Il dopo Terni scatena la furia del presidente Noto

Una sconfitta con un passivo pesante, troppo pesante per andare giù, dalle scuse di mr Antonio Calabro alla sfuriata del presidente Noto. Un lungo faccia a faccia che è andato di scena ieri alla ripresa dagli allenamenti è stato proprio voluto dal numero uno del club che nel centro sportivo di Giovino ha parlato alla squadra e allo staff al completo.

Un presidente deluso per come è maturata la sconfitta ha tenuto a sottolineare che prestazioni come quella andata di scena al “Liberati” non sono giustificabili sotto nessuno aspetto. Una delusione comprensibile come del resto lo è per la tifoseria che nel secondi quarantacinque minuti della trasferta in Umbria ha visto in pratica cancellati i buoni propositi con cui Calabro si è presentato sui Tre Colli “Vedrete una squadra combattere dal primo all’ultimo minuto”.

Sotto la lente d’ingrandimento sono stati analizzati vari aspetti dalla condizione mentale alla condizione fisica soprattutto alla luce dei troppi impegni ravvicinati, un elemento che comunque non può e non deve essere un alibi per nessuno. Domani si rigioca di nuovo, al Ceravolo arriva il Palermo è la squadra ha “promesso” un pronto riscatto, convinta delle potenzialità ed altrettanto convinta che ci sono tutti i giusti requisiti per arrivare fino in fondo al campionato con un ruolo da protagonista.


Commenti

11 risposte a “Il dopo Terni scatena la furia del presidente Noto”

  1. Avatar francesco
    francesco

    A me sembra essere tutto surreale,e questo perché si parte da un presupposto sbagliato, e cioè che questa squadra possa recitare un ruolo da protagonista, a cascata ne sono convinti il presidente i diggi,allenatore e giocatori. Mi sembra sempre lo stesso cliché che ci costringe da 30 anni a queste magre figure, ti chiami Catanzaro e in C sei competitivo a prescindere.Io voglio ripetere ancora una volta che operando in questa maniera, con un mercato fatto ai saldi dei saldi con calciatori fuori condizione, non si vincerà mai, ma Il presidente non vuol capire che così i soldi li butta e basta,perché comunque questa armata Brancaleone ha un costo di gestione, seppur lontano dalle squadre più titolate e pertanto siccome continuo a leggere di una squadra competitiva mi piacerebbe che questa redazione spiegasse più nel dettaglio il perché ritenga che il Catanzaro possa recitare un ruolo da protagonista

  2. Avatar Michele
    Michele

    un elemento in più che fornisce questa sortita del Presidente è quello di capire come mai un allenatore chiede ai suoi giocatori, prima della partita di Terni, di voler vedere una squadra combattiva e tenace, mentre la realtà è stata ben diverse, come amaramente abbiamo seguito in TV. Non sarebbe il caso di valutare più approfonditamente il perchè di questo comportamento. Potrebbe rivelare, e non ce lo auguriamo, un “problema” ciò che pretende il mister e quello che fanno i suoi uomini in campo. Sono elementi da non sottovalutare che avranno un solo banco di prova: la partita di domani. A noi resta ancora oggi l’amarezza e lo sconforto provato domenica pomeriggio.

  3. Avatar Giallorossinelsangue
    Giallorossinelsangue

    Rimango stupito dallo stupore presidenziale…questa è stata una squadra abborracciata fin dall’inizio. Alcuni giocatori sono rotti da tempo, vedi durso e di piazza sempre infortunati. Altri a fine carriera, sono arrivati a Catanzaro spremuti come dei limoni, vedi Curiale, Evacuo, Garufo, Altobelli, lo stesso capitano Corapi. Infine, nell’organico mancano pezzi fondamentali come un centrale ” fisico” che sappia governare la difesa, portare palla e prendere tutte i palloni alti, come un Atanasov per esempio. Alcuni di noi, non per pregiudizio, ma per amore senza fine per questi colori lo avevano detto e scritto da tempo. Invece, si è preferito raggiungere il cosiddetto “budget”..questo il marchio di quest’anno. pertanto, caro presidente Noto, non ha con chi prendersela. I vari gatto e la volpe uniti all’allenatore analfabeta non hanno fatto altro che assecondarLa e a lavorare alacremente per questo obiettivo. Speriamo bene. Soprattutto per noi tifosi che nonostante tutto e nonostante le umiliazioni subite continueremo ad avere a cuore questi colori.

  4. Sono assolutamente d’accordo con gli altri commentatori. Come si fa a considerare questa squadra competitiva? Su che basi? Si doveva pensare al budget e al budget si è pensato, adesso di cosa ci si meraviglia?
    Almeno si poteva andare alla ricerca di qualche giovane sorpresa (tipo Celiento e D’Ursi pescati dal tanto vituperato Lo Giudice) invece non si è fatto neanche quello.
    Solo calciatori bolliti e altri che nessuno voleva.
    Questa l’amara realtà, alla squadra il compito di smentirla.

  5. Ma il Presidente Noto è ancora convinto di aver messo su una buona squadra? Tanti ex calciatori e nessun giovane di prospettiva (giusto Di Massimo… forse…). È al suo quarto anno di presidenza e ancora gli fanno credere che abbiamo dei giocatori forti e motivati?

  6. Avatar Giuseppe
    Giuseppe

    Mi sa che si ripete sempre lo stesso disco, va male la squadra e l’ing. Noto se la prende con il mister di turno. Come volevasi dimostrare!!

  7. Avatar Vincenzo
    Vincenzo

    Mi fa specie che calabro si sia accorto adesso che ci sono giocatori su con gli anni e che solo giocando ogni domenica, questi potrebbero, dico potrebbero recuperare le energie per affrontare settimanalmente gli impegni, mha, dov’era quando hanno preso i giocatori dal reparto geriatrico? lo spiegasse, Le scuse caro calabro sono un alibi per nascondere tutte le pecche tecniche fisiche e di impostazione. Avevo fiducia in te e nella squadra ma mi sono dovuto ricredere, anche chiudendo gli occhi dopo la sconfitta con la berretti del potenza dopo con la casertana si sono palesati tutti i limiti tecnici fisici e di conduzione di cui dispone la squadra. Bene ha fatto il presidente a guardarvi negli occhi a tutti mister dg ds e pseudo giocatori, perché un’umiliazione così resterà nella storia e nell’albo della famiglia Noto. Se non siete in grado di mettere carattere grinta di sudare la maglia chiedete la rescissione del contratto, perché di giocatori senza attributi di giocatori scarsi come i vari martinelli garufo contessa pinna Altobelli curiale di piazza corapi e via dicendo ne possiamo tranquillamente fare a meno, stesso discorso dicasi per dg ds e allenatore. Si fanno troppe parole e i troppi elogi vi hanno montato la testa, non illudetevi con il palermo non cambierà niente, ci sarà ancora un’altra formazione sperimentale e le prenderemo di santa ragione, così la società prenderà provvedimenti nei confronti di tutti. Spiace dirlo ma purtroppo non ci sono alternative.

  8. Avatar Giuseppe
    Giuseppe

    Hai centrato la situazione, bravo Vincenzo, speriamo bene, speriamo che ci siano quelle Sei, sette squadre più scarse per evitare cose impronunciabili……..

    1. Avatar gianluca1974
      gianluca1974

      Io penso che l’errore più grande sia stato NON PRENDERE MISTER BRAGLIA!!!! E la seconda volta che se lo lasciano SCAPPARE!!! Lui a Catanzaro sarebbe venuto di CORSA!!! COMPLIMENTI A LO GIUDICE E A FORESTI… E… Aggiungo…. IMPROTA SUBITO!!!!

  9. Avatar Francesco migo
    Francesco migo

    Il vero tesoro sono i tifosi giallorossi. Poi solo facciata. Con il solito rituale del presidente che si ripete ormai da 4 anni. Ma se hai il braccino corto che ti aspetti?

  10. Avatar Francesco migo
    Francesco migo

    A proposito..da vecchio tifoso giallorosso non ricordavo una mazzata così. Neanche in serie A! Viva Noto. Grande in tutto ahah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *