Tra Aquile, lupi, grifoni e briganti… assalto al “Noto” regno delle Aquile

Se vi capita di incontrarli non abbiate timore, ma fate attenzione sotto le sembianze del Grifone in realtà si celano briganti, briganti prestati al calcio
22.05.2020 19:45 di Leonardo La Cava   Vedi letture
Tra Aquile, lupi, grifoni e briganti… assalto al “Noto” regno delle Aquile

Sembrerebbe il titolo di un manifesto che invita ad una bella escursione in montagna, ne avremmo bisogno un po’ tutti visto il lockdown da Corona Virus. Però gli assembramenti sono ancora vietati, tocca accontentarsi di quel graduale ritorno alla normalità. Questo per noi comuni mortali. Perché poi ci sono quelle creature mitologiche con le sembianze da grifone, hanno la testa d’aquila e il corpo da leone che gli assembramenti li fanno, e che assembramenti!!!

Se vi capita di incontrarli non abbiate timore, ma fate attenzione sotto le sembianze del Grifone in realtà si celano briganti, briganti prestati al calcio. Agiscono in branco come i lupi, è una missione da “extrema ratio”, cui si ricorre quando non vi siano altre vie d’uscita, o come nel nostro caso altre vie di entrata, l’obiettivo dei lupi è quello di assalire il “Noto” regno delle Aquile.

La strategia vede il capo branco, ormai brizzolato, dettare il passo del gruppo, spacciando di avere un "lasciapassare dall'alto", e con il frutto della sua esperienza (?!) studia la strada migliore seguito dai lupi più giovani  che hanno il compito di aggredire ai fianchi il “Noto” regno delle Aquile trovando sponda in qualche “aquilotto” in cerca di notorietà.

Eppure il mondo del calcio è assai vasto ci chiediamo perché questi briganti prestati al calcio, che millantano di vantare titoli e successi a iosa gira e rigira li ritrovi sempre ad elemosinare un ruolo nelle regno delle Aquile? Ma tra Aquile, lupi, grifoni e briganti il Catanzaro va…