U.S. Catanzaro: Noto prepara la rivoluzione?

scritto il: venerdì, 10 Luglio 2020 - 20:42

Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo l’uscita dai play off bocche cucite in casa giallorossa, qualche dichiarazione rilasciata da Mr Auteri e dal Ds Logiudice, la proprietà tace, cosi come è successo anche dopo l’eliminazione dei play off della scorsa stagione.

Il clichè è sempre lo stesso, silenzio assoluto dalla proprietà e voci che si rincorrono che vogliono il presidente Noto sull’uscio del Sindaco pronto a consegnare le chiavi della società. Un Noto arrendevole nell’immaginario collettivo, frutto anche delle parole di alcuni dei suoi feudali, che dipingono un quadro allarmante ma che forse confondono lo stato di crisi emotiva che può starci tutto, ed è anche giustificabile a fronte di 3 anni nella quale la Holding Noto ha messo nelle casse dell’U.S. Catanzaro soldi propri. Perché una cosa deve essere chiara, di soldi la proprietà ne ha messi, un aspetto che abbiamo sempre messo in risalto e che gli addetti ai lavori hanno sempre confermato, soprattutto quegli addetti ai lavori che stanno lontano da Catanzaro. L’ultimo in ordine di tempo il tecnico in ordor di ritorno Piero Braglia che in una recente trasmissione televisiva ha dichiarato: “io da un’altra parte ho vinto un campionato con soli 900 mila euro, mentre so che a Catanzaro gli investimenti sono stati molto importanti”.

Anche l’incontro con Sergio Abramo, sindaco di Catanzaro e presidente della provincia si è già tenuto mercoledi presso la sede dell’ente provinciale e per quanto raccolto da catanzarosport24.it i temi all’ordine del giorno hanno riguardato la mancata contribuzione di qualche sponsor ed i lavori alla Tribuna Centrale. Delusione si, ma nessuna arrendevolezza o un voler gettare via la spugna come se si stesse parlando di un codardo qualsiasi, e chi conosce bene il presidente Floriano Noto, sa che per natura è molto ottimista.

Strano però che questi feudali confondano la delusione con l’arrendevolezza, una segnale di come alcuni di loro siano davvero inadeguati, fuori proprio dal contesto calcistico, troppo impegnati a gonfiarsi il petto durante il campionato, ne vanno talmente fieri che non tralasciano mai di esibire il loro ego con selfie live sui social. E’ vero, li ce li ha messi la stessa proprietà quella che ora si è forse rotta le palle di dare spazio a tanto ego e che sembrerebbe pronta ad una rivoluzione degli incarichi societari. Perchè gli stessi non avrebbero mai il buon senso e la dignità di riconoscersi inadatti e per alcuni aspetti anche lesivi.

Vanno in questa direzione le indiscrezioni raccolte da catanzarosport24.it, un proprietà delusa, e che comunque non poteva illudersi di fare man bassa nei play off partendo da un settimo posto. All’orizzonte si lavora dunque per un probabile restyling in alcune figure dirigenziali.

Commenti da Facebook