U.S. Catanzaro: individuata la figura del Direttore Generale

scritto il: martedì, 14 Luglio 2020 - 17:40

Tempo di lettura: 2 minuti

C’è chi è pronto a scommettere che la via che il Catanzaro ha imboccato porterà ad un progressivo disimpegno della famiglia Noto dai vertici del Club. Soprattutto ora che Braglia non è arrivato, il contratto del Direttore Sportivo Logiudice scaduto il 30 giugno non è stato rinnovato e già che ci siamo mettiamoci dentro anche Improta più volte accostato e mai arrivato. Come se il calcio a Catanzaro debba dipendere sempre e comunque dalle stesse facce. Ma con tutto il rispetto per i personaggi appena citati, e con un doveroso ringraziamento per quello che hanno fatto (se qualcuno non venisse riconfermato), il calcio è ben altra cosa e lo deve essere in questa città se vuole scrollarsi da dosso 30 anni di anonimato.

Siamo l’unica piazza calcistica calabrese rimasta ancorata a vecchie conoscenze, non abbiamo mai progredito, ci siamo fermati alla Serie A e da li non siamo più riusciti a ripartire. Ci siamo abituati a vivere di luce riflessa a tal punto che il cervello è finito per anestetizzarsi, mentre a Reggio, Cosenza e Crotone ci hanno fatto scuola e dopo scuola calcistica. Non è un reato ammettere l’evidenza.

Sui Tre Colli il pessimismo regna sovrano con la proprietà chiusa nel silenzio, si alimentano le polemiche per il mancato arrivo di Mister Braglia, ma mancato arrivo non è dal momento che non è mai entrato nei desideri della proprietà. Ma non ci è entrato perché potrebbe avere un ingaggio alto, come qualcuno si è già affrettato a far circolare, ma semplicemente perché la proprietà è orientata a disimpegnarsi in maniera chiara ed inequivocabile, da tutto ciò che non ritiene più utile in maniera progressista e costruttivo.

Noi lo avevamo scritto già qualche giorno fa che dalle notizie in nostro possesso la proprietà stava imboccando un altro percorso, quello di un rinnovamento dei ranghi nelle figure dirigenziali, un lavoro lontano da Catanzaro, un lavoro eccezionale dietro le quinte, un lavoro di relazioni, di intelligence, bloccando ogni iniziativa ritenuta obsoleta e soprattutto non autorizzata.

Ed oggi abbiamo un altro dato oggettivo quello che porta all’interessamento di una figura di spicco, un Direttore Generale di provata esperienza, con un eccellente curriculum, che avrà il compito di strutturare la società dal punto di vista organizzativo. Quanto raccolto in esclusiva da catanzarosport24.it è stato verificato attraverso i canali ufficiali che fanno riferimento alla figura del probabile e futuro Direttore Generale dell’U.S. Catanzaro. C’è l’interessamento forte e deciso di Floriano Noto di portarlo a Catanzaro, così ci è stato assicurato, ed in questa direzione si sta lavorando superando anche alcune situazioni burocratiche che le legano il Direttore alla sua vecchia società di appartenenza e che al momento sono l’unico ostacolo al matrimonio con il Catanzaro.

Il suo nome? Non siamo autorizzati a svelarlo… ci è stato solo concesso a diffondere il suo segno zodiacale: è del Capricorno.

Commenti da Facebook