Kanouté: "Nulla è perduto. Dobbiamo crederci" (VIDEO)"

L'attaccante franco-senegalese analizza il momento negativo che sta attraversando la squadra dopo le due sconfitte consecutive
14.03.2019 17:45 di Maurizio Martino  articolo letto 1178 volte
Kanouté: "Nulla è perduto. Dobbiamo crederci" (VIDEO)"

Nell'incontro infrasettimanale con la stampa ad analizzare il momento negativo della squadra giallorossa dopo le sue sconfitte consecutive,  è stato l'attaccante Kanouté. Il franco-senegalese ė convinto che nulla ė perduto, anche a fronte delle ultime prestazioni molto a di sotto degli standard di stagione. "Dobbiamo crederci - afferma - anche perché la Juve Stabia ha rallentato notevolmente. Noi dobbiamo continuare a giocare con questa convinzione. Ci sono ancora tante partite da disputare". Sul suo rientro dopo oltre un mese di assenza per infortunio questo è il suo pensiero: "Non ė stato facile per me vedere i compagni giocare sapendo di non poter dare il mio contributo. Con il Catania, al mio rientro dal primo minuto, ho avuto paura per una eventuale ricaduta, ecco perché nel primo tempo non mi sono espresso al massimo. Nella ripresa invece ho giocato meglio muovendomi molto di più per cercare di rendermi più utile. Rientrando dopo un infortunio è normale che ci possa essere una certa cautela all'inizio". Sui motivi delle due sconfitte consecutive, mai subite prima nel corso della stagione, per Kanouté sono da ricercare solo negli errori commessi dalla squadra e non certo per meriti o superiorità degli avversari. È di questo avviso anche quando l'attaccante si è soffermato sul l'analisi della recente sconfitta con il Catania. "Con tutto il rispetto per loro, diciamo che siamo stati noi a concedere molto, la vittoria l'abbiamo regalata noi. Il Catania non ha fatto niente di particolare per meritarla. Dopo il vantaggio si sono chiusi cercando di sfruttare solo le ripartenze". Sempre sulla partita contro gli etnei, sull'opportunità che in alcuni frangenti forse sarebbe stato più opportuno fare meno possesso palla, questa la valutazione del franco-senegalese: " Il nostro gioco è fatto di possesso palla. Ogni squadra ha le sue caratteristiche, questa è la nostra. Questo gioco ci ha permesso di arrivare dove ci troviamo adesso, il Catanzaro non può esprimersi in modo diverso. Con il continuo possesso siamo in grado di trovare più spazi durante la costruzione del gioco". 
In merito alle condizioni generali della squadra questo il suo passaggio: " Stiamo bene. Non ci sono problemi nè di natura fisica, nè mentale. Dobbiamo solo evitare certi errori e capire come evitarne altri. Siamo stati anche sfortunati per gli infortuni che ci sono stati in contemporanea, il mio, quelli di Fishnaller e di Figliomen". Sul prossimo avversario, il Rieti, Kanouté sostiene: "Sarà una gara difficile perché loro sono alla ricerca dei punti salvezza ma noi dobbiamo fare di tutto per ottenere i tre punti. In un modo l nell'altro devono arrivare".

 

Maurizio Martino