mattina allo stadio” Ceravolo” i lavori di rimozione dello storico pino presente dietro la curva ovest. La decisione del comune sarebbe stata adottata per motivi di sicurezza dopo tanti tentativi di recupero andati a vuoto.

Nei mesi precedenti la nostra redazione e il giornalista Carlo Talarico avevano lanciato un appello affinché lo storico pino venisse recuperato dal comune di Catanzaro (https://www.catanzarosport24.it/2021/01/11/carlo-talarico-il-pino-sta-morendo-salviamolo/ https://www.catanzarosport24.it/2021/03/05/salviamo-il-pino-dello-stadio-ceravolo-ma-il-comune-ci-blocca-video/).

Ciao Pino, compagno di tante avventure!


Commenti

4 risposte a “Catanzaro, tagliato lo storico pino dello Stadio Ceravolo”

  1. Avatar Francesco
    Francesco

    Ragazzi che dire….sotto questo Pino ho visto Rivera Platini Beccalossi Antognoni Pruzzo Brady Cabrini e chi più ne ho più ne metta…..Grande tristezza…..

    1. Più che il sinistro di Beccalossi, abbiamo visto quello di un fenomeno baffuto, dal piede piccolo con una maglietta rossa e il numero 11 sulle spalle…

      1. Avatar Francesco
        Francesco

        Caro Paolo non ho parlato dei fenomeni giallorossi che sono stati tantissimi come il mitico Massimo Palange. Saluti

  2. Avatar Eugenio
    Eugenio

    Io vi ho visto la prima partita da ” indipendente”, cioè senza la compagnia di mio padre: Catanzaro vs Venezia 0 – 1. 1968, rete su punizione di Ferruccio Mazzola. La vedo adesso come se fosse ieri. Giornalisti di Catanzaro tiè. Da tempo non godevo l’ombra del pino. Lo hanno voluto tagliare per forza. Hanno fatto bene, cazzo! Il Comune splende solerte e puntuale. Che diamine! È finito il corso, i negozi, gli uffici, le scuole, la Calabro – lumaca, i politici locali, ristoranti, stazioni, squadra di calcio ecc. Mi dite cortesemente a cosa sarebbe servito un vecchio, ombreggiante, secolare e storico pino? Pensiamo alle amichevoli di Simeri Crichi, va che è meglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *