Cosenza – Catanzaro e il ritorno alla normalità...

 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:   articolo letto 1380 volte
Cosenza – Catanzaro e il ritorno alla normalità...

Cosenza – Catanzaro, ritorno alla normalità. Eh sì, la pura e semplice normalità, quella che vede affrontarsi due squadre vere, guidate da due allenatori veri. Insomma, una partita vera, un derby vero, senza nessun regalo. Nessuna squadra con le riserve o la berretti in campo (nonostante i giallorossi avessero molte assenze) o, ancora peggio, con una squadra spaccata nello spogliatoio e senza un allenatore vero. Quando il Catanzaro manda in campo undici giocatori “normali” guidati da un allenatore “normale”, il Cosenza “normalmente” non vince. Non vince mai, al massimo pareggia. Questa è storia. Questa è la sacrosanta verità. E ieri al “San Vito – Marulla” si è tornati alla “normalità” grazie alla professionalità e alla serietà dei calciatori che sono scesi in campo consapevoli di essere il Catanzaro e di giocare contro il Cosenza. E chissà che dal San Vito non cambi, finalmente, il campionato del Catanzaro. La tanto attesa svolta psicologica più volte invocata. Lo hanno dimostrato i calciatori in campo che hanno finalmente onorato la gloriosa maglia giallorossa. Lo hanno fatto giocando con il cuore. Ieri non c’erano “mele marce” travestite da calciatori del Catanzaro, e si è visto.  I lupi non possono spaventare le aquile reali. Questa è la normalità delle cose, della natura. Il Catanzaro è tornato ad essere il Catanzaro e quello conquistato al San Vito è un pareggio che, per certi versi, sta anche stretto ai ragazzi di mister Zavettieri. Dopo il gol di Basrak, i giallorossi hanno avuto la possibilità di vincere la partita. "Ci sono battaglie che si vincono anche con il cuore", i nostri ragazzi hanno lottato, combattuto, non hanno vinto ma lo avrebbero meritato. Purtroppo, l’ennesimo palo stagionale (si viaggia con l’impressionante media di uno a partita) colpito da Campagna e il gol divorato da Giovinco, sulla ribattuta, avrebbero potuto farci parlare di altro. Di una vittoria che sarebbe stata meritata. Sarebbe stata la ciliegina sulla torta di una trasferta “vinta” dai tifosi delle aquile che per larghi tratti della partita hanno ammutolito il San Vito. Eh sì, si è tornati proprio alla normalità, bentornato Catanzaro!