Piday 2019, matematica e pallone. Dibattito al Teatro Comunale

Undicesima edizione della manifestazione che quest'anno ha visto interessato il mondo del calcio
14.03.2019 20:59 di Maurizio Martino  articolo letto 107 volte
Piday 2019, matematica e pallone. Dibattito al Teatro Comunale

In occasione del Pi Day, giornata mondiale dedicata al pi greco, una delle costanti più importanti e famose della matematica, si ė svolta oggi al Teatro Comunale l'11ª edizione della manifestazione, organizzata come sempre dal Liceo scientifico Siciliani. Il tema trattato quest'anno ė stato Matematica e pallone. Relatore del dibattito è stato il prof. Francesco Valentini, del Dipartimento di Fisica dell’UniCal. Protagonisti dell'evento sono stati gli studenti che rappresentavano il Siciliani e altri istituti che hanno presentato i diversi studi eseguiti che hanno riguardato appunto la matematica applicata al gioco del calcio. Interessanti le tesi spiegate dai ragazzi alcune delle quali hanno riguardato ad esempio lo studio della forma del pallone, strumento indispensabile per la pratica del calcio, analizzando nel dettaglio il perché delle sue dimensioni, i risultati che si potrebbero ottenere al variare delle stesse, il fattore velocità associato al tempo e allo spazio a seconda della forza che s'imprime al pallone. Sono stati riportati alla mente gli esempi di gioco che rendono ancor più spettacolare lo sport del calcio come il pallonetto, cioè la parabola ottenuta a seguito di un particolare tocco che viene dato al pane, come ne caso della famoso pallonetto calciato da Totti in occasione di una partita che la Roma gioco con l'Inter un po' di anni addietro. Se,pre in tema di parabola non poteva mancare la citazione del re delle reti (13) segnate diretta,ente calciando dalla bandierina de, corner. Ci riferiamo ovviamente a Massi o Palanca che grazie alla traiettoria del pallone da lui calciato sfruttando ancheo le condizioni del vento, ha rappresentato uno spauracchio per i portieri dell'Italia intera. A spiegare il movimento del pallone e le parabole impresse dalla sfera di cuoio che all'epoca in cui giocava oltretutto era molto più pesante dei moderni palloni in uso sui campi di calcio, è stato lo stesso O'rey che è intervenuto in diretta telefonica suscitando, come naturale che fosse, applausi scroscianti da parte del folto pubblico presente nella platea del Comunale. Oltre alle sue grandi doti tecniche-balistiche, l'importanza di  fattori come ad esempio traiettoria, angolo d'inclinazione e velocità iniziale sono stati alla base delle sue imprese ottenute anche con la collaborazione del compagno di squadra Claudio Ranieri che si posizionava sistematicamente al pri o palo per ostruire la visuale al portiere di turno. Tra una discussione e l'altra da parte degli studenti, apprezzato anche l'intermezzo di Enzo Colacino che tra una battuta e l'altra ha evidenziato l'importanza della pratica dello sport per la crescita sana di ogni individuo.

Maurizio Martino