VERSIONE MOBILE
 
 Domenica 19 Febbraio 2017
  VS  
Taranto   Catanzaro
[ Precedenti ]
SEI SODDISFATTO DEL CATANZARO 2015/16?
  
  
  
  

L'EDITORIALE

L'annus horribilis sta per finire...

29.12.2016 18:01 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:   articolo letto 724 volte
© foto di Prospero Scolpini/TuttoLegaPro.com
L'annus horribilis sta per finire...

E' terminato con un pareggio contro la Virtus Francavilla il 2016, l'“Annus horribilis” per il Catanzaro e per i suoi tifosi costellato da 17 sconfitte, 15 pareggi e, solamente, 7 vittorie. Da Alessandro Erra a Nunzio Zavettieri, passando per Mario Somma e Giulio Spader l’anno civile che sta per terminare ha riservato molte delusioni e poche gioie alla tifoseria catanzarese. Questo è un viaggio a ritroso in quello che per molti è stato un vero e proprio incubo sportivo. I più ottimisti (ossia la maggior parte dei sostenitori delle aquile) erano certi che quanto vissuto nello scorso campionato sarebbe stato solo un brutto sogno conclusosi, fortunatamente, con la salvezza conquistata all’ultima giornata contro il Melfi davanti a 7.000 spettatori. Pochi potevano pensare che la seconda parte del 2016 avrebbe riservato momenti ben più cupi. I motivi per essere ottimisti erano tanti, quelli per essere negativi quasi nulli.

POCHE LUCI E TANTE OMBRE

L’avvento di Alessandro Erra il 26 ottobre 2015 aveva portato ad un vero e proprio cambio di passo da parte del Catanzaro messo in piedi, con pochi spiccioli, da Carmine Donnarumma e affidato, inizialmente, a Massimo D’Urso.  Una squadra che, dopo una partenza deficitaria, era riuscita a risalire la china avvicinandosi, insperatamente, alla zona play off con il sonoro 3 a 0 rifilato in casa all’Ischia Isola Verde grazie alle reti di Maita, Razzitti e all’eurogol di Agodirin. Era il 19 dicembre 2015, quella contro gli ischitani era l’ultima partita casalinga del girone d’andata. Grazie a quel successo, conquistato pochi giorni prima di Natale, il Catanzaro con 22 punti in classifica si attestava ad un tiro di schioppo dai piani alti. Un ruolino di marcia che aveva ricompattato l’ambiente, tant’è che quel giorno il Presidente Cosentino, sino ad allora contestato dalla curva, era ritornato a sfilare in mezzo al campo per raccogliere gli applausi del “Ceravolo”. Una vera e propria magia del mago Erra. Ma le belle storie, a queste latitudini, durano poco. Il nuovo anno, arrivato carico di aspettative, inizia subito male. Il 9 gennaio 2016 il Catanzaro torna dall’Arturo Valerio di Melfi con una inopinata sconfitta. I lucani grazie ad un gol lampo dell’ex Simone Masini e alla rete di Soumarè fanno ritornare sulla terra i giallorossi. Nessun volo pindarico. Il Catanzaro è destinato a soffrire anche alla luce di un’inspiegabile sessione invernale del calciomercato. Il Presidente Cosentino e il DG Donnarumma volano a Milano per fare una semplice comparsata. Nessuna ciliegina sulla torta nonostante le attese di Alessandro Erra. Dopo le partenze di Taddei ed Ingretolli, e gli arrivi di Patti, Firenze e Olivera si aspettava il classico colpo di mercato che non è arrivato. Arriva, però, il rinnovo del contratto di Alessandro Erra. "La società Catanzaro Calcio 2011 srl comunica di avere prolungato il rapporto contrattuale che lega il tecnico Alessandro Erra al club giallorosso per le prossime due stagioni.  Un rinnovo che rappresenta il primo passo di un progetto a medio-lungo termine che la società del presidente Giuseppe Cosentino punta a costruire nei prossimi anni. Un progetto serio e ambizioso, che sarà portato avanti nel segno della programmazione e della continuità con l’ottimo lavoro fatto dall’intero staff societario e tecnico in questi ultimi mesi”. Parole cariche di positività che lasciavano, ancora una volta, ben sperare la tifoseria giallorossa. Pur lavorando nell’ombra già in molti sapevano che il nuovo Catanzaro sarebbe stato messo in piedi da Antonello Preiti.

L'INIZIO DI UN "NUOVO" PROGETTO

L’ex responsabile dell’area tecnica del Parma, rescinde a marzo con la Paganese pochi giorni dopo dalle dimissioni di Carmine Donnarumma. Il DG va via con garbo ma lasciando ben intendere i motivi del divorzio anticipato con il Catanzaro: “sono andato via per dignità” - disse nella conferenza stampa di commiato - “non sono stato messo nelle condizioni di fare il lavoro come sono abituato a fare. La società decide la strategia e la mette in mano al direttore e si sceglie l'allenatore secondo anche un'empatia. Con Erra siamo sulla stessa lunghezza d’onda. A gennaio qualche giocatore da noi segnalato non è arrivato, non chiedetemi il motivo". Della situazione ne risente, gioco-forza, la squadra. Ed anche Erra dimostra di non essere più sereno come prima. Il Catanzaro conquista nella seconda parte della stagione 19 punti, tre in meno rispetto alla prima parte, ma i 41 punti totali sono sufficienti per la salvezza diretta senza lo spauracchio dei play-out. L’11 maggio 2016 Antonello Preiti viene ufficialmente investito del ruolo di DS giallorosso. Due settimane dopo arriva il primo acquisto dell’era “preitiana”, in pompa magna viene presentato “capitan” Vito Di Bari. Da quel momento in poi è un susseguirsi di annunci di nuovi calciatori e di tantissime trattative.

LA "MALEDIZIONE" CONTINUA

Si arriva così al ritiro pre-campionato con il primo allenamento stagionale davanti a 1000 tifosi ma il 10 agosto, come un fulmine a ciel sereno viene esonerato Alessandro Erra. E’ l’inizio di un campionato da incubo. La maledizione del 2016 continua. In panchina viene chiamato l’allenatore della Berretti Giulio Spader. Il giovane tecnico giallorosso, che in un primo momento doveva essere una scelta provvisoria, diventa, inaspettatamente, il titolare della nuova stagione. A questo punto la dea bendata si diverte con il Catanzaro. Alla prima di campionato al “Ceravolo” si parte con il derby di Calabria contro il Cosenza. I lupi, alla fine, festeggiano dopo 66 anni una vittoria in trasferta. Si rompe, così, l’apparente idillio tra gran parte della tifoseria e il Presidente Cosentino. Sul banco degli imputati sale subito Antonello Preiti che tenta di correre ai ripari con un marchiano dietro-front: la conferenza stampa di investitura ufficiale di Giulio Spader viene annullata. Il giovane allenatore immediatamente ridimensionato. Arriva il pluriesonerato Mario Somma con tanto di nuovo staff tecnico al seguito. Ma il tecnico di Latina inizia subito male proprio contro la matricola Virtus Francavilla, poi arrivano le batoste interne con Paganese e Messina e quelle esterne con Lecce e Matera inframmezzate dalle vittorie con Andria e Taranto ed il pareggio di Agrigento.

LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL?

La sconfitta all’ombra dei Sassi è fatale. Somma viene esonerato e al suo posto viene chiamato Nunzio Zavettieri. Il Catanzaro, non brilla, ma quanto meno inizia a trovare serenità anche grazie ad una prima scrematura della rosa. In questo ultima parte di stagione i giallorossi riescono a conquistare cinque risultati utili consecutivi. Tra questi il pareggio beffa contro la Reggina, la vittoria contro la Vibonese e l'1 a 1 contro il Cosenza. Dal San Vito i giallorossi sono tornati con un solo punto, pur meritando qualcosa di più, ma con la consapevolezza che quando si gioca con il cuore nulla è impossibile. L’Annus Horribils sta per finire. L’augurio di tutti è che il nuovo anno sia finalmente felice e vincente. Forza Catanzaro!  


Altre notizie - L'editoriale
Altre notizie
 

CATANZARO DEVI TIRAR FUORI GLI ARTIGLI!

Catanzaro devi tirar fuori gli artigli!Il Catanzaro si specchia nello Stretto e si ritrova spaesato, pauroso e pasticcione con il risultato finale che Maita e compagni tornano da Messina con una sconfitta che vanifica quanto di buono fatto al “Marcello Torre” di Pagani. Chi si aspettava una squadra capace ...
Casertana-Catanzaro 0-0

30 GENNAIO 1972: CATANZARO - JUVENTUS 1-0

30 Gennaio 1972: Catanzaro - Juventus 1-0DOMENICO SORRENTINO Di questa partita leggendaria i tifosi giallorossi, giovani e meno giovani sanno tutto. Di certo...

ESCLUSIVA CZS24/ PESCE, UN ANDRIESE CHE A CATANZARO HA LASCIATO IL CUORE

ESCLUSIVA CZS24/ Pesce, un andriese che a Catanzaro ha lasciato il cuore Giovani di buone speranze e con tanta voglia di fare. Ognuno con il suo passato e le sue origini, tutti con il grande sogno...

AKRAGAS, OGGI RIPRESA DELLA PREPARAZIONE. DI NAPOLI RECUPERA THIAGO CAZE' E RUSSO

Akragas, oggi ripresa della preparazione. Di Napoli recupera Thiago Caze' e RussoDopo la vittoria contro il Catania, mister Lello Di Napoli ha concesso un giorno di riposo ai suoi ragazzi. La preparazione...

UN TIFOSO AL PRESIDENTE COSENTINO "LA PASSIONE PER IL CATANZARO È VISCERALE"

Un tifoso al Presidente Cosentino "la passione per il Catanzaro è viscerale"Caro presidente, sono un tifoso del Catanzaro dall'età di 8 anni quando mio padre mi portava sulle sue spalle allo...

BASKET / LA SESTA "SINFONIA" DELLA MASTRIA VENDING: ANCHE LA STELLA AZZURRA ROMA VA KO

Basket / La sesta "sinfonia" della Mastria Vending: anche la Stella Azzurra Roma va koCome ci si aspettava quella dell’Arena Altero Felici è stata una vera e propria battaglia sportiva, ma alla fine...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 19 Febbraio 2017.
 
Lecce 55
 
Foggia 53
 
Matera 49
 
Juve Stabia 48
 
Virtus Francavilla 45
 
Cosenza 38
 
Unicusano Fondi 38*
 
Fidelis Andria 37
 
Catania 36*
 
Casertana 36*
 
Siracusa 35
 
Paganese 30
 
Monopoli 29
 
Messina 27
 
Taranto 25
 
Catanzaro 24
 
Akragas 24
 
Reggina 23
 
Vibonese 19
 
Melfi 17*
Penalizzazioni
 
Casertana -2
 
Catania -7
 
Melfi -1
 
Unicusano Fondi -1

   Catanzaro Sport 24 Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI