Teramo, Paci: “Ci è mancata la giocata vincente”

Il tecnico del Teramo Massimo Paci ha parlato in sala stampa al termine del pareggio casalingo per 0-0 contro il Catanzaro

“Nel primo tempo abbiamo avuto qualche occasione vera, ma sostanzialmente è stata una gara equilibrata e combattuta, rimane una buona prestazione e andiamo avanti considerando che davanti a noi avremo un percorso difficile. Dispiace per quella giocata vincente che è mancata. Trasciani? E’ stato molto bravo nel non far rimpiangere Piacentini e soprattutto nel gestire emotivamente l’ammonizione discutibile presa dopo pochi minuti, situazione non facile e posso assicurarvelo da ex difensore centrale perchè per marcare attaccanti esperti devi avere lucidità e aggressività, ho avuto risposte importanti. Alzando Bombagi o Mungo al fianco di Pinzauti, adesso abbiamo più presenza in area avversaria, ma Mimmo ha sicuramente caratteristiche diverse rispetto a Francesco. Negli ultimi dieci minuti, in superiorità numerica, abbiamo un po’ perso la nostra identità, abbassandoci troppo per avere poi più campo libero, ma non è stata una buona idea. Oggi abbiamo giocato in grande emergenza, visto che in panchina avevamo solo under, vorrei fare un plauso alla coppia centrale difensiva, dato che sono entrambi alla prima stagione in C”

Foto: Teramo Calcio


Commenti

4 risposte a “Teramo, Paci: “Ci è mancata la giocata vincente””

  1. Avatar Saverio
    Saverio

    Ieri a Teramo non ho visto la rabbia e la grinta dichiarata nel corso della settimana da un allenatore scarso come Calabro ,che pur disponendo di buoni giocatori (il 4 posto la dice lunga) ,non riesce a metterli bene in campo .

  2. Avatar Saverio
    Saverio

    Si poteva fare di meglio e non ci siamo riusciti ha detto il fenomeno Calabro… si é chiesto come mai non sia riuscito a fare meglio. Forse perché aveva di fronte una delle migliori squadre del torneo . “Ma mi faccia il piacere “ avrebbe risposto il Principe

  3. Avatar Salvatore Panetta
    Salvatore Panetta

    Il Mister si tiene stretta la poltrona , arriva ai play off , ha un altro anno di contratto , e da quando è arrivato, non l’ho sentito parlare mai di tecnica ,di tattica , o di moduli, è stato sempre lineare nelle risposte ha paura di mettere in campo i giovani se non per pochi minuti o spezzoni di gara, come possono integrarsi coi compagni ed entrare nei meccanismi di squadra , il campionato sta per finire , e i ragazzi sono arrivati a gennaio , penso che il tempo lo abbiano avuto per allenarsi ed entrare nei meccanismi della squadra , ed allora perchè sono stati presi ? Come facciamo a sapere se sono validi e tenerli anche per il prossimo anno ? Jefferson serviva ? L’hanno preso per le cure termali ? Allora , meglio tenere Di Piazza , lanciare il giovane Furina , Grillo o Molinaro . Avevamo la possibilità di prendere Mister Gallo che adesso sta facendo resuscitare il Potenza , perchè no ? Adesso dobbiamo stare attenti al Catania e alla Juve Stabia . Cari tifosi , voi che ne capite più di me , cosa ne pensate ? Grazie per la cortese attenzione

  4. Avatar francesco
    francesco

    Si l’avevo detto qualche giorno fa: Calabro non ha il coraggio d’osare perché è comunque quarto, ed ha il timore di fallire a Catanzaro,cosa che darebbe in caso d’esonero un brusco stop alla sua carriera,è vero parla sempre d’agonismo mai di tecnica e tattica,cose che evidentemente ritiene superflue e infatti le partite sono abbastanza penose.Il mercato di gennaio certifica l’inutilità di alcuni calciatori presi, acquisiti perché il presidente oltre a non capire nulla di calcio, temo possa essere in balia dei vari procuratori dei calciatori, che talvolta andrebbero invece convocati dai dirigenti e presi a calci nel culo quando ad esempio si permettono di criticare l’utilizzo del loro assistito,da parte dell’allenatore,ed infine si, alcuni giocatori sono più pronti per Caronte che per giocare una partita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *