Catanzaro, si è concluso il terzo memorial "Vincenzo Lanciano"

 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:   articolo letto 191 volte
Catanzaro, si è concluso il terzo memorial "Vincenzo Lanciano"

Si è svolto presso lo stadio comunale “A. Curto” di Catanzaro lido, il “3°Memorial Vincenzo Lanciano”, quadrangolare di calcio, organizzato dal Convitto Nazionale “P. Galluppi”, diretto dal prof. Antonio Carioti, per ricordare il giovane di Badolato, ex convittore dello storico e prestigioso convitto , deceduto nel luglio 2014, all'età di 25 anni,  a causa di un incidente  stradale avvenuto nella  cittadina jonica.Quattro le squadre scese in campo, in rappresentanza dei quattro Istituti scolastici partecipanti: oltre al “P. Galluppi”, l'Istituto Professionale di Stato Servizi per l'Enogastronomia e l'Ospitalità Alberghiera (I. P. S. S. E. O. A.) di Soverato, l'Istituto Tecnico Agrario ( I. T. A.) “V. Emanuele II° di Catanzaro e, per la prima volta, l' Istituto Tecnico Settore Tecnologico (I. T. S. T.) “E. Scalfaro” di Catanzaro, frequentato dallo sfortunato Vincenzo, durante i cinque anni di permanenza presso il convitto "P. Galluppi".

Il torneo, ideato ed organizzato dall'educatore Carlo Astorino, si è svolto all'insegna della correttezza in campo e in un clima   di amicizia fuori  dove erano presenti numerosi studenti, genitori ed accompagnatori dei quattro  istituti in gara. Per il Galluppi erano presenti, oltre all' educatore Astorino, Annamaria Battaglia e Salvatore Conca;  per l' I. P. S. S. E. O. A .gli educatori  Paolo Cugliari e Domenico Silipo;  per l'I. T. A.  gli educatori Antonio Astorino e Pasquale Tropea e per l' I. T. S. T. il prof. Pasquale Rizzo. Presenti anche la mamma e la sorella  di Vincenzo Lanciano, insieme ad altri familiari e, pur essendo ancora visibilmente provati per la tragedia che li ha colpiti, non hanno voluto mancare, ancora una volta, alla manifestazione in suo ricordo.

Commozione generale e un lungo applauso tra i presenti quando l'arbitro, il signor  Eugenio Cimino , ha  concesso un minuto di raccoglimento in memoria di Vincenzo e quando, la sorella Vittoria ha dato il calcio di inizio al primo incontro in programma tra le rappresentative del Convitto “Galluppi” (G) e dello “Scalfaro”(S). Incontro molto acceso dall' intenso vigore agonistico terminato in parità 3 a 3.  Dopo che lo “Scalfaro” si era portato in vantaggio per 3 a 1 è stato  raggiunto con  una doppietta del bravo Furina. Questa la sequenza delle marcature:  Vincenzo Colosimo (G), Umberto Rotella (S), Guido Granato (S) e Vincenzo Furina (G) con  una doppietta entrambi. Sono serviti i calci di rigore, per decretare l' accesso alla finale per il primo posto, dove ha prevalso lo “Scalfaro” nettamente, mettendo a segno quattro centri contro uno solo del Galluppi. Ecco la sequenza: Lorenzo Fraietta (S, gol), Filippo Idone (G, gol), Luigi Alfieri (S, gol), Giovanni Antoniotti (G, parato), Antonio Madia (S, gol), Carlo Bolognino (G, palo), Mirko Galli (S, gol). Il secondo incontro , tra l' I. P. S. S. E. O. A. (S)  e l' I. T. A. (A) ha visto prevalere i secondi col risultato di 2 a 1 con reti di Danilo Durante (A), Giovanni Vona (S) e Salvatore Dara (A) al termine di un incontro avvincente e nel complesso molto equilibrato. Ha arbitrato il signor Alberto Laino. Dagli esiti dei due precedenti incontri sono scaturite le due finali, dapprima quella di “consolazione”, per il terzo posto, che ha visto le due reppresentative che nelle due precedenti edizioni si erano contese il primo posto, il Galluppi e l' I. P. S. S. E. O. A..  La compagine catanzarese ha avuto la meglio (3 – 1) rispetto ai giovani soveratesi apparsi stanchi. Hanno segnato: Emilio Nicolazzo (G), Vincenzo Colosimo (G), Luigi Pullano (S) e, ancora, Vincenzo Furina (G).   Si giunge così ad una finalissima del tutto inedita per il “Memorial V. Lanciano”, che vede di fronte le vincenti dei primi due confronti, lo “Scalfaro” e l' I. T. A., e diretta dal signor Vitaliano Quattromani. Bravi i ragazzi dello “Scalfaro” che, con una rete del solito Guido Granato, si aggiudicano un match molto equilibrato e col risultato in bilico fino al fischio finale del signor Nicola Ferrarelli. L' I. T. S. T. “E. Scalfaro”, la scuola frequentata dal caro Vincenzo, alla sua prima apparizione al Memorial Lanciano, scrive così il suo nome all'albo d'oro della manifestazione e si aggiunge a quello del Convitto “P. Galluppi” che si era aggiudicate le due precedenti edizioni.Vincenzo Furina e Guido Granato sono risultati i due migliori realizzatori con tre reti ciascuno. Alla manifestazione ha presenziato il signor Renzo Costigno, vice presidente della sezione arbitri di Catanzaro.

Sul Memorial non cala il sipario, perchè mercoledì 17 maggio, nell' aula magna “A. Bonacci” del Convitto nazionale “P. Galluppi”, si terrà la cerimonia di premiazione.

“A parte la doverosa cronaca meramente sportiva, posso affermare con orgoglio, che a vincere sono stati tutti”, ha dichiarato l' educatore Carlo Astorino. “Hanno vinto i ragazzi partecipanti per la loro correttezza e sportività manifestata in campo; hanno vinto i Dirigenti Scolastici degli Istituti partecipanti che, con la loro adesione, hanno permesso che la ma idea , nata all' indomani della tragedia con la quale ha perso la vita Vincenzo, si concretizzasse ancora una volta e diventasse ormai un appuntamento fisso per gli studenti partecipanti e, chissà, che nel futuro prossimo non ne coinvolga anche altri; ha vinto il Comune di Catanzaro che ha patrocinando la manifestazione ha capito la bontà dell' iniziativa. Ha vinto, per concludere, soprattutto Vincenzo, il cui ricordo non sbiadisce nel tempo, anzi, si rafforza ancor di più in chi lo ha conosciuto, come me, e  diventa familiare in chi lo sta cominciando a conoscere anche attraverso questa manifestazione”.