Serie C: è caccia all’allenatore vincente. Avellino sogna la B

scritto il: venerdì, 10 Luglio 2020 - 12:30

Tempo di lettura: 1 minuto

Vanno avanti i play off con gli incontri del secondo turno nazionale che saranno disputati lunedi 13 luglio in gara secca, e chi va fuori potrebbe essere interessato ad un avvicendamento in panchina. Ma chi ha già concluso il campionato inizia a pianificare la stagione che verrà e a tenere banco è il valzer degli allenatori. Dal Catanzaro all’Avellino sono tante le società in cerca dell’uomo giusto.

Il “Corriere dello Sport” dell’edizione odierna, traccia i primi movimenti. L’Avellino punta decisamente alla Serie B e a contendersi la panchina ci sono tre papabili: Rastelli, Auteri, e Piero Braglia, tre ex giallorossi, il primo da calciatore, mentre Braglia ha vestito la maglia delle Aquile sia da allenatore che da calciatore.

Lo stesso Catanzaro è in cerca del sostituto di Auteri, e sulla panchina delle Aquile potrebbe esserci il ritorno di Piero Piero Braglia.

E’ di Ieri la separazione tra la FeralpiSalò e Stefano Sottil e il rinnovo tra Sambenedettese e Paolo Montero. Alla Casertana c’è la novità Federico Guidi, mentre alla Cavese Giacomo Modi prende il posto di Campilongo. Le conferme: Erra alla Paganese e Fabiano alla Turris. Alla Virtus Francavilla resta Trocini, mentre il Picerno va avanti con Giacomarro. La Vibonese ha sondato Modesto e Mattino, ma piace anche l’ex fantasista giallorosso Benny Carbone.

Marai resta al Pontedera, mentre Di Donato lascerà l’Arezzo. La Pistoiese è interessata a Scazzola, mentre la Pro Patria guarda a Spinale. A Como si va avanti con Branchini, mentre il Lecco con D’Agostino. Al Piacenza va Vincenzo Manzo, mentre il Modena ha scelto Mignani. La Fermana sarà guidata da Antonioli e l’Albinoleffe da Zaffaroni. Conferme anche per Torrente al Gubbio, Galderisi alla Vis Pesaro, Viali al Cesena, Alessandrini al Fano, e Di Mascio Teramo. Alla Virtus Verona c’è Fresco, con Atzori che dovrebbe proseguire con l’Imolese.

Commenti da Facebook