A Reggio senza paura, c'è una salvezza da conquistare

06.04.2017 11:08 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:    Vedi letture
© foto di Luigi Putignano/TuttoLegaPro.com
A Reggio senza paura, c'è una salvezza da conquistare

Parola d’ordine: non mollare mai! La sconfitta per certi versi immeritata con il Foggia non deve minare lo stato d’animo di calciatori e tifosi. Bisogna crederci. Nulla è perduto. I punti per una salvezza miracolosa senza passare dalla terrificante lotteria dei play-out ci sono. Le capacità pure. Maita e compagni hanno dimostrato sia con Catania che con la capolista Foggia di avere le potenzialità per tirarsi fuori dalla zona rossa. Determinazione, abnegazione, spirito di sacrificio e un pizzico di fortuna sono gli ingredienti giusti per confezionare la ricetta “salvezza”. Il Catanzaro è ancora padrone del proprio destino. Tutto dipenderà dalle prossime cinque partite: due al “Ceravolo” contro Siracusa e Casertana, due derby in trasferta con Reggina e Vibonese per poi finire la regular season con l’Unicusano Fondi in terra laziale. Cinque partite, cinque battaglie. Nessuna resa, nessun piagnisteo. Domenica prossima a Reggio la prima stazione di una via Crucis che deve portare a far risorgere il Catanzaro dalle tenebre di un campionato tremendamente complicato. Non sarà un match facile. Gli amaranto vengono da due vittorie consecutive contro Melfi e Taranto. Una vera e propria boccata d’ossigeno. La compagine di mister Zeman aspetterà i giallorossi per continuare la striscia positiva e, soprattutto, per staccare una diretta contendente ai play-out. Ma lo stesso identico discorso vale per i ragazzi di mister Erra. I punti al “Granillo” valgono doppio. In riva allo Stretto bisogna giocarsi il tutto per tutto, anche per riprendersi i due punti persi all’andata quando una papera di Grandi, a tempo scaduto, ha regalato un pareggio immeritato alla Reggina. Gli amaranto saranno sospinti dal pubblico di casa, ma dalla parte opposta ci sarà anche il popolo delle aquile. Il Catanzaro non sarà solo. Giovinco e compagni saranno sostenuti da centinaia di tifosi. Senza paura, fuori gli artigli e ali spiegate. C’è una salvezza da conquistare, c’è una categoria da difendere, perchè i derby non si giocano, si vincono!