Gianluca Procopio, primo con "fame ed umiltà"

Il Mister degli Allievi giallorossi si confessa dall'alto della classifica
30.10.2013 22:06 di Gea Brescia   Vedi letture
© foto di Prospero Scolpini/TuttoLegaPro.com
Gianluca Procopio, primo con "fame ed umiltà"

Sembra quasi che non vedesse l'ora, Gianluca Procopio, di riprendersi il primo posto in classifica. Mentalità vincente, e questo è innegabile, il Mister degli Allievi giallorossi, non da l'idea di essere uno disposto a perdere tanto facilmente. Dopo aver militato in piazze prestigiose, tra cui Pescara , Campobasso, Taranto, Juve Stabia, S.Marino, e lo stesso Catanzaro, ha deciso di intraprendere la carriera di allenatore, all'età di 35 anni, quando gli è stato proposto di allenare il Real Monticchio, a cui è seguito l'incarico, conferitogli dal Catanzaro di Giuseppe Cosentino, di seguire gli  Allievi Nazionali giallorossi con i quali lo scorso anno è arrivato a disputare il Final Eight, piazzandosi tra le prime 4 rappresentative d'Italia.
"Quest'anno ripartiamo con una rosa in parte rinnovata, grazie all'attento lavoro di selezione del direttore tecnico del Catanzaro Carmelo Moro e Francesco Modestia, ma con la medesima fame ed umiltà con la quale i miei ragazzi sanno che devono scendere in campo ogni domenica".
Un inizio di stagione molto più che positivo, in cui gli Allievi di Gianluca Procopio hanno conquistato la vetta della classifica grazie ad uno score di tutto rispetto: 16 punti conquistati con 5 vittorie ed un pareggio, miglior difesa di questo scorcio di campionato, con una sola rete subita e per di più su calcio piazzato, 14 centri realizzati, una media di 2,3 goal a partita, unica compagine del campionato ad essere ancora imbattuta. Squadra concreta, quella allenata da Mister Procopio, cinica e divertente allo stesso tempo, attenta e concentrata dal primo minuto fino al triplice fischio finale. Ad inizio stagione il Mister giallorosso aveva dichiarato che i suoi ragazzi erano stati avvisati del fatto che ogni incontro sarebbe stata una finale. "È ancora così, anzi lo è molto di più. Dovunque si giochi troviamo squadre che si spendono ben oltre le loro possibilità, ma tutti vogliono batterci e  i ragazzi sanno che devono dare fondo anche a quelle risorse che spesso nemmeno sanno di possedere". Sembrano già lanciati verso nuovi traguardi, gli Aquilotti targati Procopio, ma il Mister aggiunge:" dobbiamo restare con i piedi per terra. Sarà un campionato lungo ed insidioso, e si arriverà in fondo solo mantenendosi modesti, ma nello stesso tempo certi di potere fare sempre meglio. Non era facile ripartire da dove eravamo arrivati, ma con questa rosa sono certo che riusciremo a bissare gli ottimi risultati della precedente stagione." Di fatto il progetto Catanzaro, fortemente voluto e sostenuto dal Presidente Cosentino non può che avvalorare la propria solidità con i tecnici a cui ha scelto di affidare i suoi ragazzi, che hanno anche avuto il grande onore di debuttare in prima squadra : "Alcuni ex Allievi hanno partecipato nelle gare disputate in prima squadra per la Coppa Italia, e non posso nascondere che la cosa mi abbia fatto enormemente piacere rappresentando un attestato di stima e fiducia che non può fare altro che stimolarci e spingere a fare sempre meglio". 
Palese la grande fiducia che Gianluca Procopio ripone nelle possibilità dei suoi ragazzi e dello staff tecnico, nel prof. Talotta, preparatore competente e qualificato, da cui è affiancato, e in tutte le persone che sono vicine ai suoi Allievi e contribuiscono alla loro crescita umana e sportiva, obiettivo primario indicato in più occasioni dallo stesso Mister.