Il Catanzaro e la rivoluzione "auteriana"

24.09.2018 09:52 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:   articolo letto 1540 volte
Il Catanzaro e la rivoluzione "auteriana"

E’ un Catanzaro rinnovato, quello che ha appena iniziato la stagione agonistica 2018/19 nel girone C di serie C. La squadra del Presidente Noto è stata quasi completamente rifatta ex novo. Una vera e propria rivoluzione tecnica visto che dello scorso campionato sono rimasti soltanto in quattro: Mattia Maita, Saveriano Infatino e i giovani Manuel Nicoletti e Christian Riggio tutto il resto è “nuovo” di zecca. Il primo colpo della società giallorossa è stato il tecnico, Gaetano Auteri. Per lui si è trattato di un ritorno a Catanzaro dopo la travagliata esperienza della stagione 2009/2010 conclusa con l’amara sconfitta in finale contro la Cisco Roma.  Oggi, rispetto a ieri, è tutto diverso. L’Auteri bis nasce sotto i migliori auspici e la campagna acquisti del Catanzaro sembra convincere e anche tanto gli addetti ai lavori. I giallorossi, insieme a Catania e Casertana, sono i favoriti alla promozione in serie B. Il Direttore Sportivo Pasquale Logiudice ha stravolto completamente la rosa della scorsa stagione e nel Capoluogo Calabrese sono arrivati ben 21 nuovi calciatori (le operazioni in entrata salgono a 23 se si considera che Nicoletti e Riggio sono stati acquistati dal Crotone dopo il prestito dello scorso anno). Mentre negli ultimi giorni di mercato, i pochi giocatori legati da contratto, non rientrando più nel progetto tecnico di mister Auteri, hanno rescisso. Oltre all’ex capitano Emanuele Nordi, hanno lasciato Catanzaro Daniel Onescu (destinazione Bisceglie), Matteo Zanini e Kenneth Van Ransbeeck. Mentre alla voce cessioni, si registra la sola partenza di Francesco De Giorgi che si è accasato a Viterbo. I componenti della rosa della passata stagione o sono rientrati alle squadre di provenienza per fine prestito oppure sono rimasti svincolati. Sono in tutto 27 i calciatori che formano la rosa a disposizione di Gaetano Auteri e tutti i reparti sono stati interessati falla rivoluzione “auteriana”.

I tre candidati chiamati a difendere la porta delle aquile sono: Adnan Golubovic, Entonio Elezaj e Rocco Mittica. Lo sloveno Golubovic è stato voluto espressamente dal tecnico giallorosso che lo scorso anno lo ha avuto a Matera. Elezaj, portiere albanese classe ’96, prima di approdare a Catanzaro ha difeso la porta della Racing Roma. Ultimo dei tre è il giovanissimo Mittica che dopo aver giocato nelle fila del Roccella, lo scorso anno era a Matera con mister Auteri.

Il reparto arretrato, oltre ai già citati Manuel Nicoletti e Christian Riggio è, invece, composto da Francesco Pambianchi proveniente dal Rende, Giuseppe Figliomeni fino allo scorso anno ha vestito la maglia del Foggia, Malick Lame che dopo l’esperienza con la Cavese in serie D non ha rinnovato con il Bisceglie (club che deteneva il cartellino n.d.c.), dalla Ternana sono arrivati Alessandro Favalli e Andrea Signorini mentre dal Pescara è arrivato Daniele Celiento.

A centrocampo, oltre al riconfermato Mattia Maita, sono approdati in giallorosso Giuseppe Statella dalla Ternana, Alvaro Iuliano dalla serie A bulgara, Carlo De Risio dall’Avellino, dal campionato greco Nikolaos Nikolopoulos, mentre Shaka Mawuli Eklu e Francesco Posocco dalla Spal.

In attacco, invece, a dare manforte a Saveriano Infantino, sono arrivati Eugenio D’Ursi dal Bisceglie, la sorpresa Nicola Ciccone che dopo l’esperienza col Gubbio si era svincolato dalla Cremonese, Andrea Repossi dalla Ternana, Luca Giannone dal Pisa, Mamadou Kanoute dal Benevento e l’altoatesino Manuel Fischnaller dall’Alessandria.

Tanti volti nuovi e tanta sostanza per alimentare un sogno atteso da troppo tempo. La rivoluzione è appena iniziata... avanti Aquile!