U.S. Catanzaro: la rivoluzione del DG Foresti, ecco cosa cambia nell’immediato

scritto il: lunedì, 17 Agosto 2020 - 11:19

Tempo di lettura: 2 minuti

Dalla rivoluzione del presidente Floriano Noto, che ha azzerato i quadri organizzativi e tecnici alla rivoluzione del direttore generale Diego Foresti. L’U.S. Catanzaro inizia a muove i primi passi verso un assestamento organizzativo che ha i connotati di una società che vuole riscoprire a fare calcio.

Il lavoro che attende il neo DG è vasto, lungo ma soprattutto indispensabile se si vogliono buttare le basi per costruire un futuro solido che non può essere dato solo dalla certezza di avere una proprietà solida, ma passa per tutti quei processi organizzativi che fino ad oggi hanno latitato.

La prima novità in assoluto è rappresentata dal creare una sinergia tra il lavoro della Prima Squadra e quello della Berretti (che presto diventerà Primavera 3) nell’intento di far crescere e sviluppare la Cantera Giallorossa che potrà portare a dare un contributo importante.

Sono ben 7 gli elementi delle giovanili che parteciperanno al ritiro di Moccone, ma il lavoro non si esaurisce qui, infatti, per come raccolto in esclusiva da catanzarosport24.it al in ritiro ci andrà anche il tecnico della Berretti Giulio Spader, una novità importante voluta dal DG Diego Foresti.

Mister Spader parteciperà al lavoro di Mister Calabro e la Berretti giallorossa in campionato si proporrà con lo stesso modulo utilizzato da Calabro. Un processo organizzativo in evoluzione dove gli elementi della Berretti mai come ora avranno gli occhi puntati addosso dagli addetti ai lavori e non a caso nei giorni scorsi è stato nominato un responsabile scouting per il Settore Giovanile nella regione Lazio.

Giulio Spader, tecnico della Berretti andrà in ritiro a Moccone

Ti ricordiamo di votare per la Hall off Fame – il primo appuntamento è dedicato ai presidenti

Commenti da Facebook