L'ultimo saluto a Sasà Leotta. Il cordoglio del Presidente Noto, Borghi, Sabadini e Fontana

Il presidente Noto ha deposto sul feretro una maglia dell'U.S. con il numero 9
10.02.2020 18:12 di Leonardo La Cava   Vedi letture
L'ultimo saluto a Sasà Leotta. Il cordoglio del Presidente Noto, Borghi, Sabadini e Fontana

Si è tenuta oggi pomeriggio alle 15,30 la cerimonia funebre per Sasà Leotta ex attaccante Campione d’Italia di IV Serie ed allenatore dell’U.S. Catanzaro, scomparso ieri all’età di 86 anni.  In tanti sono accorsi nella Parrocchia "Santa Teresa di Gesù Bambino" in Loc. Giovino  per dare l’ultimo saluto a Sasà. Oltre ai parenti, tanti tifosi, ex calciatori ed amici di tutti i giorno. Presente anche la società dell’U.S. Catanzaro Calcio nella persona del Presidente Floriano Noto e dello SLO Salvatore Ferragina che hanno deposto sul feretro una maglia dell’US. Catanzaro con il numero nove.

Tra chi ha volito ricordarlo ma che non ha potuto essere presente, tre suoi ex allievi per i quali sono stati letti dei messaggi di cordoglio che vi proponiamo.

In tanti a dare l’ultimo saluto a Sasà Leotta, nella chiesa di “Giovino”

Ciao Mister,  oltre a maestro di calcio, voglio ricordarti come maestro di vita. Voglio ricordare il tuo sorriso, le tue battute, il tuo altruismo, la tua disponibilità, la tua bontà, e se oggi tantissima gente di piange è perché macherai, sei stato una persona alla quale abbiamo voluto veramente bene. Sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Mister

Carlo Borghi

Mi stai dando una brutta notizia, sono veramente dispiaciuto. Io purtroppo  sono al nord per lavoro e non potrò essere presente, ma ci sarò con il cuore. Se ne va oltre che un amico un mister intenditore di calcio e uomo sempre pronto a darci consigli utili durante gli allenamenti e prima delle partite. Poi dotato di una simpatia particolare nei momenti difficili era bravissimo a sdrammatizzare ed alzare il morale della squadra. Ciao Sasà che il Signore di accolga, noi giocatori ti abbiamo voluto bene e ti abbiamo sempre rispettato come un padre-amico. Ti voglio bene, un giorno ci incontreremo in un mondo spero migliore. Tuo allievo e amico Tato

Giuseppe Sabadini

Catanzaro è la mia città. Catanzaro è la mia famiglia.  A Catanzaro appartengono  ricordi di una giovinezza che auguro possano vivere in tanti; se ho potuto vivere una giovinezza ricca di contenuti morali, difatti lo devo a chi ha contribuito alla mia formazione. Tr i miei maestri, non posso non ricordare con immenso affetto e gratitudine Sasà Leotta. Maetro di eleganza, di valori.

La mia fortuna, e quella dei miei compagni di viaggio di allora, è stata quella di avere incontrato una persona speciale come Sasà, che oggi si riconcilia a tutte le anime nobili come la sua.

La sua anima è giunta dentro ognuno di noi… con semplicità, con rispetto, con amore.

Con gli stessi valori, ti porgo il mio saluto, e la mia gratitudine per le lezioni di vita che ci hai donato. Che la terra ti sia lieve.

Gaetano Fontana