Maglia derby offensiva, la procura federale “da' ragione” a catanzarosport24.it

Il gesto del presidente Gallo ritenuto lesivo e non goliardico
23.01.2020 15:38 di Leonardo La Cava   Vedi letture
Maglia derby offensiva, la procura federale “da' ragione” a catanzarosport24.it

Una cosa è un atto goliardico altra cosa è offendere la tifoseria avversaria e di conseguenza una intera città. Catanzarosport24.it  subito dopo il derby pur applaudendo la Reggina e complimentandosi con Toscano ed i suoi ragazzi aveva chiesto fortemente l’intervento della procura federale con questa motivazione: “Un episodio molto grave per il quale è auspicabile un intervento immediato degli Organi Federali con l’applicazione delle norme, nella fattispecie Articolo 2-bis. comma 1 “Sono vietati, negli impianti sportivi, striscioni e cartelli ovvero altre scritte o immagini che, comunque, incitino alla violenza o che contengano INSULTI o minacce…” (questo l'articolo di catanzarosport24.it)

Oggi è arrivata la decisione della procura federale che in sostanza da ragione a quanto sostenuto da catanzarosport24.it in data odierna è stata notificata la comunicazione di conclusione delle indagini della Procura Federale in merito all’episodio avvenuto in occasione della gara tra Reggina e Catanzaro del 12/10/2019 e in particolare alla maglietta esibita dal presidente Luca Gallo subito dopo la rete decisiva realizzata da Simone Corazza.

La maglia indossata dal massimo dirigente amaranto è risultata offensiva, irriguardosa e che potenzialmente poteva istigare episodi di violenza considerata la sconfitta della squadra ospite.

La Reggina ribadisce ancora una volta l’estraneità del proprio presidente ai fatti contestati che, è evidente, risultano essere solo e soltanto esultanze da parte di colui ch’è il primo tifoso.

La Reggina comunica altresì che provvederà a difendersi nelle sedi preposte.

Leonardo La Cava