Bari-Catanzaro 1-0 black out nella ripresa, Antenucci pesca il jolly

Agli appuntamenti che contano il Catanzaro sfigura, scompare alla distanza, o meglio, nella ripresa da l’impressione di non essere mai rientrato in campo. Cosi era stato a Terni cosi è stato a Bari anche se in Puglia si sono limitati i danni il finale però non cambia, Aquile a bocca asciutta.Peccato però perché i primi 45 minuti avevano dato l’impressione che con un briciolo in più di spregiudicatezza il Catanzaro avrebbe abbandonato il San Nicola con un risultato positivo.Se in altre circostanze mr Calabro era stato bravo ad apportare le dovute correzioni, questa volta non si può dire altrettanto, anzi la scelta di togliere un attaccante come Di Massimo per rimpiazzarlo con il difensore Garufo è suonata un po’ come se al San Nicola si fossero alzate le barricate senza provare ad infierire.Ma il Bari ha un attaccante come Antenucci che malgrado nel primo tempo non avesse toccato palla grazie ad una prova maiuscola di Fazio, al 57′ ha pescato il jolly da tre punti.Un successo che mantiene il Bari nella scia della Ternana, l’unica cera antagonista al momento visto anche il pareggio del Teramo a Francavilla mentre il Catanzaro perde una posizione scivolando al 5 posto in virtù della vittoria della Turris nel recupero contro il Catania nel match di giovedì.E domenica prossima al Ceravolo sarà proprio la Turris a tastare il polso a Calabro e ai suoi ragazzi chiamati a riscattarsi dopo la sconfitta del San Nicola, una sconfitta che è stata figlia più di un Catanzaro rinunciatario che per merito degli avversari di cui il valore comunque non è in discussione. Ed è proprio per come è maturata la sconfitta che inevitabilmente in settimana aprirà polemiche, e non si venga a dire che a Bari il Catanzaro non aveva nulla da perdere!

Foto : Romana Monteverde /US Catanzaro 1929


Commenti

4 risposte a “Bari-Catanzaro 1-0 black out nella ripresa, Antenucci pesca il jolly”

  1. Due cose positive comunque oggi sono avvenute. La prima e che anche l’anno prossimo faremo l’abbonamento a elevensport con una modica spesa; la seconda e che fosse adesso finalmente torneremo a mettere la maglia giallorossa e a togliere quella orribile maglia nera che è inguardabile.

  2. Avatar francesco
    francesco

    Questa volta non posso che essere d’accordo con la disamina fatta dal signor La Cava,ma torniamo a quanto ho più volte affermato: il Catanzaro non è una grande squadra, è fatta da molti calciatori che non hanno più niente da dire ed alcuni incompiuti,che hanno una continuità di 2-3 partite,o finché non si deve alzare l’asticella.Oggi anche Calabro ci ha messo del suo,consegnandosi al Bari nel secondo tempo rinunciando ad un attaccante.Un allenatore senza coraggio. E torniamo al discorso società: perché costruire una squadra male assortita con calciatori in età avanzata, con contratti biennali, quando non puoi competere per vincere, tanto vale cercare giovani che possano darti una prospettiva ed avere un margine di crescita.Alla fine il sunto del mio discorso è sempre lo stesso: N O T O VA T T E N E! !!!!

  3. Avatar Saverio Mirarchi
    Saverio Mirarchi

    Il peggiore allenatore che il Catanzaro potesse avere. È difficile vedere una squadra, con certe ambizioni, senza fare mai un tiro in porta. A questo aggiungiamo che vedendo giocare la squadra non ci si diverte affatto. L’unico schema che si predilige è Branduani che prende la palla e lancia subito lungo per
    gli attaccanti che non la prendono mai. Se siamo sullo 0 a 0, il rinvio non avviene quasi mai e si cincischia in area. Nemmeno all’oratorio si gioca così. Senza schemi, senza qualcuno che salta l’uomo e con la costante tendenza ad appoggiare la palla all’indietro. Puoi anche vincerla una partita, ma ti va di culo. Questo è un altro anno in cui il Catanzaro non sarà ne carne ne pesce e come gioco è una delle peggiori squadre della serie C. Un pronostico contro la Turris: non oltre il pareggio, con un gioco a dir poco vomitevole.

  4. Mi spiace ma non sono per nulla d’accordo sul fatto che Antenucci avrebbe pescato il jolly nell’: azione del gol. Di gol cosi ne ha fatti a decine, anche in serie A. La verità è che Antenucci da solo vale più di Evacuo Curiale e Di Piazza messi insieme. Magari lo avessimo noi, e forse mettendo insieme gli stipendi buttati dei nostri 3 ‘fenomeni’ ce lo saremmo potuti prendere anche noi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *