Il futuro del Catanzaro sono i bambini, giallorossi a scuola per sognare con i più piccoli (VIDEO)

 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:   articolo letto 1700 volte
Il futuro del Catanzaro sono i bambini, giallorossi a scuola per sognare con i più piccoli (VIDEO)

di Alessandro Manfredi - Il futuro del Catanzaro sono i bambini. Ci crede molto il presidente giallorosso Floriano Noto, tanto che dopo aver curato nei più piccoli particolari l'assetto societario, dimostrando nella pratica la voglia di vincere questa scommessa, ha sposato un progetto che porta il suo Catanzaro a scuola, tra i bambini delle quinte classi primarie e prime medie. 

Si chiama "Il Catanzaro sale in cattedra" e ieri ha visto il suo debutto all'istituto comprensivo Aldisio-Pascoli. Un'ora abbondante di pura emozione quella vissuta dai protagonisti inviati dalla società in questa prima giornata di incontro con i bambini. C'era il direttore dell'area tecnica giovanile Carmelo Moro ad accompagnare Domenico Strumbo e Francesco Fania, due ragazzi della Berretti, e Alessio Benedetti, forte centrocampista giallorosso, autore in sette partite di una rete e due assist.

Si è percepita chiara l'emozione dei protagonisti d'innanzi alla spontaneità e alla voglia di condividere un sogno dei piccoli alunni dell'Aldisio.

Il progetto, realizzato dal Catanzaro Calcio in collaborazione con Catanzarosport24 e con il patrocinio del Comune di Catanzaro è stato illustrato dal Presidente dell'Associazione "Unite ad arte", Sara Leone. L'evento odierno è stato il primo degli undici complessivi previsti nel corso dell'anno scolastico, nonché della stagione agonistica, e si terrà ogni 15 giorni nella settimana che precederà le partite casalinghe del Catanzaro. 

Tantissime le domande poste a Benedetti ed ai due giovani giocatori giallorossi della Berretti, che con grande entusiasmo e spontaneità hanno raccolto le curiosità dei bambini fornendo risposte sincere e genuine.

Un'atmosfera di grande gioia alla scoperta del sogno che accomuna tutti, calciatori, dirigenti, presidente Noto, bambini e tutti i catanzaresi: la serie A.

Un traguardo che i bambini consideravano quasi impossibile da raggiungere, ma dopo aver ascoltato la storia della squadra della loro città, scoprendo attraverso un video chi erano Mammì, autore della rete che diede la storica vittoria contro la Juventus, e Palanca, con le immagini della sua tripletta all'Olimpico contro la Roma nella vittoria del Catanzaro per 3-1, chi era la vera regina del Sud.

Hanno visto Claudio Ranieri esibire la sciarpa giallorossa nel giorno della leggendaria vittoria della Premier League del Leicester. Hanno osservato la curva dei tifosi al Ceravolo illuminarsi di notte quando mancò la luce intonando cori da brividi e hanno ascoltato il coro degli ultras della Massimo Capraro.

Insomma un mix concentrato che ha fatto comprendere loro quanto sono e saranno importanti perchè il Catanzaro possa ritornare a sognare. Come i loro nonni, che grazie a quel Catanzaro vissero il più grande riscatto sociale del Meridione del post guerra.

Una giornata indimenticabile per i bambini e per la società giallorossa, che nelle prossime settimane replicherà l'iniziativa in tante altre scuole della città.

E alla fine, gli alunni dell'Aldisio, hanno registrato un fortissimo Forza Catanzaro lanciando la sfida a tutte le altre scuole per stabilire l'urlo più forte della città.

Ora per loro ci sarà l'esperienza del campo: prima all'allenamento e sabato allo stadio contro il Matera. Tutti insieme, unendosi per quel sogno comune che soprattutto i bambini hanno voglia di vivere.

Anche loro sanno che chi sogna solo è un sognatore, ma chi sogna assieme agli altri vive il sogno.

Perchè, come recita una canzone di Luciano Ligabue, "sono sempre i sogni a dare forma al mondo".