US Catanzaro, inizia la settimana di allenamenti in vista del big-match con il Catania ma mister Auteri dovrà seguirla dalla tribuna

Settimana intensa di lavoro per i giallorossi ma ancora la sconfitta di Bisceglie non è stata del tutto assorbita
05.03.2019 18:52 di Maurizio Martino  articolo letto 1228 volte
US Catanzaro, inizia la settimana di allenamenti in vista del big-match con il Catania ma mister Auteri dovrà seguirla dalla tribuna

È iniziata oggi la settimana che culminerá con il big-match con il Catania (orario d'inizio anticipato alle 14:30) ma nell'ambiente non ė stata del tutto assorbita la sconfitta (quinta stagionale) di Bisceglie. Alcune riflessioni a tal proposito è giusto farle nonostante non sia il caso di fare allarmismi. Che fosse una partita difficile, quella con i nerazzurri, lo si sapeva in quanto basta guardare il ruolino di marcia dei pugliesi al "Ventuta". A più riprese nel corso della settimana abbiamo parlato di una squadra che sul proprio terreno sa farsi rispettare, alla luce dei 18 punti sui 23 che aveva ottenuto alla vigilia della gara con il Catanzaro,  tra gli altri, pareggiando con il Trapani e vincendo con il Catania. Ciò non equivale a dire che anche i giallorossi avrebbero potuto lasciare l'intera posta in palio. Affermare quindi che la sconfitta non ha rappresentato una sorpresa ci appare un tantino esagerato. Ciò non tanto perché il Bisceglie non potesse essere in grado di ottenere i tre punti, quanto perché, analizzando bene la gara, la vittoria ė stata frutto di un episodio e della brutta condotta di gara delle Aquile. Il fatto che la sconfitta possa essere meritata non equivale a dire che la stessa non sia stata inaspettata! Si parlava di episodio che ha deciso l'esito dell'incontro, infatti in occasione della rete il diretto marcatore di Triarico, autore del gol della domenica, era fuori dal campo infortunato. Ci riferiamo a Favalli che in occasione dell'azione conclusasi con la rete non è stato coperto da D'Ursi che, pur agendo sulla stessa fascia, non ha le caratteristiche adatte per agire in fase di copertura. Un dettaglio, che in effetti tale non è, che ha sancito la sconfitta contro i pugliesi. 

DIFFICOLTÀ A RIMONTARE

La sconfitta contro il Bisceglie ci dà lo spunto per dire che una volta passato in svantaggio, il Catanzaro difficilmente è in grado di raddrizzare o addirittura ribaltare il risultato. È successo solo in due occasioni, con lo stesso Bisceglie all'andata e a Matera (1-1 in entrambi i casi) mentre ha lasciato i tre punti in ben 5 occasioni (a Rende, a Caserta, con la Juve Stabia, a Trapani e appunto domenica a Bisceglie). Questo è un dato importante su cui mister Auteri dovrà lavorare e non solo dal punto di vista tecnico-tattico, specie a partire da adesso in cui i punti cominciano ad essere pesanti e determinanti ai fini di un migliore piazzamento in ottica play off.

PRIMO POSTO SOGNO SVANITO

Parliamo ormai di play off perché ormai, senza tante illusioni, il sogno di raggiungere il primo posto è obiettivamente svanito. Anche vincendo tutte le restanti gare ė impensabile sperare in più passi falsi da parte della Juve Stabia. Cerchiamo di essere realisti e pensiamo solo a raggiungere il secondo posto in quanto, calendario alla mano, è ancora raggiungibile a discapito del Trapani che ha disputato due gare in più. 
Ciò sarà possibile solo se i giallorossi ritorneranno ad essere quelli ammirati fino alla partita di Reggio. In occasione dei successivi incontri il Catanzaro non è stato la macchina da gol che eravamo abituati a vedere, pur mettendo in mostra il solito bel gioco, gara con il Bisceglie a parte. Gli 0-0 a Vibo e Castellammare e lo striminzito 1-0 con il Monopoli ne rappresentano la conferma. La spiegazione si deve attribuire principalmente alla mancanza degli attaccanti Fishnaller e Kanoute la cui presenza tra gli undici titolari è diventata ormai una necessità dalla quale non si può più prescindere.  

CATANIA SNODO IMPORTANTE

Come già lo ha rappresentato nel girone d'andata, la partita con il Catania di domenica rappresenta uno snodo importante per il futuro campionato del Catanzaro, non solo perché vincendo porteremmo a 4 i punti di vantaggio sugli etnei se si considera anche la vittoria al "Massimino", i tre punti darebbero ai ragazzi di Auteri quello slancio necessario per affrontare il prosieguo della stagione con maggiore convinzione e i giusti stimoli per puntare al secondo gradino della graduatoria. 

AUTERI SQUALIFICATO

Concentrazione massima dunque nel tentativo di ottenere la terza vittoria stagionale contro i rossoazzurri dopo quelle ottenute all'andata e in Coppa. Il Catania sa di dover puntare alla vittoria per non perdere troppo terreno e in ottica classifica avulsa nei confronti dei giallorossi, pertanto dovrà inevitabilmente concedere degli spazi che le Aquile potrebbero sfruttare al meglio. Si sa che il Catanzaro, per il tipo di gioco adottato si esprime meglio con le squadre che giocano a viso aperto a differenza di quanto successo per esempio di recente con Monopoli e Bisceglie. Con gli etnei ci saranno però due frecce in più nel proprio arco, Kanoute e Fishnaller, e non è cosa di poco conto.
Al big-match mister Auteri però sarà costretto ad assistere dalla tribuna in quanto squalificato dopo l'allontanamento dal campo nel corso della gara a Bisceglie. Sempre in tema di squalifiche, il Catania dovrà invece rinunciare a Carriero e Curiale.

Maurizio Martino