E’ già big match: il presidente della Juve Stabia: Auteri? “E’ un provocatore”

Ci sentiamo in diritto ed in dovere di richiamare l’attenzione degli organi competenti affinchè la terna arbitrale non subisca pressioni psicologiche in un match così importante
11.02.2019 08:56 di Leonardo La Cava   Vedi letture
E’ già big match: il presidente della Juve Stabia: Auteri? “E’ un provocatore”

Juve Stabia – Catanzaro è già iniziata, il bigh match del turno infrasettimanale che andrà di scena mercoledì alle 20,30 presso lo stadio “Menti” di Castellammare viaggia già con una buona dose di adrenalina sulla rete.

Il clima che i giallorossi troveranno in Campania sarà di quelli roventi, come è giusto che sia, se tutto dovesse comunque scivolare via nei giusti binari della correttezza e lealtà sportiva. Alcuni segnali però sono un po’ ambigui, come l’atteggiamento del numero uno della società gialloblu, Francesco Manniello, che in un post apparso sul gruppo facebook  “Stabiesi al 100%” ha definito il tecnico Catanzarese un provocatore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sputi, insulti e non certo lancio di confetti promettono alcuni tifosi stabiesi all’indirizzo di Gaetano Auteri, ma c’è qualcuno che si rifà alla lealtà sportiva condannando atteggiamenti poco civili.

Sul post in questione “Quando sei Auteri e scopri che mercoledì dovrai passare sotto la tribuna scoperta” interviene anche il presidente della Juve Stabia, Francesco Manniello, che scrive: “Cortesemente chi ha intenzione di farci squalificare il campo se ne stia a casa , dopo questa abbiamo altre sei partite casalinghe, ed il signor Auteri farà di tutto per provocare ma noi dobbiamo ignorarlo. Quindi per favore niente azioni che possano crearci problemi. Grazie”

 

 

 

 

 

Non si capisce perché Manniello ha questo pensiero nei confronti del mister giallorosso, e se da una parte invita alla calma dall’altra di certo non getta acqua sul fuoco definendo Auteri un provocatore in un post che di sportivo ha poco o quasi niente.

Il match è già nel vivo, e ci auguriamo che in questa nuova era del calcio Made Gravina la FIGC in collaborazione con la Lega Pro del neo presidente Ghirelli, metta in campo tutte le tecniche necessarie affinchè la Procura Federale faccia il suo lavoro vigilando su tutto il match ad iniziare dal tunnel degli spogliatoi cosi che, la gara sia priva di condizionamenti. Perché se Manniello può liberamente affermare che Auteri è un provocatore, altrettanto noi ci sentiamo in diritto ed in dovere di richiamare l’attenzione degli organi competenti affinchè la terna arbitrale non subisca pressioni psicologiche in un match così importante.

Leonardo La Cava