Il dopo Terni scatena la furia del presidente Noto

scritto il: martedì, 03 Novembre 2020 - 09:14

Una sconfitta con un passivo pesante, troppo pesante per andare giù, dalle scuse di mr Antonio Calabro alla sfuriata del presidente Noto. Un lungo faccia a faccia che è andato di scena ieri alla ripresa dagli allenamenti è stato proprio voluto dal numero uno del club che nel centro sportivo di Giovino ha parlato alla squadra e allo staff al completo.

Un presidente deluso per come è maturata la sconfitta ha tenuto a sottolineare che prestazioni come quella andata di scena al “Liberati” non sono giustificabili sotto nessuno aspetto. Una delusione comprensibile come del resto lo è per la tifoseria che nel secondi quarantacinque minuti della trasferta in Umbria ha visto in pratica cancellati i buoni propositi con cui Calabro si è presentato sui Tre Colli “Vedrete una squadra combattere dal primo all’ultimo minuto”.

Sotto la lente d’ingrandimento sono stati analizzati vari aspetti dalla condizione mentale alla condizione fisica soprattutto alla luce dei troppi impegni ravvicinati, un elemento che comunque non può e non deve essere un alibi per nessuno. Domani si rigioca di nuovo, al Ceravolo arriva il Palermo è la squadra ha “promesso” un pronto riscatto, convinta delle potenzialità ed altrettanto convinta che ci sono tutti i giusti requisiti per arrivare fino in fondo al campionato con un ruolo da protagonista.

Commenti da Facebook