U.S. Catanzaro: oggi con Calabro giocheresti così!

scritto il: sabato, 22 Agosto 2020 - 17:02

Tempo di lettura: 2 minuti

Il countdown all’inizio del campionato segna meno -36 giorni al via, è tempo di far sul serio. Ma se in altre piazze si attende ancora l’ufficializzazione dell’allenatore e le rose sono ridotte all’osso guardando in casa giallorossa  tra i 20 elementi  ce ne sono che sarebbero titolari in qualsiasi rosa.

Una rosa che le nuove regole impongono debba essere circoscritta a 22 elementi + 1 nato del 2001 (illimitati invece  i giovani di serie) quando mancano 10 giorni all’apertura del calcio mercato, e ad oggi il Catanzaro ha 3 slot liberi che prima di essere occupati si attende una più ampia riflessione da parte del tecnico Calabro messa un po’ in difficoltà per lo slittamento del positivo da Covid 19. Ritiro che èiniziato oggi nella località di Moccone.

Da li il tecnico potrà rodare la truppa plasmandola essenzialmente su tre aspetti: velocità nel giocare la palla, esterni nel vivo del gioco, reparti corti con gli attaccanti protagonisti della manovra offensiva.

20 Elementi a disposizione (escluso i ragazzi della Berretti) non tutti destinati a restare in giallorosso, le partenze saranno legate non solo a chi non sarà ritenuto idoneo al progetto tecnico ma anche per qualche elemento che alla società ha dichiarato di aver finito un ciclo in questa piazza e non ha più stimoli. Su questo aspetto e meglio puntare la barra dritta senza portarsi fardelli sulle spalle che poi rischiano di essere un peso ingombrante all’interno dello spogliatoio.

Ma come giocherà il Catanzaro di mister Calabro?

Con il 3-5-2 con esterni molto duttili capaci di macinare chilometri a tutta fascia ma anche e soprattutto di essere bloccati passando al 3-4-1-2, caratteristica che il tecnico sembra aver preferito nelle ultime stagioni,  dimostrando più volte di avere grande capacità di lettura con frequenti cambi di modulo anche a partita in corso senza un trequartista puro ma con un centrocampista avanzato.

Una delle grandi qualità di Calabro è proprio quella di essere pragmatico, di avere il polso della situazione, capace di assumersi le proprie responsabilità delle scelte tecniche dando prova che ha le idee ben chiare con il materiale che ha disposizione partendo da determinate caratteristiche: testa, gambe e  cuore basi su cui il tecnico costruirà il prossimo cammino del Catanzaro con un  gruppo senza prime donne in cui nessuno è titolare e tutti lo sono. Partendo da queste prerogative la prossima settimana sarà decisiva per chi merita di restare in giallorosso.

Se oggi fosse già tempo di scelta quale sarebbe l’11 titolare che avrebbe maggiori possibilità di scendere in campo? Abbiamo provato ad ipotizzare quello che crediamo sia il modulo con cui il tecnico preferirà far giocare il Catanzaro, il 3-4-1-2 è nello schema che ecco la formazione che abbiamo scelto.

Commenti da Facebook