Catanzaro, A.A.A. cercasi continuità

 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:   articolo letto 1706 volte
Catanzaro, A.A.A. cercasi continuità

A.A.A. cercasi continuità. Potrebbe essere questo il cartello da appendere fuori dallo spogliatoio del Catanzaro di mister Dionigi. I giallorossi non riescono ad infilare un filotto di risultati utili per dare una svolta al campionato. Chi sperava che la vittoria nel derby contro il Cosenza potesse dare lo slancio a Nordi e compagni è rimasto deluso. Si torna da Siracusa con una sconfitta evitabilissima e forse immeritata. Non bisogna, però, creare alibi. Il Catanzaro deve giocare tutte le partite con la grinta e la determinazione vista al “Ceravolo” contro i rossoblu di Piero Braglia. Ogni qual volta la compagine di mister Dionigi “abbassa la guardia” prende gol e dopo diventa difficile recuperare. Quello andato in scena al “De Simone” di Siracusa è un film già visto contro la Virtus Francavilla e in altre occasioni: il Catanzaro gioca, fa la partita ma lascia l’intera posta in palio agli avversari. Se dovessimo trovare una giustificazione nell’ennesimo stop stagionale potremmo sicuramente guardare alle assenze importanti che hanno colpito, anche questa volta, la compagine del Presidente Noto. Perdere gente come Infantino e Letizia e avere Icardi e Maita non ancora al top possono essere delle scusanti, ma fino ad un certo punto. L’organico del Catanzaro può contare su tanti calciatori di valore ma, per una ragione o per un’altra, alcuni sembrano non riuscire a dare il massimo. Troppi errori, specie in difesa, lasciano l’amaro in bocca, anche perché, alla minima disattenzione i giallorossi vengono puniti. Ora sarà fondamentale portare punti dall'incontro con la Sicula Leonzio anche per interrompere la striscia negativa in trasferta. Poi bisognerà affrontare le due partite casalinghe contro Racing Fondi e Paganese con tanta determinazione per capitalizzare al massimo questi due incontri e piazzarsi nella migliore posizione possibile alla fine del girone d’andata. Dopo sarà compito della società intervenire sul mercato in quei reparti che necessitano di puntelli di valore. Anche perché le distanze con la zona playoff sono minime, il Catanzaro potrebbe tranquillamente conquistare un posto negli spareggi promozione. Nonostante penda sulla testa dei giallorossi la spada di Damocle della possibile penalizzazione per i ritardati pagamenti degli stipendi dello scorso campionato. Come si ricorderà a fine maggio, subito dopo la salvezza conquistata nello spareggio play-out contro la Vibonese, la Procura di Palmi ha fatto scattare l’inchiesta “Money Gate” bloccando i conti finanziari della famiglia Cosentino. Tutto ciò aveva impedito all’allora proprietà di ottemperare alle scadenze riguardanti gli stipendi dei calciatori giallorossi. Situazione, poi, sanata con alcune settimane di ritardo grazie alla delega fatta dall’ex Presidente Giuseppe Cosentino alla figlia Gessica nella sua veste di vice Presidente del sodalizio giallorosso. Nonostante tutto, però, la COVISOC ha provveduto a deferire il Catanzaro calcio.  Ora bisognerà attendere il prossimo 15 dicembre prima di sapere se la squadra di mister Dionigi sarà penalizzata o meno. La sensazione è che i giallorossi potrebbero in qualche modo cavarsela, nella peggiore delle ipotesi potrebbe arrivare qualche punto di penalizzazione, insomma nulla di preoccupante. Ecco allora che nelle prossime partite bisogna fare più punti possibili per continuare ad alimentare quel sogno chiamato play off.