Momento no del Catanzaro, la delusione dei tifosi giallorossi

30.09.2019 17:15 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:    Vedi letture
© foto di Giuseppe Scialla
Momento no del Catanzaro, la delusione dei tifosi giallorossi

Il Mister continua a fare esperimenti e non propone sempre la stessa formazione. Saranno gli infortuni o altro? Come a Viterbo anche con la Casertana due evidenti errori difensivi ci hanno penalizzato,giochiamo troppo alti e non abbiamo gli uomini giusti,ci mancano calciatori di personalità,che si buttano a terra che tirano il pallone in tribuna che siano scorbutici con gli avversari , quelli che conoscono la categoria che sanno buttare dentro la palla e che al primo errore ti puniscono, Castaldo docet.... Insomma dobbiamo capire che la Categoria è questa dove il tiki taka non serve , bisogna essere concreti. E' mancato anche il centrocampo. Penso che Risolo, De Risio e Urso possano essere la triade giusta, personalmente penso anche che siano di buona personalità e vedo bene sia Risolo che Urso  mi hanno impressionato, certo è che non voglio criticare le scelte del Mister ne tanto meno sostituirmi perchè è facile parlare senza avere le giuste competenze.

A divenire affronteremo squadre come Virtus Francavilla, Potenza, Bari, Reggina,  non sarà semplice e qui dovremo dimostrare il nostro vero valore, siamo da primo posto o da terzo quarto come l'anno scorso? Abbiamo scelto i calciatori giusti? Le mie impressioni sono tante e rimangono tali ma se continuiamo così i tifosi che diranno? Cosa faranno ? Bisogna invertire la rotta.

Salvatore Panetta

-----

Mi convinco sempre piu' che questa squadra, nonostante il gioco che produce, non  puo' fare un campionato da prima in classifica. Siamo evanescenti e prevedibili, tutti quei passaggi che servono, non riesco a capire. Ma i tiri in porta non e' meglio farli e provare a segnare?  o bisogna arrivare per forza e sempre davanti al portiere. Speriamo che il mister cambi registro perche' quando arrivano gli squadroni sara' molto dura. Forza Catanzaro.  Antonio da Castrovillari

-----

Alla settima giornata del campionato 2019 /2010  chiedersi cosa occorra per vincere un campionato potrebbe apparire una domanda alquanto prematura perché mancano 31 partite alla conclusione e 93 punti potenziali.

Poi 90 , 87 ed invece  tanto prematura non è.  Un campionato si vince con la continuità di rendimento, come ha insegnato urbi et orbi la Juve Stabia lo scorso campionato. Dentro e fuori casa, sino al 100 ° minuto. Basta ripercorrerne  tutta la sequenza . Il problema non è subire una –due reti  (di certo rimontabili e superabili) ; è la carenza motivazionale di una squadra che deve esser forte  in primis  nella testa e poi nel fisico. Viterbese e Casertana  hanno usufruito di nervosismi e decocentrazioni  gratuite vincendo  non per superiorità ma perché gli è stato consentito. Con buona pace della bravura.

Il tempo degli errori e dei regali deve morire a Caserta , se  veramente  si vuole arrivare là , dove si deve arrivare, con un percorso costante degno di una grande tifoseria.

Felice Bruni - Catanzaro

-----

​Vi ricordiamo che questa rubrica è interamente dedicata alle opinioni, i saluti, gli auguri dei tifosi dell'Us Catanzaro 1929. Tutti coloro che vorranno essere "protagonisti" per un giorno sul nostro portale potranno inviare una mail a redazione@catanzarosport24.it