Bari: una grande in crisi di identità. C’è Auteri, ma non c’è il budget

scritto il: sabato, 08 Agosto 2020 - 07:34

Tempo di lettura: < 1 minuto

Bocce ferme in casa Bari,  si attende il segnale dall’alto per scatenare l’inferno. Ma a differenza della stagione passata il segnale tarda ad arrivare. Bisognerà innanzitutto stabilire il budget che la famiglia De Laurentis intenderà finanziare per la nuova stagione biancorossa e da qui ripartire mettendo ordine ai quadri dirigenziali che ad oggi hanno diversi nodi da sciogliere.

Papà De Laurentis supportato dal DS Giuntoli di casa Napoli, il vero deus ex machina, guardano ad un rinnovamento con l’intenzione di un cambio ai vertici dell’area tecnica, con il profilo di Giancarlo Romairone che potrebbe innestarsi nei quadri dirigenziali del Bari prendendo il posto di Matteo Scala come direttore sportivo e con Gaetano Auteri in panchina. Il figlio Luigi De Laurentis  non ama le rivoluzioni e vorrebbe proseguire con il duo Scala-Vivarini. Il tutto con sullo sfondo un occhio al budget che il covid-19 sembra aver limitato parecchio.

Come riporta tuttobari.it “Sarà l’ultimo weekend di attesa per i tanti appassionati dei colori biancorossi, che fremono per uscire da questo limbo sospeso tra il silenzio della società e l’incombere della nuova stagione. Da lunedì prossimo sono previste schiarite sulle nuvole che da un po’ di tempo si sono accumulate sul capoluogo pugliese, con la famiglia De Laurentiis che dovrà prendere la tanto fatidica decisione sul futuro della panchina biancorossa… e non solo”

Commenti da Facebook