3 Marzo 2021

scritto il: martedì, 16 Febbraio 2021 - 18:20

Tempo di lettura: 2 minuti

Domani pomeriggio le Aquile con la Casertana sono chiamate a confermare il risultato delle due precedenti gare con Vibonese e Foggia, ma soprattutto a offrire la stessa prestazione e il medesimo spirito agonistico dimostrati in particolare contro i pugliesi. Un Catanzaro aggressivo, disposto in camp molto corto che ha concesso pochi spazi ai rossoneri i quali a parte un paio di occasioni non hanno creato eccessivi pericoli ai giallorossi. E’ stata la vittoria della volontà, della voglia di imporre il gioco, come aveva chiesto mister Calabro alla vigilia della trasferta in Puglia. A proposito del tecnico, come in passato non abbiamo esitato a criticarlo su alcune sue scelte o sul fatto di non essere stato in grado di dare un gioco alla squadra, è giusto adesso attribuirgli i meriti che gli spettano, dando ai ragazzi la giusta mentalità che è necessario deve avere iper affrontare un campionato difficile come quello attuale del girone meridionale della serie C. Una vittoria da attribuire quindi anche al mister che aveva ben preparato la gara ma che deve continuare a catechizzare i suoi in termini di mentalità e giusto approccio. Il gioco potrebbe anche non piacere o comunque non incontrare i gusti di parte della tifoseria, ma ciò che conta è dare seguito ai risultati e continuare l’inseguimento alle squadre che ci precedono per raggiungere il miglior piazzamento in classifica che darà non pochi vantaggi in vista dei play off.

L’avversario che Corapi e compagni incontreranno domani al “Ceravolo” (inizio match previsto alle ore 17.30) è un lontano ricordo di quello incontrato all’andata quando la Casertana si trovava in piena zona play out e senza una vera identità di gioco. Ora sarà tutt’altra formazione, capace di ottenere importanti vittorie, per ultima quella con il Teramo nonostante, a onor del vero, gli abruzzesi non sono più la bella squadra apprezzata nel girone di andata. Sarà una gara da affrontare con la massima concentrazione. Anche il Catanzaro delle ultime gare d’altro canto sarà diverso dalla squadra che ha fatto storcere il muso in occasione della gara di andata che con un minio di gioco avrebbe potuto ottenere il risultato pieno e per la quale i rimpianti sono ancora presenti.

Le scelte di mister Calabro saranno presumibilmente orientate a confermare lo stesso undici schierato contro il Foggia, in attesa di poter capire come verranno integrati i nuovi arrivi e qual è il loro vero valore. Unica eccezione Scognamillo che è ormai in pianta stabile nella formazione titolare. Avanti allora, senza cedere di un millimetro mantenendo il giusto equilibrio tattico e mentale. C’è ancora tanta strada da percorrere ma il percorso intrapreso sembra essere quello giusto.

Foto:Romana Monteverde /US Catanzaro 1929

Commenti da Facebook
error: © Tutti i diritti riservati (All Rights Reserved) Catanzarosport24.it
P