U.S. Catanzaro: Celiento – De Risio: il Bari getta la spugna?

Si sono aperte questa mattina le porte del calcio mercato, reso atipico dall’emergenza del Covid che, salvo qualche rara eccezione, difficilmente regalerà emozioni che per anni hanno accompagnato sogni e passioni di milioni di italiani.

Ed una di queste rare eccezioni riguarda i movimenti in uscita dell’U.S. Catanzaro, che per quanto raccolto in esclusiva da catanzarosport24.it vedrebbe il Bari abbandonare le intenzioni di portare in biancorosso i due giallorossi; il difensore Daniele Celiento e il centrocampista Carlo De Risio.

A far desistere il club pugliese c’è la volontà del club giallorosso di non privarsi dei due elementi con tanta superficialità: il Catanzaro è stato chiaro prima con gli stessi due tesserati nella volontà di volerli trattenere stipulando un prolungamento del contratto e laddove non ci fosse più la volontà degli stessi a proseguire sui Tre Colli i giallorossi se ne priverebbero a ragione di una buona contropartita tecnica ed economica. E sono proprio le richieste delle Aquile che il Bari non intende soddisfare mollando, al momento, la presa. Ma se il Bari molla non mancano comunque le  manifestazioni  di interesse per i due tesserati con un paio di società di Serie B che al diesse giallorosso Massimo Cerri hanno richiesto informazioni.

Il calciomercato si chiuderà il 5 ottobre con il campionato di Serie C che prenderà il via il 27 settembre e la questione legata ai due tesserati che rappresentano due elementi con cui il Catanzaro vorrebbe continuare il rapporto, è comunque una questione che per l’interesse da ambo le parti non può trascinarsi a lungo ed in questa direzione sembra esserci uno sbocco per proseguire in giallorosso, anche soprattutto a seguito del lungo faccia a faccia tra il Dg Diego Foresti e il difensore Daniele Celiento, di cui vi abbiamo raccontato ieri che dopo le incomprensioni iniziali potrebbe portare il difensore giallorosso, molto amato dalla piazza con lo stesso che in passato ha ricambiato con grande slancio, a proseguire il suo percorso con la maglia delle Aquile in una società che comunque intende giocarsi le sue carte per la promozione in Serie B cosi come confermato dal neo acquisto, il portiere Branduani.


Commenti

16 risposte a “U.S. Catanzaro: Celiento – De Risio: il Bari getta la spugna?”

  1. Avatar Francesco
    Francesco

    Se Celiento resta,la cosa ben venga, De Risio invece alcuni lo considerano un ottimo calciatore, a me pare normalissimo,in un undici titolare di una squadra che cambisce ai vertici i centrocampisti devono avere altra qualità,ora noi giocheremo credo con tre centrali, abbiamo Corapi,Carlini,e poi abbiamo bisogno di un terzo, più prestante fisicamente e più dinamico di De Risio.

    1. Avatar Salvatore Panetta
      Salvatore Panetta

      Concordo . Intanto il Catanzaro si è fatto sotto per Alessandro Celli terzino sinistro, poi c’è l’interesse per Bertoncini, Albertini, insomma tanti i nomi sul taccuino del DS . In giornata avremo la novità anche per il centrocampo, sognando Volpe per l’attacco.

  2. Avatar Giuseppe
    Giuseppe

    Scusate, se non ho capito male in società si parla di serie B? Ma allora perché è stato mandato via Auteri? Il Bari che in serie B ci vuole veramente andare lo ha aspettato un anno, lo volevano già lo scorso anno, ma Auteri aveva dato la parola all’ing. Noto ed è rimasto, purtroppo ha lottato da solo finché ha potuto, sono un estimatore di Auteri, pendo pero’, che anche i migliori se non aiutati dalla società falliscono, a questo punto visto che si è voluto cambiare L’ing. Noto dovrebbe (se le cose dovessero andar male) ammettere la propria incapacità nello gestire U. S. Catanzaro. Mi auguro da tifoso che le cose vadano per il verso giusto e come ho letto nell’articolo la squadra lotti per la B.

    1. Avatar Salvatore Panetta
      Salvatore Panetta

      Contratto scaduto, evidentemente c’erano delle buone ragioni. Ragioni misteriose ? Non sia sa cosa sia successo all’interno della Società . Che Mister Auteri sia un genio del calcio come dicono,e che personalmente non mi piace come tecnico, questo è fuori discussione ,sicuramente in passato la Società non era strutturata come adesso, magari ci sono stati attriti col DS che non sappiamo ma che qualcosa si vociferava, e anche qui bisogna essere certi di alcune cose dette o non dette qualcuno ha ingigantito. La colpa della Proprietà sta nel fatto di non essersi circondata da persone competenti e di livello come adesso, a ciascuno il suo ,il Presidente fa il Presidente ma il suo ruolo è imprenditoriale, e in alcune circostanze,mi pare abbia fatto lui stesso il mercato,a questo punto concordo su alcune cose dette dal sig. Giuseppe, la struttura societaria è importante, adesso , magari ci siamo ,potrebbe essere l’anno buono, ma siamo da serie B ? Questo è un dubbio per tutte le società di lega pro, possiamo dire sale il Palermo ? Certo ha un allenatore da serie B ma salirà ? Lo stesso Bari o Avellino,hanno allenatori capaci ma saliranno ? Già abbiamo contato 4 pretendenti,senza dimenticare,Ternana , Perugia, Catania, ecc….c’è pure il Foggia, e poi noi…non per ultimi, sulla carta siamo tutti forti poi deciderà il campo e la fortuna, che è importante anche se non ci si crede…..Potrebbe essere l’anno buono per noi o per il Palermo, chissà ……

  3. Avatar Giuseppe
    Giuseppe

    Caro salvatore, se la memoria non m’inganna l’ing. Noto ha detto publicamente che la decisione di mandar via Auteri per grassadonia è stata sua e che invece il ds ha cercato di difendere Auteri, perché poi richiamarlo? se l’ing Noto era convinto che con grassadonia si andava in B? E che il catanzaro aveva uno squadrone che doveva vincere contro tutti? Calabro è il quinto mister della sua gestione? Se a te sta bene così, ognuno giustamente vede le cose in un certo modo, allora chiediti perché il Bari ha preferito Auteri a Vivarini? Perché ha mandato via uno che ha sfiorato la B per Auteri che è arrivato settimo? Sono dei pazzi incompetenti? Dammi una risposta che non sia banale…

  4. Auteri aveva in mente il Bari da tempo…. Malgrado sia rimasto qui. Per come è andata, dopo Feralpi, avrebbe fatto meglio ad accettare la richiesta della società pugliese e chiudere questa parentesi senza ulteriori proroghe.

    1. Avatar Salvatore Panetta
      Salvatore Panetta

      Concordo ed ho già risposto in merito, leggendo le mie considerazioni pubblicate . Mi sono posto la domanda : Perchè il Presidente del Bari ha contattato Auteri,pur sapendo che era sotto contratto col Catanzaro ? Cosa si saranno detti ? Mistero……

  5. Avatar Giuseppe
    Giuseppe

    Mi esprimo per l’ultima volta sulla questione Auteri, salvatore, tu dici perché da Bari, sapendo che Auteri era sotto contratto è stato contattato dal team pugliese? Ma perché è una novità? Lo stesso Auteri svelo’ qualche settimana dopo l’esonero che lo voleva il vbari e lui rifiutò perché aveva dato la parola al catanzaro testuale! Adesso basta con questa storia, abbiamo Calabro vediamo di cosa è capace. Comunque faccio il tifo per il catanzaro e spero in una salvezza tranquilla, obbiettivamente non penso ci si possa aspettare di più.

    1. Avatar Salvatore Panetta
      Salvatore Panetta

      Questo non lo sapevo,mi scuso,mi dispiace, adesso posso pure capire perchè sono mancate le motivazioni nei play off….. Mister Calabro farà bene lo vedo convinto e determinato.

  6. Sig. PANETTA e Sig. GIUSEPPE, solo adesso leggo con attenzione le Vostre considerazioni che esprimono, nel loro insieme, nel modo e nell’altro, la passione che ci legano a questi colori. Nelle considerazioni espresse non posso che essere d’accordo con Giuseppe ed, in particolare, sul progetto sposato da Mister AUTERI due anni fa, a mio modesto parere non collaborato a dovere dalla proprietà, soprattutto per quel che riguarda gli uomini da scegliere per il modulo di gioco del Mister. Eppure, il primo anno, con uomini nuovi per 9/11, e solo 7 giocatori presenti al ritiro estivo, il buon Gaetano ha costruito una formazione arrivata 3^ a fine campionato (ricordiamoci il rigore fallito da Giannone, se no, chissà) ed un parco giocatori il cui valore, dopo nove mesi, era aumentato del 30%. Senza dimenticare, ancora, che se la società avesse esaudito la richiesta di ingaggiare un centravanti di spessore (MAROTTA) probabilmente avremmo concluso il campionato diversamente. Cosa che non vengono rimarcate, ma che tutti sappiamo. Eppure, chi scrive, ha avuto il piacere di intrattenersi a parlare con il Mister con il ritorno in panchina dopo la deleteria parentesi Grassadonia. Una persona innamorata di questi colori con un solo intento: concludere il lavoro non completato nel 2010, con la finale persa con la Cisco. Un obiettivo che lo avrebbe reso orgoglioso e felice, riportando il Catanzaro nei palcoscenici del calcio che merita. Così non è andate per colpe che vanno ricercate nella società, nei giocatori, in alcuni e non pochi tifosi che, dopo la sconfitta con la Feralpi, hanno cominciato ad inveire contro il Mister, profferendo parole e frasi da non ripetere. Ora, chiudendo questa dolorosa parentesi, almeno per coloro che reputano AUTERI il NUMBER ONE della Lega Pro, guardiamo al futuro, con la speranza che la proprietà costruisca qualcosa di importante, da farci credere in un sogno sinora rimasto tale. Buona giornata.

    1. Avatar Salvatore Panetta
      Salvatore Panetta

      Signor Michele,concordo appieno con quanto scritto da Lei con garbo e dedizione,riconosco al Mister il buon campionato fatto e personalmente non ho niente in contrario , che sia un genio del calcio no si discute ,personalmente non piace come allenatore ,e vado controcorrente , attirandomi le critiche ma non voglio più parlare, guardo avanti con la speranza che questo nuovo ciclo ci porti il più in alto possibile e ambire alla serie superiore. Detto questo, la Società ha sbagliato a non trovare gli accordi giusti con i calciatori quando il Mister chiese determinati rinforzi , qualcuno per motivi familiari o altro , non voleva, scendere al Sud e sono state fatte altre con caratteristiche diverse da quelle chieste . Spero solo che adesso non si ripetano gli stessi errori , altrimenti non usciremo mai da questi fondali. Mi sarebbe piaciuto e ne sarei stato onorato di incontrare il Mister come ha fatto Lei ,anche se io ho le mie idee , questo non vuol dire scambiare due chiacchiere , il rispetto esula dalle proprie idee, il rispetto non manca , le opinioni sono solo tali. Grazie a voi tutti perchè mi coinvolgete , vi ammiro perchè ne sapete più di me….

  7. Avatar Giuseppe
    Giuseppe

    Grazie Michele per la solidarietà, ti prego non mi chiamare sig. È vero che ho superato la cinquantina,però così mi sento più vecchio, chiamami semplicemente Giuseppe, hai descritto benissimo la situazione, molto meglio di me, aggiungo il rigore fallito a trapani sul 1 a 0 per noi, se quel maledetto rigore di giannone andava dentro erano due punti in più per noi e uno i. Meno per la j. Stabia, ma sopratutto psicologicamente li avremmo sotterrato, lo dico con cognizione di causa, avendo giocato a calcio. Un abbraccio a tutti gli amici giallorossi.

  8. Sig.Panetta e Giuseppe, dopo queste appassionate argomentazioni, voglio, per l’ennesima volta, ribadire che non dobbiamo disperdere questo attaccamento alla maglia, anzi per chi legge, deve servire da stimoli in più da infondere a coloro che hanno il “timone di questa gloriosa squadra, a cominciare dalla proprietà. NON FATEVI PERDERE LA SPERANZA. Forza AQUILE…. SEMPRE.

    1. Avatar Salvatore Panetta
      Salvatore Panetta

      Amo la mia squadra,e la passione , a volte non mi fa riflettere, sono troppo impulsivo , e , se guardo una partita , divento un fuoco soprattutto quando le cose non vanno come dovrebbero, ricordo quando si giocò di mercoledì Catanzaro- Roma rinviata per vento,finì 1-1 con goal di Edy Bivi e poi pareggio di Nela,be, io andai a lavorare, con ritardo, prendendo un permesso, pur di vedere la partita , erano gli anni 80 ,lo stadio gremito e mi accomodai in curva est ,io, amante della ovest,….questa è la mia passione con le mie idee,anche non condivisibile. Oggi qualche problema fisico non mi consente di andare allo stadio,ma seguo sempre,come posso, il mitico Catanzaro.

  9. Avatar Giuseppe
    Giuseppe

    Certo Michele, sono della provincia di Reggio Calabria e da quando ero ragazzino che con un gruppo di amici partivamo in treno per vedere il catanzaro, erano gli anni settanta, rimasi folgorato da questi colori, per me c’è solo il catanzaro, forza Aquile, forza giallorossi!!

  10. Sig.Panetta e Giuseppe, le vostre parole sono musica perle mie orecchie. Il mio ricordo più bello? La sconfitta del Bari con gol di Mammi che ci regalò la prima storica serie A. Ho 59 anni e tra i desideri più grandi c’è quello di poter gioire,spero presto, gioire come in quel di Ascoli, con l’ultima serie B. Forza Catanzaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *