11 Maggio 2021

catanzarosport24.it

l'informazione giallorossa

Il Tgr e il focolaio dell’U.S. Catanzaro, se ne parla e male… solo quando conviene

scritto il: sabato, 10 Aprile 2021 - 15:27

Tempo di lettura: 2 minuti

Che una bella notizia non faccia notizia è una regola, non scritta, del giornalismo. Che una vittoria del Catanzaro e/o i suoi gol non vengano mostrati dalla redazione regionale della Rai è anche essa una regola a cui siamo abituati. Così, che la scelta del Catanzaro di giocare nonostante i molti positivi per Covid e il fatto poi di vincere la partita col Bisceglie non vengano messi in evidenza dalla Tgr non sorprende nessuno. Anche perché una bella notizia non è una notizia, ancora più in tempi di pandemia. Quello che sorprende però è che quando il Catanzaro decide di rinviare una partita per i numerosi casi di Covid ecco che la notizia diventa tale e viene ribadita in due diverse occasioni nell’edizione odierna delle ore 14. La prima volta quando si parla della diffusione del virus dove si dice che i casi sono in aumento in città e c’è anche un focolaio nella squadra di calcio. Focolaio, per inciso, già nato oltre una settimana prima come a rai 3 già sapevano visto che lo avevano detto, di sfuggita e senza enfasi, quando avevano dato la notizia della vittoria del Catanzaro sul Bisceglie. La domanda, insomma, nasce spontanea, come si diceva in un vecchio programma proprio di rai 3: perché quando il Catanzaro vince col Bisceglie non solo non si mostrano i gol (in nessuna delle edizioni), ma soprattutto non viene enfatizzato che c’è un focolaio e che nonostante ciò il Catanzaro ha giocato una partita (che già di per sé sarebbe una notizia) e in più vinto? Mistero della fede, quale fede essa sia lasciamo solo immaginare. Ma non finisce qui: nel servizio sulle partite del fine settimana viene ribadito ancora una volta che la partita tra Juve Stabia e Catanzaro non viene disputata per il focolaio che ha colpito i giallorossi: un caso in Calabria – viene prontamente sottolineato – dove si prova a fermare contagio e pandemia, a volte riuscendoci a volte no. E quando si mette in evidenza che non si riesce a fermare contagio e pandemia? Ma, guarda caso, quando il Catanzaro decide di non giocare. Quando invece decide di scendere in campo, dare un segnale di professionalità, e anche di speranza (come dire, col virus si può convivere), di rispetto per l’avversario e poi in più si vince in quelle condizioni, ecco che tutto questo non viene evidenziato. D’altronde una bella notizia non fa notizia, se sono più di uno ancora meno. Se poi la gestisce la Tgr Calabria beh, lì, la certezza di averne contezza è pari a zero.

Foto: US Catanzaro 1929

Commenti da Facebook
error: © Tutti i diritti riservati (All Rights Reserved) Catanzarosport24.it
P